Trump è machiavellico. E Putin un classico russo

Fra romanzi, saggi e poesie un "catalogo" con molte sorprese: ecco che cosa leggono i grandi della Terra

Steve Bannon, braccio destro di Donald Trump, è un lettore di Julius Evola. Lo ha fatto notare, con una certa malizia, il New York Times in un articolo del 10 febbraio. La malizia risiede nel fatto che Evola viene presentato come «darling», beniamino, dei fascisti e addirittura «nazi-affiliated», affiliato ai nazisti. Quindi Trump o almeno il suo staff... Non è certo il caso di riaprire qui il dibattito sul filosofo tradizionalista, da decenni studiato con serietà da un'ampia schiera di ricercatori, tra i quali spicca Gianfranco de Turris. Neppure è l'occasione per indagare su quanto di «evoliano» possa esserci nell'azione di governo di The Donald (niente, a occhio e croce: il giudizio di Evola sugli Stati Uniti, apice della modernità, era sprezzante eccezion fatta, parzialmente, per l'esistenzialismo ribelle della beat generation). Viene piuttosto una curiosità. Se il guru di Trump legge Evola e, pare, René Guénon, che cosa legge Trump stesso? E i suoi colleghi che reggono le sorti del mondo?

Prima di addentrarci nella selva dei titoli, una precisazione. I leader amano lasciar trapelare le loro letture. È un modo di dire qualcosa di sé al cittadino e anche di erigere un pantheon che dovrebbe giustificare o inquadrare l'azione di governo. La lista sarà dunque il frutto, non sempre ma spesso, dell'accorto lavoro di uno spin doctor. In qualche caso, le «top ten» presidenziali emergono da interviste o discorsi ufficiali.

TRUMP The Donald ha ammesso di aver poco tempo per leggere. Messo con le spalle al muro (il Messico non c'entra) ha detto che il suo romanzo preferito è Niente di nuovo sul fronte occidentale di Erich Maria Remarque, tipica lettura scolastica, giustamente, e tipica lettura «disfattista» detestata da molti uomini di destra. Ne L'arte di fare affari, il suo manuale del 1987, e in Trump 101. La via del successo, altro manuale del 2006, Trump elenca numerosi titoli imprescindibili tra cui spuntano le opere chiave del realismo politico e della strategia militare, ad esempio Il Principe di Niccolò Machiavelli e L'arte della guerra di Sun Tzu. Come Barack Obama, Trump ha detto di ammirare le opere di Ralph Waldo Emerson.

THERESA MAY Il primo ministro che sta levando gli ormeggi alla Gran Bretagna, intenzionata a navigare lontano dall'Unione europea, non rinuncia mai a un tocco di femminilità. Lo stesso che emerge dalle sue letture. La scrittrice prediletta è Jane Austen, Orgoglio e pregiudizio ma anche Emma. Medaglia di bronzo per Charlotte Brontë, Jane Eyre. Per rilassarsi, legge detective stories. May ha anche una collezione di libri di cucina, oltre un centinaio, tra cui spiccano i cookbooks di Yotam Ottolenghi, lo chef simbolo di un certo ambiente londinese: cosmopolita, metrosessuale e aperto alla contaminazione. Il suo ristorante NOPI è famoso per i piatti che strizzano l'occhio ai sapori del Medio Oriente. Niente a che vedere con le specialità del territorio «come le faceva la mamma».

VLADIMIR PUTIN Lista da lettore forte per l'uomo forte del Cremlino. Le poesie persiane di Omar Khayyam (un dono della moglie). I tre moschettieri di Alexandre Dumas. Per chi suona la campana di Ernest Hemingway. Sistemati con un contentino Oriente, Europa e America, il resto è una orgoglioso catalogo di meraviglie della Grande Madre Russia. Doppio Dostoevskij: Delitto e castigo e I fratelli Karamazov. Tolstoj: Anna Karenina. Turgenev: Memorie di un cacciatore, fondamentale, secondo Putin, per capire il cuore del suo sterminato Paese. Nei discorsi ufficiali, il presidente cita spesso tre filosofi: Ivan Il'in (antisovietico, anticomunista, legato al pensiero religioso ortodosso); il teologo e poeta Vladimir Solov'ëv; il dissidente Nikolaj Berdjaev (etica cristiana, rifiuto dell'autoritarismo, libertà individuale). Di quest'ultimo autore, Putin ama Il destino dell'uomo.

