Università, alla Bocconi si immagina la pubblica amministrazione ideale

Nuove idee per utilizzare la tessera sanitaria accumulando buoni sconto per i mezzi pubblici, un metodo per rendere trasparenti i lavori per le infrastrutture. Gli studenti della Bocconi progettano la pubblica amministrazione ideale e vengono premiati dal ministro Brunetta

Più si utilizzano i servizi pubblici, più si accumulano punti da convertire in buoni sconto per il trasporto pubblico e vari servizi. È questo il principio della tessera sanitaria immaginata dagli studenti dell'università Bocconi per rendere più moderna la pubblica amministrazione. Il loro progetto è stato premiato dal ministro Renato Brunetta che, a sorpresa, ha voluto concedere l'opportunità di uno stage al suo ministero non solo ai vincitori ma a tutti i 25 finalisti del concorso «Dai voce alle tue idee».
È proprio dai giovani che, secondo Brunetta «riparte un gioco di nuove leve, di nuove teste contro l'appiattimento della pubblica amministrazione». La pubblica amministrazione, sostiene il ministro, «sarà come la Ferrari: un marchio di cui essere orgogliosi: ce la possiamo fare con i dipendenti che già ci sono e grazie ai giovani».
«Il concorso - spiega Giovanni Valotti, direttore della scuola universitaria della Bocconi - dimostra quanto possa essere importante mobilitare i giovani per migliorare la pubblica amministrazione. Sono emerse tante idee, tutte fresche e stimolanti».