Un'altra Ong nei guai: Sea Watch sottoposta a fermo a Malta

Dopo l'indagine su Lifeline, fermata l'altra Ong tedesca. Sea Watch: "Una deliberata restrizione della nostra libertà "

Twitter Sea Watch

Ennesimo caso che investe le Ong. Dopo la decisione italiana di chiudere i porti a tutte le organizzazioni umanitarie, dopo l'indagine di Malta su Mission Lifeline e il fermo del capitano della nave, ora arriva un'altra tegola sui natanti umanitari. A essere investita, secondo quanto annuncia la stessa Ong sul suo profilo Twitter, è la Sea Watch, associazione tedesca.

"Alla richiesta di lasciare il porto - si legge si profili social - apprendiamo che la nave è sottoposta a fermo. L'autorità portuale non fornisce motivazioni tecnico-legali. La riceviamo come una deliberata restrizione della nostra libertà volta a impedire l'attività di soccorso". Dure le lamentele da parte di Pia Klemp, capitano del Sea-Watch 3: "La nostra nave ha una registrazione adeguata e ha il pieno diritto di battere la bandiera olandese. Saremmo la squadra di soccorso meglio equipaggiata e addestrata nell'area di operazione e non ci sono finora basi legali per giustificare la detenzione della nostra nave. Ci aspettiamo che le autorità ci permettano di navigare immediatamente".

Tira una brutta aria, in questi giorni, per le Ong del Mediterraneo. Il balzo in avanti del ministro dell'Interno italiano, che ha deciso di precludere l'approdo nel Belpaese alle imbarcazioni umanitarie (sia per lo sbarco dei migranti che per gli scali tecnici) ha smosso le acque in tutta Europa. Prima la Aquarius di Sos Mediterranée e Msf è stata costretta a dirigersi in Spagna per far scendere a terra oltre 600 immigrati. Poi la Mission Lifeline è rimasta giorni al largo di Malta prima di ricevere l'autorizzazione di La Valletta all'ingresso in porto (e il suo comandante indagato per aver "ignorato le istruzioni dategli dalle autorità italiane secondo le regole internazionali").

Sea Watch è nota per aver più volte "litigato" in mare con la Marina di Tripoli. Come quando, nell'ottobre del 2017, la Guardia costiera libica accusò l'Ong di essersi messa di traverso per impedire il salvataggio di alcuni immigrati che, ovviamente, sarebbero stati riportati indietro. "L'equipaggio della Ras Jadir ha cominciato a recuperare i migranti, ma la gente di Sea watch si è piazzata a dieci metri nonostante le ripetute richieste del comandante di collaborare", spiegava al Giornale il Capitano di vascello Abujela Abdelbari. "I migranti illegali è ovvio che vogliono andare in Italia e non tornare indietro in Libia. La vicinanza del gommone della Ong ha provocato il disastro. A decine si sono tuffati anche a rischio di annegare".

In un comunicato pubblicato sul proprio sito, Sea Watch non si capacita del motivo del fermo. "Poiché Sea-Watch 3 non è registrata nel registro di sportboat, come nel caso di Lifeline e Seefuchs - si legge - ma è elencato nel registro di navigazione reale come una nave di navigazione olandese, pienamente abilitata a battere bandiera olandese, la mancanza di permesso di Malta risulta non essere un problema di registrazione, ma una campagna politica per fermare il salvataggio civile in mare". E, ricordando i morti in mare di questi giorni, l'Ong tedesca "sollecita vivamente il governo maltese a non ostacolare i soccorritori, dato che le vite umane sono a forte rischio". L'associazione accusa i leader Ue di aver raggiunto, al vertice sui migranti della scorsa settimana, "un accordo disumano" per "porre il controllo delle frontiere al di sopra dei diritti umani". "I governi - attacca il presidente di Sea-Watch, Johannes Bayer - stanno impedendo ai soccorritori di svolgere il loro compito di salvare la vita". Gli fa eco il comandante Pia Klemp: "Mentre ci è impedito di lasciare il porto, la gente sta affogando, questo è assolutamente inaccettabile. Ogni ulteriore morte in mare è sul conto di coloro che impediscono il salvataggio. Quanti altri naufragi ci vorranno prima che l'Europa, ancora una volta, si renda conto che salvare vite umane in mare deve rimanere non negoziabile?".

