Touring, 120 anni in viaggio alla scoperta dei tesori italiani

Oltre un secolo di storia in una mostra allestita nel Palazzo della Ragione. Documenti, mappe e foto raccontano come dall'800 sia cambiato il turismo

E poi si dice che Milano è la città meno interessante d'Italia. Sarà un caso ma, se la matematica non è un'opinione, il capolouogo lombardo è in Italia quello che conta il maggior numero di volontari del Touring Club che quest'anno compie 120 anni. E, soprattutto, il maggior numero di visitatori ai siti di «Aperti per Voi» in tutt'Italia, iniziativa nata nel 2005 con l'obbiettivo di garantire l'accesso continuativo a determinati luoghi di cultura. A Milano si trova infatti il 60 per cento totale dei volontari Touring, ovvero 1.218.365, sparsi nei 15 luoghi che aderiscono all'iniziativa di «Aperti per Voi» e il sito più visitato dell'intera Penisola è la Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore in corso Magenta 13. Sono le cifre raccolte dopo i festeggiamenti per i 2milioni totali di visitatori raggiunti nei diversi siti italiani. Mafalda è stata la protagonista indiscussa di questi festeggiamenti, dato che l'autore argentino Joaquin Salvador Lavado in arte Quino, ha realizzato una Mafalda appositamente per Touring che si complimenta con i volontari (il suo plauso è rivolto giustamente a tutti, anche se forse per i lodevoli milanesi poteva avere un occhio di riguardo specifico…). E i festeggiamenti di Touring non finiscono qui. Facciamo un salto nel tempo all'indietro di un secolo: si deve a Federico Johnson e Luigi Bertarelli , due giovani viaggiatori uno inglese e uno italiano, la fondazione, nel 1894 del Touring Club Italiano, che nacque per diffondere il turismo nella Penisola guardando anzitutto agli italiani stessi. Siamo nel 2014: dopo più di un secolo di Guide Rosse, dopo aver aperto nuove strade e dopo aver raggiunto un numero di 320mila abbonati, il Touring Club Italiano non può festeggiare i suoi 120 anni che tenendo fede alla sua identità: far conoscer l'Italia agli italiani.

Aprirà il 13 marzo (fino al 25 maggio) la mostra «In viaggio con l'Italia», che vedrà raccolte nel Palazzo della Ragione (in piazza Mercanti 1) le varie testimonianze indicative di come sia cambiato il turismo in tutti questi anni: l'enorme archivio di mappe, testimonianze e fotografie che hanno formato, si può dire, una parte significativa della storia del turismo in Italia, saranno montate da Studio Azzurro in un percorso multimediale ed esperienziale, che vedrà stimolati tutti i sensi (vista, udito, ma anche tatto e olfatto). Guide Rosse telematiche, fotografie e filmati permetteranno di fare un viaggio nel tempo per spiegare «il turismo come valore, in una mostra celebrativa ma non retorica» dice Franco Iseppi, presidente del Touring Club. Studio Azzurro è impegnato da oltre 6 mesi nell'elaborazione, attraverso il materiale dell'archivio di Touring, di un percorso in grado di restituire il cambiamento del modo di viaggiare dall'Ottocento ad oggi e, allo stesso tempo, il senso del viaggio di cui Touring è da sempre portavoce e che rimane invariato negli anni: la scoperta e l'apertura verso il nuovo.
www.apertipervoi.it, www.touringmagazine.it, www.touringclub.it tel. 840.88.88.02