Tango, yoga o «taglia e cuci» Per tutti c’è un corso su misura

Ultimi giorni per iscriversi alle lezioni per il tempo libero. Le seguiranno almeno in 4mila

Giovanni Buzzatti

Restano pochi giorni per scegliere. I corsi per il tempo libero cominciano la prossima settimana e per molti (70) le iscrizioni sono ancora aperte. Finora, la sorpresa è stato l’interesse per il «taglio e cucito», non solo tra le donne. La novità si chiama invece «crea il tuo gioiello»: sfruttando i metalli (rame, ferro, ottone) e materiali come vetro, bottoni o pietre ognuno può costruirsi collane e braccialetti su misura.
È questo l’ultimo nato tra i corsi che l’Associazione Les organizza con il patrocinio del Comune. Gli iscritti alle lezioni di questo primo semestre saranno almeno 4mila. E qualcosa sta cambiando nella scelta della «materia». «Si cerca il piacere più che l’utilità, si preferisce la disciplina che gratifica a quella che può tornare utile sul lavoro», racconta Simonetta Ferri, responsabile della Les.
Non mancano gli esempi. I corsi sono 81. Si va dal disegno alla fotografia, dalla storia della musica a «voce e dizione». Ci sono gli antidoti allo stress (dallo yoga alla «danza come terapia», corso, quest’ultimo, «dove non si impara a ballare ma a risolvere situazioni che ci bloccano emotivamente»), le lezioni sui fiori di Bach e le discipline che «aiutano a conoscersi meglio». Come l’astrologia umanistica, insegnata da un presentatore tv con la passione per gli astri. E ancora l’enologia (seguitissimo), il canto, le lezioni di fumetto o computer. «Tra i nostri insegnanti ci sono docenti universitari (è il caso della comunicazione) e persone che, penso al tango argentino o la danza del ventre, per prime hanno portato queste discipline a Milano», riprende la direttrice della Les, al diciannovesimo anno di corsi.
Alcuni corsi (tra quelli di informatica, grafologia, storia dell’arte, canto, filosofia) hanno esaurito i posti a disposizione. «Vorremmo accontentare tutti - continua Simonetta Ferri - ma mancano gli spazi». I corsi - una lezione a settimana fino a febbraio in classi di massimo 25 alunni - sono distribuiti in dieci scuole. Il prezzo varia tra i 130 e i 140 euro, ai quali vanno aggiunti i 15 dell’abbonamento all’associazione, obbligatorio. Per seguirli c’è chi arriva dall’hinterland o addirittura da fuori regione. È successo l’anno scorso, con un allievo di Parma. «L’identikit dello “studente del tempo libero”? Una persona in età lavorativa, di solito piena di energia e che fa l’impossibile per ritagliare uno spazio della giornata da dedicare a una passione, a un interesse». E non ci si ferma alle lezioni. La Les organizzerà nei prossimi mesi un viaggio in India, «meta ideale per gli amanti dello yoga - staremo quattro giorni nella “capitale” della disciplina - ma anche per chi segue il corso di storia delle religioni o quello di baratha natyam, una danza di questo Paese», conclude la Ferri.
Per avere notizie sui corsi ed iscriversi alle lezioni si deve andare di persona all’Ufficio tempo libero in piazza Sant’Agostino 1 (fermata Sant’Agostino della M2), aperto da lunedì al venerdì dalle 10 alle 17.30 (il telefono è 02-83.573.75). Ci si può iscrivere anche attraverso il sito Internet dell’associazione, www.associazioneles.it.