Immediato, invece, è arrivato il plauso del ministro dell'Interno italiano: "Prendo atto del fatto che grazie all'orgoglio italiano anche Malta si è ricordata di essere un Paese sovrano e ha bloccato oggi la nave di un'altra Ong nei porti maltesi, quindi bene. Meno navi Ong ci saranno in giro, meno gente partirà e meno gente morirà", ha detto Salvini.

Commenti
Ritratto di tomari

tomari

Lun, 02/07/2018 - 11:28

Benissimo! Avanti così, i tassisti del mare vanno STRONCATI!

flip

Lun, 02/07/2018 - 11:29

"...."impedire la nostra attività di soccorso"... (sic). chi ti ha chiamato? cosa facevi in quei paraggi.curavi i pesci ? se rispondi correttamente a queste due domandine forse di ascolto.

leopard73

Lun, 02/07/2018 - 11:33

Queste ong. Dovrebbero sequestrarle! pure il comandante per traffico di carne umana con 10anni di bagno penale sarebbe un ottimo deterrente.

Ritratto di makko55

makko55

Lun, 02/07/2018 - 11:37

@flip, girano con lo stetoscopio al collo in cerca di pazienti da soccorrere........

steluc

Lun, 02/07/2018 - 11:37

Siete solo schifosi sciacalli, quasi come i vostri colleghi che lucrano da noi .

Ritratto di italiota

italiota

Lun, 02/07/2018 - 11:37

ma..i soldi per comprare il carburante per queste navi...qualcuno dovrà pur darglieli, non penso che questi qui "traffichino in esseri umani" (così come è evidente che stanno facendo) senza guadagnarci nulla

Ritratto di mircea69

mircea69

Lun, 02/07/2018 - 11:39

Mi fanno schifo: Anche la scritta "sea rescue" tradotta in arabo!

Ritratto di Flex

Flex

Lun, 02/07/2018 - 11:40

Tutto il "naviglio" delle ONG, utilizzato per questi "traffici", andrebbe sottoposto a sequestro e indagato tutto il personale di bordo e gli armatori.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Lun, 02/07/2018 - 11:44

Salvini ha fatto saltare il banco! Standing ovation!!!

Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Lun, 02/07/2018 - 11:49

Pirati filibustieri, guarda come alzano la cresta piena di soldi.

Duka

Lun, 02/07/2018 - 11:50

Ora salterà fuori tutto il MARCIO delle ONG difese ad oltranza dai Comunisti, Boldrina in prima fila e ora dal suo sostituto alla camera, perchè hanno rappresentato per 10 lunghi anni il loro affare del secolo. VERGOGNATEVI avvoltoi !

manson

Lun, 02/07/2018 - 11:53

certo simpatici i maltesi: finchè l'Italia era la discarica ufficiale del Mediterraneo facevano fare gli scali tecnici guadagnandoci, ora che rischiano di dover accudire giovanotti abbronzati e affamati nonchè pieni di pretese anche loro si sono svegliati. Care ONG la gente non affogherebbe se voi non li aveste illusi che dopo il salto sul gommone voi andavate a fare da tassisti direzione Italia dove li attendeva hotel vestiti iPhone tv satellitare pocket money ecc. Devono essere bloccate tutte e sequestrate. Altrimenti trasferitevi verso l'Australia e gli U.S.A e vedrete quanto bene siete accolti

Ritratto di pensionato.stufo

pensionato.stufo

Lun, 02/07/2018 - 11:55

Basterebbe trattarle come le navi giapponesi a Midway.