PAPA FRANCESCO Jorge Bergoglio fu amico di Jorge Luis Borges. Ha detto di aver letto tre volte I promessi sposi di Alessandro Manzoni e di meditare volentieri sulle terzine della Divina Commedia di Dante Alighieri e sui versi di Friedrich Hölderlin (poesia preferita Alla mia veneranda nonna). Più di una affinità lo lega al poeta gesuita inglese Gerard Manley Hopkins. Tra i romanzi, Bergoglio predilige Il padrone del mondo di Robert Hugh Benson, in cui si immagina la fine del cristianesimo per eccesso di relativismo. Ma anche le Memorie dal sottosuolo di Dostoevskij. Fin da bambino conosce a memoria la poesia in piemontese Rassa nostrana di Nino Costa: come è noto, il bisnonno di Bergoglio era di Montechiaro d'Asti. Tra le letture spirituali, gli Esercizi di Ignazio di Loyola, L'abbraccio benedicente. Meditazione sul ritorno del figliol prodigo dell'olandese (ma cattolico) Henri Nouwen e Il Signore di Romano Guardini, riflessioni su Cristo: «La vita di Gesù non è la realizzazione di un programma fisso a priori, ma è autentica storia».

XI JINPING Il presidente cinese ha stilato una puntigliosa relazione sulle sue letture. Da bambino, si appassionò alle avventure di Yue Fei, eroe nazionale della dinastia Song (960-1279). Poi i classici occidentali, Guerra e pace di Tolstoj, Il rosso e il nero di Stendhal, I dolori del giovane Werther di Goethe. Faticosa la lettura del Faust. Xi lo avrebbe anche detto alla cancelliera Angela Merkel: difficile adattarsi a un'opera così ricca di fantasia. Xi conosce a memoria gli epigrammi di Feng Menglong, poeta della dinastia Ming. Amante della letteratura russa, decise di dormire su un letto di pietra (per temprare l'animo) traendo ispirazione da Che fare?, romanzo di Nikolaj Chernyshevskij, scrittore che si annovera tra le anime del populismo russo. Tra gli americani predilige Mark Twain, Walt Whitman, Ernest Hemingway e soprattutto il Jack London dei racconti di La lotta per la vita, amato anche da Lenin.

NARENDRA MODI Il presidente dell'India ama leggere e scrivere (è un grafomane, a dire il vero, con decine di pubblicazioni). Tra le sue letture incontriamo i Veda e testi mistici di Sri Aurobindo e Swami Vivekananda. Criticato per le sue idee reputate nazionaliste, Modi però sa essere sorprendente quando si passa agli autori stranieri. Dovendo consigliare alle scolaresche un libro che esortasse all'ottimismo, ha scelto Pollyanna di Eleanor Hodgman Porter, storia di un'orfanella che riesce a trovare sempre un motivo di felicità. Il presidente ha inoltre indicato come costante fonte di ispirazione la Autobiografia di Benjamin Franklin, padre fondatore degli Stati Uniti. Indicazione che ha portato il libro in classifica...

