Se le toghe fanno le badanti della sinistra

La condanna di Silvio Berlusconi (sette anni di carcere più interdizione perpetua dai pubblici uffici) ci amareggia, ci avvilisce, ma non ci sorprende

Siamo uomini di mondo e abbastanza vecchi per averne viste di tutti i colori. Cosicché la condanna di Silvio Berlusconi (sette anni di carcere più interdizione perpetua dai pubblici uffici) ci amareggia, ci avvilisce, ma non ci sorprende. Dal 1994 il Cavaliere è in politica, e da allora - da quando cioè inaspettatamente vinse le elezioni - è considerato l'avversario numero uno della sinistra che, caduto il pentapartito, si era considerata erede unica al potere. Un avversario dapprima sottovalutato, quindi preso poco sul serio, poi, visto il suo successo sul piano dei consensi, temuto, odiato e giudicato talmente ingombrante da meritare di essere combattuto su ogni fronte, anche giudiziario.

La nostra analisi, per quanto possa apparire affrettata, si basa su dati di fatto, sull'osservazione della realtà. In effetti la prima botta in testa all'intruso (un imprenditore improvvisatosi leader politico) fu inferta proprio nel 1994, a pochi mesi dal suo trionfo alle urne. Era la fine dell'anno: Silvio Berlusconi, durante un vertice internazionale, ricevette un avviso di garanzia per un reato. Non ricordo quale, ma ricordo che la storia finì in una bolla di sapone. Comunque fu un segnale. Di cui gli ex comunisti furono ben lieti: dalla politica la battaglia si trasferiva anche sul terreno giudiziario. Berlusconi andava sputtanato in ogni modo, distrutto nella reputazione e nell'immagine. Dopo di che, anche politicamente, egli avrebbe pagato il fio.

Ecco perché i compagni, da quel momento, si sono sentiti alleati dei giudici: dove non arriviamo noi, speriamo che arrivino loro, ragionavano. Passa il tempo. Vince Romano Prodi, la Lega si slega dal centrodestra. Tutto sembrava accomodarsi secondo i desideri e gli interessi dei postcomunisti. Calcoli sbagliati. Il Cavaliere non capisce l'antifona e insiste a stare al vertice di Forza Italia. Nel 2001 rivince le consultazioni e governa per cinque anni. L'opposizione si dispera. Ha l'impressione che il leader del centrodestra abbia sette vite come i gatti e che sia difficile, se non impossibile, batterlo con le armi della politica. Per cui ogni iniziativa delle Procure è salutata quale opportunità di sconfiggerlo, mandarlo a casa, lasciando lo schieramento conservatore (se è lecita la definizione) orfano del suo principale sponsor.

I processi, le perquisizioni, le intercettazioni tese a incastrare il nemico numero uno dei progressisti non si contano e si accavallano. Nonostante ciò, lui se la cava sempre. Nel 2006 Berlusconi perde le elezioni, anzi le pareggia. Nel 2008 le vince. Nel 2013 le pareggia di nuovo. Insomma, anche quando sembra morto, il Cavaliere con un colpo di coda si rialza. E la sinistra non sa più a che santo votarsi per liberarsi da questo signore che le vieta di pigliare in mano il timone del Paese. Non le resta che confidare nella tenacia della magistratura: o ce la fanno le toghe a eliminarlo o gli eredi del Pci sono fritti.

Ai nemici di Silvio non par vero che le Procure abbiano sul tavolo le carte dei diritti Mediaset (presunta evasione fiscale) e di Ruby Rubacuori, squallida vicenda di sesso e ammennicoli vari. È noto che all'imprenditore-politico le donne piacciano. Ci gioca. Si vanta di conquistarne parecchie. Un'occasione eccellente per metterlo sotto. Non ho - non abbiamo - gli strumenti per dire come si siano svolte le famose cene eleganti nella villa di Arcore. Mica siamo poliziotti. Ci limitiamo a segnalare che Ruby nega di essere stata a letto col padrone di casa e che nessuno dei supposti concussi (la telefonata in questura) afferma di essere stato vittima di concussioni. Di norma, se non esistono le vittime di un reato non esiste neanche il reato. Nel caso di specie accade qualcosa di stravagante o quantomeno strano: i giudici non credono a Ruby (vittima, quindi, a propria insaputa) e neppure a quelli che dicono di non essere stati costretti ad agire secondo la volontà del Cavaliere.