Ritratto di Blent

Blent

Lun, 02/07/2018 - 11:57

Altre e nave ed equipaggio andrebbero indagati anche i finanziatori occulti.

Drprocton

Lun, 02/07/2018 - 11:59

Noooooo. Un'altro sequestro? Peccato per i sinistri che lo ha fatto Malta. Lì lo stato è sovrano e le decisioni vanno rispettate. E non sono tacciati di razzismo. E la loro magistratura interpreterà la legge sicuramente nell'interesse nazionale. Mica ci saranno maltesi ad abbaiare contro il loro governo?

Italiano_medio

Lun, 02/07/2018 - 12:06

Loro NON SALVANO UN CAVOLO DI NULLA. Si fanno spedire i migranti in acque internazionali per traghettarli in Italia. Fine della pacchia. Vadano a giocare a risico a casa loro.

graffio2018

Lun, 02/07/2018 - 12:12

e la vita degli europei.. invasi da queste risorse che rubano, violentano, delinquono, non vale proprio nulla??

Ritratto di _alb_

_alb_

Lun, 02/07/2018 - 12:12

Estradassero il comandante e l'equipaggio in Libia. Un po' di carcere libico gli farebbe bene. Ah, poi affondare la nave.

Tip74Tap

Lun, 02/07/2018 - 12:13

Provo a buttarla.... le compagnie di trasporto (container/crociere) pagano le ONG per non rischiare di essere coinvolte in una richiesta di intervento. Ora se salta il giochino finiscono i soldi per le ONG e le navi dovranno soccorrere... L'unico consiglio mio è: soccorrere e aspettare la Marina Libica per la consegna dei temerari profughi. FINE

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 02/07/2018 - 12:14

"I migranti illegali è ovvio che vogliono andare in Italia e non tornare indietro in Libia. La vicinanza del gommone della Ong ha provocato il disastro. A decine si sono tuffati anche a rischio di annegare".....Questa è la realtà!Queste "ong" so lì per raccattare questi "illegali",tutti questi "senza titolo",per forzare la mano,per metterci difronte al "fatto compiuto!Per agevolare l'INVASIONE!Sono dei delinquenti!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 02/07/2018 - 12:16

Smascherato l'inganno, ora no nsanno più che fare, se non da protestare miseramente come fanno i komunisti loro pari.

Fearlessjohn

Lun, 02/07/2018 - 12:18

Certo che tanto accanimento da parte delle ONG fa veramente credere alle fiabe che ci raccontano sulla totale volontarietà del loro operato, ovvero che nessuno di loro prende un cent a seguito di queste "missioni". Peccato che insistano sempre a portare i sedicenti naufraghi in Italia, e si adattino malvolentieri a portarli altrove solo ora che Salvini ha chiuso i rubinetti. Se fosse veramente amore disinteressato per il prossimo potrebbero comunque raccoglierli e portarli magari in Spagna o in Francia, che sono Paesi ospitali e pieni di umanità. Ma sembra che lì non li paghino bene come in Italia.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Lun, 02/07/2018 - 12:18

Abbasso gli schiavisti di sinistra.

Ritratto di gianky53

gianky53

Lun, 02/07/2018 - 12:19

Ad una sola condizione, visto che batte bandiera olandese: che portino in Olanda le persone raccolte in mare. Bandiera olandese vuol dire territorio olandese e applicazione della legge olandese, pertanto è il "paese di primo approdo"... Dato che ci tengono tanto a mantenere la regola del "paese di primo approdo". BASTA FURBATE IN NOME DEL BUONISMO SCHIFOSO PEGGIO DELLA MAFIA, AVETE RIDOTTO L'ITALIA A IMMENSO CAMPO PROFUGHI CLANDESTINI, ADESSO PORTATEVENE UN PO' SU A NORD NELLE VOSTRE SOCIETA' AVANZATE. E' ora di finirla di fare i buoni samaritani sul groppone degli altri. CAROGNE!

