Trofeo Laigueglia, parte la nuova stagione

Fausto Rosi

A Laigueglia tutto è pronto per l’appuntamento d’apertura della nuova stagione agonistica. Il Comune e l’APT Riviera delle Palme, continuando a sostenere con entusiasmo gli organizzatori, consentono che oggi si disputi la 43ª edizione del «Trofeo Laigueglia», una delle classiche del ciclismo italiano. Saranno ventiquattro le formazioni in gara composte ciascuna da otto atleti per un totale di centonovantadue concorrenti. Non ci sono grosse sorprese durante le operazioni di verifica licenze tenutesi ieri nella struttura dell’«Ex-Sar» di via dei Glicini, a pochi metri dal piazzale san Sebastiano, ove stamani è posto il ritrovo di partenza.
È da lì che alle 10.45 la multicolore carovana si metterà in movimento puntando verso ponente. Giunti ad Imperia, gli atleti abbandoneranno la via Aurelia per addentrarsi nell’entroterra dove affronteranno per la prima volta le rampe del Ginestro (Km. 40 di gara); poi la veloce discesa sino a Caso e Garlenda per risalire, affrontando dal versante orientale, in vetta allo stesso passo. A seguire vi saranno la discesa di Andora ed un lungo tratto pianeggiante fino a Ceriale con virata verso l’interno ove i corridori dovranno affrontare la parte conclusiva della gara che prevede il passo del Balestrino (m. 690 sul livello del mare), ideale trampolino di lancio verso il traguardo. Dalla sommità del monte mancheranno infatti trentadue chilometri alla conclusione e, come nelle passate edizioni, si prevede un finale con fasi palpitanti e combattute.
Nell’albo d’oro sono scritti nomi di atleti famosi: due volte si sono imposti Bitossi, Dancelli, Merchx, Gavazzi, Sorensen e Pozzato, una volta altri grossi campioni come Zilioli, Baronchelli, Maertens, Knudsen, De Vlaeminck, Saronni, Armstrong, Museeuw, Vandenbroucke, Bartoli, Savoldelli, Celestino e Di Luca. Tra le compagini che si presentano ai nastri di partenza spiccano la Quickstep-Innergetic con Paolo Bettini (in gara con il dorsale 1) e Filippo Pozzato (alla caccia del terzo storico successo), la Liquigas con Andrea Noè e Dario Cioni, la Cofidis con Moreni e Bertagnolli e la nuova Milram con Mirko Celestino (che cercherà di bissare la vittoria conseguita nel 2001) e Andriy Grifko. Queste squadre, con ogni probabilità, cercheranno di tenere la corsa «sotto controllo» per consentire agli uomini di punta di sparare le loro cartucce nel finale. Bennati e Figueras (Lampre-Fondital), Sella e Mazzanti (ceramica Panaria-Navigare), Niemiec (Miche), Caucchioli e Bodrogi (Credit Agricole), Fischer (Naturino-Sapore di mare), Baldato (Tenax) ed Axelsson (Selle Italia-Diquigiovanni) insieme ad un folto gruppo di neoprofessionisti capeggiati da Callegarin (Androni Giocattoli), vincitore dell’ultima Milano-Rapallo, faranno di tutto per mettersi in evidenza. Al via, oltre a Celestino, altri cinque liguri: l’imperiese Salerno e gli spezzini Silvestri, Genovesi, Ricciardi e Signego. Un successo a Laigueglia, tutti lo sanno, rappresenta un bel biglietto da visita per la stagione 2006.