Viva la campagna, ma solo se c'è campo per il cellulare

Prosegue il boom delle vacanze verdi: un italiano su tre ha passato almeno una notte in un agriturismo. Tra i requisiti richiesti, la possibilità di utilizzare il telefonino viene prima della tv e della piscina

Il relax, il verde, le passeggiate tra gli alberi, l'aria pulita: queste, secondo alcuni rilevamenti, sono le caratteristiche che gli italiani cercano quando decidono di per andare in vacanza in campagna. Basta dunque con la città, con i suoi ritmi e i suoi rumori, l'importante è «staccare». Staccare tutto, tranne ovviamente il cellulare: infatti, la prima e fondamentale discriminate nella scelta dell'agriturismo è se c'è o no «campo» per il telefonino.
Ma al di là della vicinanza con i ripetitori, il settore va che è una bellezza. Lo dimostrano i 480 milioni di euro già investiti nel settore, che si aggiungono ad altri 700 previsti entro il 2013. A rilevarlo, in un rapporto ad AgrieTour, il salone nazionale dell'agriturismo di Arezzo, è l'Ismea, che ha analizzando la domanda da un punto di vista qualitativo e quantitativo. Secondo la ricerca, svolta su un campione di duemila intervistati tra Roma e Milano, diversi sono gli aspetti che devono assolutamente caratterizzare una autentica struttura di agriturismo: tra questi il principale, ovviamente, è che deve essere immersa nel verde e nella natura in una zona piacevole e tranquilla. Inoltre deve conservare la rusticità della campagna e non essere riadattata. Importranmte anche la possibilità di partecipare alla vita agricola dell'azienda.
Stando all'indagine, il 31% degli italiani ha pernottato almeno una volta, nel corso della vita, in una struttura agrituristica: la presenza di bambini e ragazzi nella famiglia è poi uno stimolo importante al momento della scelta definitva verso una vacanza verde. Si tratta in genere di soggiorni brevi, soprattutto una o due notti: la media matematica è di 2,9 notti, ben lontana dalle cinque che si vorrebbero passare in campagna. Internet rimane il punto di forza tra i canali di commercializzazione utilizzati dalle strutture agrituristiche: più di 8 su 10 infatti garantiscono ai propri clienti la prenotazione on-line e il cinquanta per cento degli utenti la sfrutta.
E comunque il verde piace. Solo il tre per cento degli intervistati si è dichiarato insoddisfatto, e un sedici si è detto «mediamente soddisfatto». Tra i requisiti fondamentali per la scelta della struttura, per il sessantacinque per cento degli italiani, è la copertura per i cellulari. Solo dopo vengonoi tv e piscina. I servizi relativi all'area benessere hanno fatto rilevare un 38% di pareri positivi, contro circa un 25% di opinioni contrarie.