E allora? Per condannare Berlusconi bisogna sbugiardare i testimoni. Dov'è il problema? Essi saranno perseguiti per falsa testimonianza. Cerchio chiuso. Anche chi non s'intenda di diritto e pandette comprende l'anomalia. In sintesi, l'imputato è stato condannato a una pena superiore alle richieste del pm Ilda Boccassini. Conclusione. Dato che la politica non è mai stata in grado di spedire fuori gioco il Berlusca, ha provveduto la giustizia a fare «giustizia»: in galera. Ma non è detta l'ultima parola.

Ci sarà l'appello, poi la Cassazione. Dopo di che il quadro sarà completo. Magari falsato, ma non parziale quanto quello di oggi. Comunque, confessiamo di essere basiti, pieni di sospetti e di dubbi. Una democrazia che non riesca a funzionare senza aggrapparsi in qualche modo alla magistratura, non è una democrazia. E una magistratura che si presti, o che dia l'idea di prestarsi, a determinate manovre non fornisce una prova esemplare di autonomia. È solo una sensazione, ma molto forte.

Commenti
Ritratto di Nopci

Nopci

Mar, 25/06/2013 - 10:33

ESIMIO FELTRI SOMMESSAMENTE LO PENSO COME MAGGIOR PARTE DEL POPOLO ITALIANO ESISTE ED ESISTERA'dal '48(fucina siciliana) in poi IL SOCCORSO MAGISTRATURA ROSSO SILENETE, L'UNICO "POTERE ITALIANO" CHE NEANCHE un dio supremo ha TANTE TESTE come l'idra di lerna. .

Ritratto di Nopci

Nopci

Mar, 25/06/2013 - 10:35

DA DOMANI IN FILA PER PRENDERE LA TESSERA DEL PARTITO COMUNISTA,GLI ALTRI,,,,,,,, AL CONFINO MORALE.

Ritratto di Nopci

Nopci

Mar, 25/06/2013 - 10:40

ORA L'ITALIA E' PIU' LIBERA!!!!DI FARE I CA..I SUOI COMUNISTI. GLI "ALTRI"ITALIANI PARATEVI IL LATO B E NON DOVETE LAMENTARVI,ANZI GODETE O SARETE EMARGINATI.

Ritratto di Zione

Zione

Mar, 25/06/2013 - 15:45

Se il disgustante e pustoloso GIUDICIUME Politico (e SUCCHIASANGUE ...) espletato da certi Fetentissimi "magistrati" Cialtroni, Felloni e Usurpatori di Toghe, specie ora che passeranno alla Storia (della Scelleratezza) perchè sono stati costretti (dall'Odio ?) a togliersi la maschera nella turpe Farsa del "processo" Ruby, si ravvedesse un poco e invece di Oltraggiare e CALUNNIARE Vigliaccamente (una Folla di gente perbene) pensasse solo a LAVORARE Onestamente, nell'Assassinato POPOLO non sorgerebbe dal fondo del cuore il desiderio imperioso e irrefrenabile di buttarli in un fetido Cesso (mai quanto loro, purtroppo ...) e tirare immantinente la catena; così parlò Zione. --- ruotologiu@libero.it

giovanni PERINCIOLO

Mar, 25/06/2013 - 15:47

Caro Feltri, c'é chi nasce con la camicia e puo' farsi giudicare da una giudice amica di famiglia e essere poi il primo a scagliarsi contro Berlusconi. E c'é chi di camicia non ha neanche l'ombra ed é colpevole a prescindere perché.... é il pericolo numero uno per definizione, degli italioti trinariciuti! Ma tant'é, all'ultimo momento arrivano sempre le toghe, pardon le giubbe rosse a difenderli dal cattivone!

Ritratto di ashton68

ashton68

Mar, 25/06/2013 - 15:50

Giulia Turri, Orsola De Cristofaro e Carmen D'Elia D'altronde anche il leone più maestoso ha le sue zecche. Ma non per quelle di certo smetterà di correre.

Ritratto di QuoVadis

QuoVadis

Mar, 25/06/2013 - 16:05

Sicura del risultato, ilda la rossa era già in ferie. (QED) Ma attenzione ai giudici: dell'amministrazione della Giustizia dovrete rispondere al Giusto Giudice. A chi molto ha ricevuto, molto sarà richiesto. Spero per voi che abbiate rettamente giudicato.

bruna.amorosi

Mar, 25/06/2013 - 16:09

Sapete che penso ? personalmente mi fa pena più la sinistra che BERLUSCONI perchè poracci dovranno essere sempre sotto schiaffo dei magistrati .Hanno fatto per 20 anni guerra al nemico politico ma non si sono resi conto che LORO SONO PRIGIONIERI DELLA LORO DISONESTA' INTELLETTUALE .ci provasso adesso loro a mettere legge ai loro protettori .Sapete come si dice dalle mie parti ? oggi a me domani a te . ..allora dovranno fare tutto da soli perchè la ruota gira gira !!

