Miti da sfatare sul sesso

Miti e leggende legate al sesso e alla pratica, false credenze che nel tempo hanno contribuito a creare una realtà distorta legata all'atto fisico e alla voglia di condividere emozioni con il partner

Il sesso è un argomento che appassiona particolarmente ed è spesso al centro di molte discussioni. Le informazioni in merito sono sempre più corpose e varie grazie magari al percorso educativo scolastico, alla televisione e i giornali, ma anche alle confidenze tra amici e ai dati che arrivano dal web. Eppure esistono una serie di falsi miti e credenze dure a morire, che vengono tramandate impropriamente e contribuiscono a creare una realtà distorta e irreale.

  1. Il rapporto perfetto non esiste, non c'è un percorso preciso o azioni specifiche da mettere in pratica per raggiungere il piacere. Ogni storia possiede la sua unicità e spesso la felicità finale è data da una serie di elementi e di alchimie, sensazioni e gesti del tutto soggettivi. Per godere dell'atto e del momento è bene imparare a rilassarsi, a essere se stessi; per vivere il piacere non deve esistere obbligo ma solo volontà e tranquillità emotiva.
  2. Gli uomini preferiscono il sesso occasionale? Solitamente è una generalizzazione perché ogni persona possiede aspettative diverse, in base al momento e alle sensazioni. Importante essere sinceri sulle intenzioni e vivere l'incontro in modo onesto, avendo cura di comprendere le reali necessità del partner.
  3. Gli uomini pensano al sesso ogni 7 secondi? Una pratica impossibile perché ciò significa che ogni maschio potrebbe pensare al sesso ogni volta che respira. In realtà anche in questo caso tutto è molto soggettivo, c'è chi ci pensa più volte al giorno chi limita il pensiero a una o due volte. La vita frenetica non consentirebbe di concentrare ogni meditazione sull'atto fisico.
  4. Ridere mentre si fa l'amore non solo non è vietato ma è una pratica che aiuta a spezzare la tensione e la timidezza. Una possibilità in più per allentare l'ansia da prestazione, aumentando la comprensione nei confronti di timidezze personali ed eventuali défaillance.
  5. Le doti fisiche non garantiscono la felicità perché ad affascinare sono spesso i dettagli, le imperfezioni e i difetti che rendono una persona sensuale e sexy. Calcoli, metodi e misure possono risultare relativamente utili se non si è in grado di rendere l'appuntamento un atto di condivisione, se non si presta particolare attenzione al piacere del compagno e alla voglia di perdersi insieme.
  6. Il sesso non ha età, ogni momento della vita di una persona rappresenta una tappa e una crescita. A partire dalla conoscenza del proprio corpo alla capacità di comprendere le necessità del partner e le proprie.
  7. Con il sesso si possono bruciare le calorie ma non quanto un esercizio fisico in palestra. Fare l'amore permette di perdere circa 125 calorie quanto un'attività fisica moderata.