«Winx», dal cartone animato al musical

E i produttori stanno cercando chi interpreterà le sei fatine protagoniste delle strisce tanto amate dai bambini

Valentina Fontana

Le sei fatine Winx dal vivo in concerto sul palco del Nuovo dal 22 settembre. Già se ne parla e già sa di fenomeno la notizia che preannuncia il nuovo tormentone autunnale. Sarà perché le magiche protagoniste della serie animata firmata Raimbow sono state la rivelazione dell’ultima stagione televisiva. Sarà perché è la prima volta che un musical, o meglio uno show, esce da un cartoon. Sarà che il Winx Power Show, dopo una lunga tournée italiana, volerà in Olanda, Francia, Spagna, Austria e Germania, con la prospettiva di aprirsi anche al mondo asiatico.
Sta di fatto che la sfida di Daniele Luppino, produttore esecutivo dello spettacolo e patron del M.A.S., il college Music Arts and Show di via Meucci, e del coordinatore Marco Guerini, scopre subito le sue carte vincenti.
«Da tempo cercavamo un prodotto innovativo - spiega Luppino - Ci siamo subito innamorati delle Winx, del loro stile, del loro linguaggio molto moderno, del loro abbigliamento. Ci ha stimolato la modernità di questo cartoon, nato e realizzato nelle Marche e distribuito in 130 Paesi nel mondo. Così abbiamo deciso di produrre il Winx Power Show. L’anima di questo spettacolo-concerto è innovativa, tecnologica, attuale, in una continua interazione tra finzione e realtà con il pubblico».
Già, perché il Winx Power Show vuole mantenere la stessa freschezza e carica di entusiasmo del cartoon. E quindi in scena le sei magiche protagoniste balleranno e canteranno dal vivo sulle note della colonna sonora originale della serie televisiva in un fatato concerto ricco di colori, giochi di luce, videoproiezioni, effetti speciali e interazioni multimediali con il pubblico.
Naturalmente le sei eroine non saranno sole. In questo viaggio verso Magix incontreranno i cinque specialisti, i giovani maghi loro amici e compagni d’avventura nella lotta contro il male, e si scontreranno con le loro acerrime nemiche, le tre Trix.
Ma se la finzione è già ideata e creata, manca ora dare un volto e un’anima a questi quattordici signori della magia. Al via quindi le audizioni alla ricerca di Bloom, la leader del gruppo dai lunghi capelli rossi, della romantica fata dei fiori Flora, della fatina coi codini Musa, della bionda e vivace Stella, di quella precisissima Tecna, dell’atletica e ribelle Aisha. E chi potrà impersonare Icy cuore di ghiaccio? O Darcy la strega dell’oscurità?
«Al di là di una selezione molto tecnica, i protagonisti devono sicuramente distinguersi nel canto, nel ballo, nella recitazione e nella danza acrobatica, - precisa Luppino - è fondamentale individuare un carattere, una collocazione, una particolarità, giuste per ogni personaggio».
Intanto, alle prime audizioni milanesi si sono presentate più di cento aspiranti fatine pronte a scoprire i loro poteri magici, o forse semplicemente a realizzare il loro sogno.