Uccide sub: il pilota del gommene era drogato

Sottoposto ad esami il proprietario del gommone è risultato positivo alla cocaina: ieri aveva investito un sub di 32 anni, Pasquale Testa, che  aveva regolarmente segnalato la
sua presenza con una boa. Ora è indagato per omicidio colposo

Napoli - Il proprietario del gommone che nella serata di ieri ha ucciso il sub Pasquale Testa di 32 anni sottoposto ad esami è risultato positivo alla cocaina. Dopo il tragico incidente e il soccorso prestato alla vittima, il conducente del gommone a bordo del quale si trovava un’altra decina di persone è stato portato dalla polizia del commissariato di Posillipo in ospedale per essere sottoposto al narcotest. Poco fa l’esito degli esami: l’uomo, indagato per omicidio colposo, è risultato positivo alla cocaina.

Le indagini degli inquirenti Le indagini della polizia e della Guardia costiera hanno accertato che il gommone procedeva a ridosso della scogliera di Villa Rosebery, residenza del presidente della Repubblica, a meno di 300 metri dalla costa, che è il limite consentito. Un testimone, ascoltato dagli agenti del commissariato Posillipo, ha confermato i particolari. Il sub, Pasquale Testa, commerciante di Posillipo appassionato di pesca subacquea, aveva regolarmente segnalato la sua presenza con una boa.