Giacinto49

Mar, 25/06/2013 - 16:11

Gent. Dott. Feltri, forse per un eccesso di signorilità Lei evita di parlare della militanza politica dei magistrati in questione (un'altra stortura che andrebbe regolamentata) e soprattutto di quanto la sinistra, più che aggrapparsi alle iniziative giudiziarie non abbia, invece, potuto propiziarle. Per un Occhetto & Co., che nel '94 prometteva vendetta, non credo siano mai state fatte intercettazioni o indagini di qualsiasi tipo.

BRAMBOREF

Mar, 25/06/2013 - 16:23

Bramboref se alla fine tella tornata giudiziaria la Cassazione dicesse che IL REATO NON ESISTE, cosa si dovrà fare con Boccassini e C???? Il CSM ed il suo Presidente è ora che se vadano.

Benado

Mar, 25/06/2013 - 16:32

la B

benny.manocchia

Mar, 25/06/2013 - 16:47

Psssate il mio commento Un italiano in USA

gigi0000

Mar, 25/06/2013 - 16:56

Berlusconi ha superato 23 processi essendo assolto in tutti, alcuni per prescrizione, è chiaro, ma anche con formula piena. Ebbene, che ne sarebbe stato dei magistrati fedifraghi che lo avevano incriminato? Niente, ovvero niente conseguenze, se non la promozione. Che accadrebbe se il Cav. fosse assolto nel processo De Benedetti, in quello Mediaset ed in questo di Ruby? Niente e la solita promozione, soprattutto a quelli prossimi alla pensione, per aumentare il loro emolumento a vita.

abosh

Mar, 25/06/2013 - 17:17

L'ANOMALIA TUTTA ITALIANA E' CHE ESSERE COMUNISTI NON SIA UN CRIMINE. UN'IDEOLOGIA CHE HA PRODOTTO MILIONI DI MORTI, TRUCIDATI , INTERNATI, RIEDUCATI, TORTURATI E CHE SI BASA SULL'IDEA VIOLENTA DELLA ELIMINAZIONE DI CHI NON LA PENSA COME TE NON DOVREBBE ESSERE AMMESSA IN UN PAESE CIVILE. IN ITALIA INVECE I PORCI COMUNISTI SI VANTANO DI ESSERLO. PERCHE' SORPRENDERSI SE QUESTI ESSERI SENZA SCRUPOLI ESERCITANO IL LORO POTERE PER SERVIRE LA CAUSA? GLI HANNO ANCHE TOLTO LA SCOMUNICA PER FARLI CONTENTI...IN BARBA A TUTTI I RELIGIOSI TRUCIDATI E PERSEGUITATI IN TUTTO IL MONDO. NO CARO FELTRI, IN ITALIA CI SI E' ASSUEFATTI A RESPIRARE QUESTO TANFO E NON CI SI RENDE PIU' CONTO DI COSA SIA L'ARIA PURA

Felice48

Mar, 25/06/2013 - 17:25

Oggi mestamente passiamo sotto le forche caudine attorniati da sorrisi ebeti, imbecilli e idioti di chi crede di aver ottenuto una vittoria. Ma non si accorgono però, resi ciechi da un radicalismo sinistroide scellerato, che ha vinto l'antidemocrazia. Questi soloni che si riempiono la bocca di democrazia ma nel frattempo non ne hanno capito niente. Usano la magistratura come una clava. Una magistratura che mi fa paura.

lucas2

Mar, 25/06/2013 - 17:26

Tutto vero e se i magistrati non si fossero conquistati il diritto ad essere intoccabili e non partissero subito le querele (naturalmente giudicate da loro stessi) si potrebbero dire cose ben più gravi...però un minimo di autocritica va fatta. Io al tribunale di Milano ci lavoro e mi occupo spesso di reati per i quali Berlusconi è stato condannato e posso assicurare che cose simili si vedono anche ai danni delle persone normali. In questi anni la destra si è arrovellata nel tentativo più che giusto di difendere B, ma ha abbandonato ogni politica garantista e libertaria per gli altri cittadini, triturati da questa giustizia (soprattutto a Milano). Si sono inasprite le pene, sono stati esclusi dai benefici di legge gli imputati per reati sessuali nei quali la percentuale di false accuse è spaventosa, non c'è stata tutela dei padri separati, diventati carne da macello giudiziaria. Alfano che si oppone al decreto svuota carceri e fa distinguo sui reati, francamente non si può sentire. Ora ci vuole subito un'amnistia senza se e senza ma. Le carceri sono piene di innocenti e chi come me cerca di difenderli, vede cose che fanno orrore.