VittorioMar

Lun, 02/07/2018 - 12:19

..si deve dare atto alla MAGISTRATURA MALTESE di aver operato molto bene...a differenza di quella italiana, che dopo tante indagini e proclami, hanno prodotto solo tanta carta e qualche intervista TV....fatti ZERO !!..MALTA 2...ITALIA 0 !!!

lawless

Lun, 02/07/2018 - 12:20

non riesco a comprendere il perché questa storia dei "migranti" non viene chiarita con i governanti dei paesi da dove provengono, tutti questi buonisti (a pagamento) se vogliono dare il loro contributo vadano a fare la voce grossa in quelle nazioni. L'europa e nello specifico l'italia è in affanno economicamente, pil distrutto,debito alle stelle, lavoro quasi zero, chi crede che si possa sfamare l'africa, e non solo, traghettandola tutta da noi è mentalmente carente ma sopra a tutto caratterialmente delinquente.

Cicaladorata

Lun, 02/07/2018 - 12:22

I giornali d'oltralpe (Svizzera) scrivono che i clandestini stanno attaccando il più possibile con gli sbarchi, in quanto sanno che presto l'Europa stringerà ancora di più cambiando radicalmente le leggi stupide che fin'ora hanno permesso il loro ingresso. Finchè possono ci provano e attaccano . E' comunque una guerra tra loro ed il nostro stupido pietismo, come in Africa giudicano il comportamento degli europei.

ciruzzu

Lun, 02/07/2018 - 12:25

La vicinanza del gommone della Ong ha provocato il disastro. A decine si sono tuffati anche a rischio di annegare". E se il disatro fosse stato voluto ? I morti ,le migliaia di morti, sono sempre state il motivo maggiore che squoteva l' opinione pubblica, colpevolizzando a torto chi non voleva l' accoglienza.I morti sono sempre stati l' arma migliore per chi approfittava e traeva profitti enormi da queste disgrazie.Gli interessi che ruotano attorno all' immigrazione sono enormi ,sono molti miliardi di euro e chi si ingrassa di soldi sono una varieta' sconfinata di figure, dalle caritatevoli, alle ong finanziate da gruppi economici, da varie sigle terroristiche, dalla mafia in accordo con altre mafie. Pensiamo davvero che questi morti siano solo da addebitare a casi accidentali e non invece pianificati?

cgf

Lun, 02/07/2018 - 12:25

Io lo so da sabato che la nave non avrebbe potuto lasciare il porto, al comandante Pia Klemp riesce molto bene la parte dell'ebete, talento naturale.

zen39

Lun, 02/07/2018 - 12:25

X Blent. Sono i primi che dovevano essere indagati. Dietro ci sono fondazioni sostenute con soldi di privati cittadini in buona fede, ma ci sono altri finanziatori come Soros mai indagato nonostante il suo finanziamento abbia un obbiettivo tutt'altro che umanitario. Non sarei meravigliato se la loro "umanità" arrivasse al punto di provocare un disastro di grandi propozioni per commuovere il mondo ed accusare l'Italia di crudeltà. Da questi individui immondi c'è da aspettarsi di tutto.

Cicaladorata

Lun, 02/07/2018 - 12:27

Che siano gli Stati competenti per registrazione della nave e competenti della nazionalità della nave/i e dell'equipaggio/i a chiedere lo sbocco per la navigazione, così da arrivare allo scontro diplomatico fra Stati del Nord Europa e la loro responsabilità sull'invasione clandestina delle coste Maltesi e Italiane

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 02/07/2018 - 12:29

@Drprocton:...no di certo!Da noi,1°,...2°,...3° grado(tutto pagato dal solito "pantalone" Italiano DOC),anni di attesa(costi a go-go...),poi la "Cassazione",...poi la "Consulta",...il "TAR",...parrucconi da strapagare,etc.etc.....Il vaticano che staparla,i "sindacati",la "caritas",la "stampa",la "televisione",..."attori" vari che straparlano,..."fufi"....