MARK ZUCKERBERG I leader fino a qui citati sono molto importanti ma «locali» rispetto all'inventore di Facebook che aspira a diventare presidente del mondo intero. Non vi piace? Spiacenti, l'opzione «dislike» non è prevista. Zuckerberg ha gestito per l'intero 2015 una sorta di club del libro sulla sua pagina personale. I suoi consigli hanno fatto impennare le vendite di molti titoli. Tra scelte più o meno politicamente corrette, pro mercato e globalizzazione, ci si imbatte anche in Ordine mondiale di Henry Kissinger o La struttura delle rivoluzioni scientifiche di Thomas S. Kuhn. Poca la narrativa, da segnalare L'impero di Azad dello scozzese Iain M. Banks, un romanzo che è in cima alla lista di altri imprenditori visionari come Elon Musk, guru della Tesla. Come sarà la civiltà del futuro, liberata dallo sviluppo tecnologico? Completamente giusta e completamente dedita all'edonismo. Che cosa accadrebbe se dovesse confrontarsi con civiltà socialmente più arretrate come appunto l'impero di Azad? I libri preferiti di Zuckerberg però sono altri e non figurano tra i suoi consigli. Innanzi tutto l'Eneide di Virgilio, verso più citato «Forsan et haec olim meminisse iuvabit» (Forse un giorno ci allieterà ricordare perfino tutto questo). Sono le parole di Enea per confortare i compagni dopo la tempesta che li ha gettati sulle coste libiche. Nel suo profilo Facebook, Zuckerberg ha inserito un solo libro: il romanzo di fantascienza Il gioco di Ender di Orson Scott Card, storia di una ragazzino combattivo e geniale...

Commenti

lorenzovan

Dom, 26/02/2017 - 11:43

e io che pensavo che trump leggeva play boy !!!!!..solo a sentir citare Erich mAria Remarque mi e' venuta l'orticaria...non ci credo ma proprio per niente che Trump non solo l'abbia mai letto...ma che neanche abbia mai avuto il libro tra le mani !!!!!

stevenson46

Dom, 26/02/2017 - 12:08

Sarebbe interessante saper cosa leggono i nostri leader politici.

manfredog

Dom, 26/02/2017 - 13:09

..be', vi siete dimenticati di scrivere che papa francé legge anche, e soprattutto, le favole di Cenerentola, Biancaneve, Pollicino e tante altre..!!..tante..favole.. mg.

piazzapulita52

Dom, 26/02/2017 - 13:12

TRUMP E PUTIN POSSONO SENZA DUBBIO ESSERE DEFINITI "GRANDI"! bergoglio (con la b volutamente minuscola!) un grande? Quell'individuo insignificante e rovinapopoli è più piccolo di un moscerino! Nessuno gli corre più dietro neppure i "baciapile"! Il peggior papa mai visto!!!!!!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 26/02/2017 - 13:15

Anche dalle letture Putin appare come un gigante. Renzi leggerà le letterine dell'UE. Juncker al massimo "storia della birra". Per Hollande i bugiardini degli antidepressivi.

giumaz

Dom, 26/02/2017 - 13:17

Personalmente vedo molto bene Trump, come zio Paperone, impegnato a leggere i numeri di serie delle mazzette di dollari. Quanto a Zukerberg, poverino, visti i frutti del suo genio, non credo si vada oltre Braccio di ferro. E già faticherà a capirlo.

antipifferaio

Dom, 26/02/2017 - 14:15

I libri di Bergoglione di sicuro sono nell'ordine "il Corano" e il "Capitale" di un certo Karl Marx...

agosvac

Dom, 26/02/2017 - 14:42

Egregio lorenzovan, non mi dica! Anche lei ha letto "niente di nuovo sul fronte occidentale"? Strano non è un libro "consigliato" dal suo partito!

agosvac

Dom, 26/02/2017 - 14:46

Forse zuckerberg dovrebbe leggere anche il seguito delle avventure di Ender. Quando il giovane Ender, diventato adulto, fa di tutto per redimersi dall'avere distrutto, inconsapevolmente, una civiltà aliena solo perché era incomprensibile!!!

VenderoCaraLaPelle

Dom, 26/02/2017 - 15:53

Constato, senza stupore, che tra le letture preferite di Bergoglio non è contemplato il Vangelo.

PEPPA44

Dom, 26/02/2017 - 15:55

Secondo me Bergoglio legge quello che lui stesso scrive per poi farsi quattro risate.

Vigar

Dom, 26/02/2017 - 16:32

Avete detto i grandi...non capisco cosa c'entri francesco!