Il Vigorelli chiude le piste da sci ma il Comune pensa già all’estate

In un mese oltre 120mila persone hanno partecipato agli sport invernali organizzati all’interno del velodromo

Si è chiuso ieri, con la premiazione dei migliori atleti di sport invernali, il Fiat SnowPark allestito all’interno del Velodromo Vigorelli.
Il bilancio di questa esperienza, giunta alla sua seconda edizione, è anche stavolta più che positivo: «In un mese abbiamo avuto più di 120mila visitatori - spiega soddisfatto Giovanni Terzi, assessore allo Sport del Comune di Milano -. Anche il “Progetto Scuola”, pensato per le scolaresche di elementari e medie, ha avuto un grosso seguito: più di 1.800 bambini hanno imparato a sciare sulle piste dello SnowPark».
All’interno del grande tendone, fra piste da skate e discese per lo slalom, c’è posto un po’ per tutti, grandi e bambini, professionisti e dilettanti. E lo stesso vale per i premiati: ci sono Matteo Castioni, vincitore del Fiat Slide Contest - che non ha ritirato personalmente il premio perchè impegnato in altre gare - e Mauro Moi, campione di Mini-pipe Roller, che ha iniziato a 8 anni con il pattinaggio artistico, ma anche Leonardo Bertuccelli, 15enne brasiliano con un vero talento per la mountain bike,e il piccolo Jacopo Carozzi, 10 anni soltanto, che non ha disertato le piste nemmeno un giorno, dal tramonto all’alba sullo skate. Jacopo, che ha ricevuto il premio dal campione Dino Meneghin in persona, racconta sorridente e sicuro di sé: «Andare in skate è la cosa che mi piace di più fare. Paura di farmi male? Assolutamente no!».
E i giovani sono i principali destinatari dell’iniziativa anche per l’assessore regionale allo Sport Pier Gianni Prosperini: «È giusto che i ragazzi riscoprano gli sport della nostra regione, gli sport alpini, troppo spesso ignorati dai media: fortificano il corpo e insegnano il valore del sacrificio».
Anche la festa di Capodanno con Mtv e il rapper Mondomarcio, ha incontrato il favore del pubblico, con più di 6mila presenze nell’arco della nottata, tanto che non si esclude il tris per l’anno prossimo. Intanto, al Comune si pensa già all’estate: «Stiamo mettendo a punto - conclude Terzi - iniziative simili per il periodo estivo: l’entusiasmo dei milanesi di certo non manca».