cangurino

Lun, 02/07/2018 - 12:29

ipocrisia allo stato puro. Parlano di "salvataggi", ma sono solo "supporto all'immigrazione illegale". Fossero salvataggi, dovrebbero lasciar fare alla marina libica oppure, al massimo, dare loro una mano e portare i clandestini nei porti libici, essendo i più vicini, a poche miglia. Il fatto che li vogliano portare verso l'Italia o peggio la Spagna, quindi facendogli affrontare il rischio della traversata, è la conferma dell'ipocrisia. Spero Salvini si dia da fare anche lui a conferire ampi poteri e fondi alla procura di Trapani, per vagliare con cura i movimenti delle ONG.

MOSTARDELLIS

Lun, 02/07/2018 - 12:29

Quella gente che questi delinquenti dicono di voler salvare, non dovrebbero stare in mare. Queste ONG son soltanto dei negrieri al servizio di finanziare che vogliono la destabilizzazione dell'Itlia e dell'Europa. Bisogna metterli tutti subito in galera per atteggiamento sovversivo e per trasporto di schiavi.

dedalokal

Lun, 02/07/2018 - 12:29

Ora vediamo se il comandante della nave Ong negriera tedesca avrà l'arroganza che ha sciorinato contro l'Italia e darà pubblicamente del "fascista" il ministro maltese che ha deciso(giustamente) il fermo della sua nave. Sarà dura, molto dura, dal momento che Malta non è certo l'Italia.

Ritratto di Pilsudski

Pilsudski

Lun, 02/07/2018 - 12:35

Che immonde canaglie, le ciurme dei nuovi pirati (o PDrati?). Alla brava guardia costiera libica, oltre che un po' di motovedette, bisognerebbe regalare anche un aerosilurante...

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 02/07/2018 - 12:40

@Fearlessjohn:..riportarli indietro,non se ne parla..(questi "fuggono"...),...da qualche altra parte?Chi li vuole?Nessuno!Giusto Fico e tutti i "buonisti accoglienti" in Italia in Europa,che da oltre 40 anni hanno armato la loro mano,per il più epocale "hara-kiri" etnico-culturale-economico della storia dell'umanità!Non la capiranno mai,che tutta questa gente che "fugge" sono dei privilegiati,degli egoisti.Sfuggono alla loro responsabilità,di aiutare,e lavorare con i loro connazionali,per trovare una "via locale" allo sviluppo,al miglioramento delle condizioni di vita,del LORO paese,senza fughe in avanti,senza scorciatoie,televisori,telefonini.Non vogliono recuperare in 50-100 anni,quello che non sono stati capaci di fare in millenni di storia.Facendoli entrare,distruggiamo la "nostra" storia,ed impediamo loro di responsabilizzarsi,nella costruzione una volta per tutte,della loro!

cammi21

Lun, 02/07/2018 - 13:06

CRIMINALI!

tormalinaner

Lun, 02/07/2018 - 13:11

Portatela al largo e affondatela, così le ong aiuteranno veramente i migranti in Africa e non mandarli a vivere in alberghi in Italia a nostro carico.

fabiano199916

Lun, 02/07/2018 - 13:12

Bene Salvini che le navi ong siano sequestrate e i porti restino chiusi per loro!

Drprocton

Lun, 02/07/2018 - 13:36

@zagovian. Effettivamente con questa lista della spesa che hai fatto, fatta da ingredienti rigorosamente tutti contro e a carico di "pantalone", il mal di testa è assicurato! Un caos assurdo, tipicamente italiano, durante il quale i finti profughi fanno quello che cavolo vogliono perché sanno di essere tutelati da "lista della spesa". Siamo stati messi male ma proprio male.

Blueray

Lun, 02/07/2018 - 13:44

Le navi Ong vanno confiscate, cioè devono passare di proprietà allo Stato che le sequestra e indaga l'equipaggio. L'arroganza del capitano è incredibile: se le vite umane sono a rischio acuto perchè ce ne vorrebbe fare gentile omaggio e non se le porta in Olanda? E' molto comodo risolvere i problemi sulle spalle degli altri. Veri e propri pirati del mare al cui confronto Caronte era un dilettante.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 02/07/2018 - 13:51

Devono essere confiscate per legge. Dopo il traffico è finito.

Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 02/07/2018 - 13:53

BENEEEEE!!!!! I trafficanti di invasori fuorilegge finalmente vengono fermati e stroncati, era ora. Il prossimo passo è sequestrare tutti i beni a questi malfattori.

Luigi Farinelli

Lun, 02/07/2018 - 14:02

Certo che "salvare vite umane in mare deve rimanere non negoziabile" ma il problema sta a monte: è encomiabile o da biasimare il fatto di agire in maniera che vite umane da salvare continuino ad esserci in continuazione, sapendo che qualcuno starà lì ad aspettare, incentivo a creare un fenomeno che sta mettendo in crisi un continente? Il quesito dell'uovo e della gallina. Nasce prima il flusso migratorio, costituito in massima parte da persone senza requisiti da profugo e per salvare le quali si attivano le ONG o sono le stesse ONG che, con la loro presenza, creano il flusso stesso, di gente che ne approfitta? E chi ne approfitta, lo fa per necessità (per non morire di fame) o perchè una certa propaganda (di chi ha interesse ad alimentare il flusso) mostra in Africa immagini dell'Europa come il paese di Bengodi dove scorre latte e miele lungo le cunette delle strade?

Ritratto di MariannaE

MariannaE

Lun, 02/07/2018 - 14:41

Credo che la FURBACCHIONA MERKEL ha evitato di fare altri accordi importanti, come METTERE FUORI LEGGE LE NAVI ONG....cosi per evitare di danneggiare il suo amichetto e sponsor SOROS !!!! Spero che Merkel cade subito !

DRAGONI

Lun, 02/07/2018 - 15:16

E' L'UNICA VIA PERCORRIBILE!

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Lun, 02/07/2018 - 15:36

Questi dimenticano che qualunque diritto e` a discrezione DELLO STATO NEL QUALE LO SI PROVA AD ESERCITARE. Provino ad esercitare il diritto di liberta` religiosa in Arabia, o peggio il RISPETTO DELLA SOVRANITA` SIRIANA DA PARTE DI ISRAELE. E si chiedano QUANTE VOLTE la "vibrata protesta dell'ONU" ha sortito un qualche risultato. Si parla, si parla, sperando di convincere gli allocchi che le perline di vetro sono diamanti.

paolo b

Lun, 02/07/2018 - 15:42

un piccolo decreto legge: chiunque "salva da naufragio o deliberatamente prende a bordo migranti clandestini, in quanto, sprovvisti di visto di ingresso un italia deve registrarli come primo approdo nel paese di bandiera della nave in quanto in mare detta nave è da considerarsi territorio della nazione di cui batte bandiera. poi verranno magari sbarcati in italia ed immediatamente inviati in quel paese. senza un accordo internazionale in questo senso PORTI CHIUSI

Happy1937

Lun, 02/07/2018 - 16:12

Avanto cosi`. Sequestriamo le navi, smantelliamole e mettiamo in galera equipaggi e cooperanti. E`l'unico modo per evitare le partenze e le morti in mare.

SeverinoCicerchia

Lun, 02/07/2018 - 16:14

chiunque interferisca con le operazioni della guardia costiera di un paese nelle sue acque territoriali è un pericolo per la navigazione. i libici dovrebbero sequestrarle

Ritratto di MariannaE

MariannaE

Lun, 02/07/2018 - 16:25

se vogliono fare cosi tanto bene questi ONG.... 1., PERCHe' NON REGALANO LA LORO NAVE ALLA GUARDIA COSTIERA LIBICA ??? 2., quando salvano le vite...PERCHE' NON LI RIPORTANO IN LIBIA a 10 km, invece di attraversare il Mediterraneo a 450 km fino in Italia ???