Viagra? No, meglio sei fette di cocomero

Secondo uno studio della Texas A&M University l'anguria contiene amminoacidi in grado di risvegliare l'eros. Sei fette al giorno sono efficaci come una pillola di Viagra enon ci sono controindicazioni

Roma - La passione non è più quella di una volta? Dimenticatevi la pillola blu, molto meglio una fetta di cocomero rosso. Simbolo indiscusso dell’estate, l’anguria, oltre a essere un frutto leggero e dissetante ha anche proprietà a dir poco “miracolose”. Bastano sei fette per ottenere gli stessi effetti di una pillola di viagra. Sembra infatti che l’anguria, consumata in grande quantità nel nostro Paese, abbia sostanze capaci di risvegliare l’eros. A ricordarlo è la Coldiretti che riporta uno studio della Texas A&M University, finanziato dal Dipartimento di stato americano per l’agricoltura. Il principio base è la citrullina (da “citrullus”, nome latino del cocomero), un amminoacido presente anche nella carne rossa e nel guscio delle noci, che una volta nell’organismo si trasforma in arginina, un altro amminoacido che interviene positivamente sul cuore e promuove la dilatazione dei vasi sanguigni. L’azione - spiegano gli scienziati americani - non è specifica come il Viagra, ma ha gli stessi effetti della nota pillola blu. Una soluzione naturale e dissetante. Controindicazioni? Nessuna, solo le note proprietà diuretiche legate al frutto. Il cocomero infatti è costituito dal 95% d’acqua e ha una presenza di zuccheri che va dal 3,7% al 6,4%, ma contiene anche sodio, fosforo, potassio elemento importante per combattere la disidratazione.