Tutti uniti contro il tabacco: l'anno del respiro

Milano - Il trend dei fumatori italiani torna tristemente a crescere, dopo anni di declino lieve ma costante. Secondo l’Istituto Superiore di Sanità si registra un aumento di ben 1 milione e 800mila nuovi casi, con una buona percentuale di ex fumatori che oggi è ricaduta nel vizio. Sull’onda del successo ottenuto in Francia (con oltre 170.000 partecipanti), il bronco pneumologo Luigi Allegra si è fatto promotore in Italia di una campagna di sensibilizzazione e informazione sui danni del fumo dedicata non solo ai fumatori ma anche ai non fumatori.

I danni del fumo passivo
Perché a nuocere gravemente la salute non è solo il fumo attivo ma anche quello passivo. Basti pensare che l’esposizione a lungo termine di non fumatori al fumo passivo causa un eccesso di rischio di cancro al polmone che, in chi vive con fumatori è pari al 20-30% . Ma la consapevolezza di questo aspetto è ancora poco diffusa e la lotta al fumo deve prevedere il coinvolgimento non solo di chi fuma, ma anche di chi vive a fianco di un fumatore. Altrettanto poco diffusa è la consapevolezza delle cattive abitudini che il vizio del fumo induce nell’organismo e che sono spesso all’origine delle ricadute.

Anno del respiro “Il 2009 è stato proclamato “Anno del Respiro”. – spiega il prof. Allegra – “Quale occasione migliore per sostenere un’iniziativa finalizzata non solo a sensibilizzare ma anche a raccogliere informazioni sulle cattive abitudini personali legate al fumo, per aiutarci ad affrontare meglio il problema.” Dal 31 maggio accedendo al sito internet www.notobackograntest.com, fumatori e non fumatori italiani potranno compilare un questionario per valutare la propria relazione con il fumo. Medici e farmacisti potranno invece ricevere copie cartacee del questionario, da estendere ai propri pazienti, facendone richiesta via e-mail a: info@notobacko.com.

Analisi personalizzata Il team medico che valuterà ciascun questionario farà conoscere al paziente e al medico curante, o al farmacista, l’analisi personalizzata che potrà servire a suggerire i trattamenti adeguati a compensare le carenze o i problemi messi in evidenza dal test. Proprio da giugno sarà disponibile nelle farmacie italiane un nuovo approccio terapeutico al problema del fumo che sfrutta il concetto dell’orodietologia, disciplina che consente di agire naturalmente a livello cellulare, non solo proteggendo le cellule e riattivando quelle che hanno “difficoltà”, ma anche apportando i principi attivi necessari per agire sulle diverse origini del problema.

Stop al tabacco
Si chiama Notobacko Step by Step ed è stato studiato dai Laboratoires Zannini. “Si tratta di un vero e proprio programma per aiutare il fumatore a vincere non solo la dipendenza fisica dalla sigaretta, ma anche quella psichica e gestuale. Implicazioni generalmente non trattate dalle tradizionali terapie antifumo e spesso all’origine di fallimenti o recidive” – spiega il dottor Gaetano Zannini, medico fondatore dei Laboratoires Zannini. Notobacko prevede tre tappe, ciascuna delle quali mira al raggiungimento di un obiettivo specifico: la prima fase è la disassuefazione, cui seguono la consolidazione e quindi la definitiva detossificazione. Il tutto in un tempo che varia da uno a tre mesi, in base agli obiettivi e risultati raggiunti dal singolo paziente.