Telecamere «accese» su scuole e asili

Occhi elettronici puntati su asili, scuole elementari e superiori, per la sicurezza dei giovani ma anche per difendere gli edifici dai vandali. Su quella piazza Trento che è un crocevia della prostituzione minorile, sulla Chiesa di San Bernardo in Comasina dove a gennaio i vandali hanno bruciato persino le auto dei sacerdoti. Le telecamere del Comune sorveglieranno la Loggia dei Mercanti, che di giorno è meta fissa dei turisti e di sera si trasforma in un anfratto dove gruppi di sudamericani suonano e improvvisano pic-nic. Il sindaco Gabriele Albertini, nella veste di commissario straordinario del traffico, ha dato il via libera a nuovi sistemi di videosorveglianza per la città, con un occhio di riguardo alle scuole e alle aree nel mirino dei vandali. Interventi a cui Palazzo Marino destina 1,7 milioni di euro.
«Abbiamo scelto quelle scuole - spiega il vicesindaco Riccardo De Corato - che sono già state oggetto di numerosi atti di vandalismo e irruzioni, anche di notte. Corriamo ai ripari, per la sicurezza di studenti, insegnanti e degli stessi edifici, prima che avvengano episodi come l’incendio che distrusse l’asilo di via Brivio».