enzo1944

Mar, 25/06/2013 - 17:33

............presto alcuni magistrati rossi/sinistri saranno eletti nelle liste(bloccate)del PCI-PD!......non faccio nomi,ma possiamo immaginarne una ventina,che andranno in Parlamento come premio per il lavoro svolto per condannare Berlusconi,e sputtanarlo politicamente!............il Padreterno,al momento opportuno,punirà questi sepolcri imbiancati,fasi e bugiardi più di giuda,ed i loro mandanti,nascosti dietro la "legalità" repubblicana,che i kompagni komunisti non vogliono modificare!!!

AleVen

Mar, 25/06/2013 - 17:42

Dr. Feltri, nonostante la stima, la sua ricostruzione soffre di un manicheismo strabico. Da un lato il Cav senza paura (con qualche piccola macchia), dall'altra i cattivi, che giocano scorrettamente perche' si fanno aiutare dall'arbitro venduto. Io credo che le cose siano piu' sfumate. Il Cav senza paura (con qualche macchia sessuale, niente di che) e i cattivi sono stati davvero avversari o hanno fatto teatro? Pensando a Violante che in Parlamento dice che la Sinistra non tocchera' mai il Conflitto di Interessi, pensando alle leggi Schifani, Alfano che il Cav senza paura ha fatto passare, propendo per il teatro. E in questa farsa, la magistratura non sa se prendersela con le macchie (e in questo caso, secondo me, ha preso le macchie sbagliate: altre sono giuste) o cedere di fronte all'assenza di paura (come il CSM senbra voler fare ultimamente). Non santifico la magistratura, ma meno che meno il Cav che - se avesse voluto - certe macchie non se le sarebbe proprio procurate. Forse, con sua madre in vita, sarebbe stato piu' morigerato e noi tutti meno esasperati.

Ritratto di Dobermann

Dobermann

Mar, 25/06/2013 - 18:03

Caro Feltri, smettila di fare il liberale e comincia a dire le cose come stanno: i guai del Cavaliere dipendono dai poteri esterni! La sinistra nostrana è solo la 'leva lunga', lo strumento di lor signori. Dopo il 'cinghialone' Craxi tocca a Berlusconi. Perché? Già è stato detto: voler fare gli interessi dell'Italia e non essere soggetti ai patti che, per cinquant'anni, hanno reso il nostro Paese a sovranità limitata, se non nulla. Berlusconi paga l'aver stretto rapporti economici con Paesi che, nonostante le vicissitudini degli ultimi venticinque anni, hanno opposto resistenza al potere d'oltre oceano. Feltri, persino Brunetta oggi parla del caso 'Britannia'. Cosa è accaduto negli anni 1993-1994? L'entrata in politica di Berlusconi, evento imprevisto, che ha mandato all'aria le trame di lor signori. D'accordo, la sinistra, i giudici... Ma può la sinistra italiana, la quale non è in grado di tenersi in piedi da sola, architettare un'operazione del genere? Stessa cosa per i giudici. Solo una mente fine e diabolica può essere la regia di queste operazioni che vanno avanti da vent'anni. I nemici di Silvio non sono i comunisti o/e i giudici: costoro sono solo la mano che esegue. I veri nemici vanno cercati fuori.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 25/06/2013 - 18:29

per l'assassino di una donna sei anni!!! per Berlusconi, senza denunce e senza prove, 7 anni!!! qualcosa non quadra nella giustizia !!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 25/06/2013 - 18:29

commentatori comunisti, fate schifo! siete solo i figli di un dio minore!!

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mar, 25/06/2013 - 18:33

Egregio Feltri, la apprezzo e stimo da sempre ma mi lasci dire che trovo questo suo articolo non in linea con l'energia e il "nerbo" che contraddistinguono solitamente i suoi scritti. Sembra quasi di cogliere almeno un'ombra di resa alle intimidazioni violente che ogni giorno la magistratura riversa su tutte le persone che "osano" opporsi all'attuale ed ennesima "gioiosa macchina da guerra" rossa. Capisco che l'ironia e la satira siano armi potenti ma, oggi e nella situazione drammatica in cui ci troviamo, definire "stravagante o quantomeno strano" ciò che sta accadendo e una "anomalia" la persecuzione di TUTTI i testimoni, non basta. Gli Italiani veri, onesti e davvero democratici, sono in questo momento confusi, spaventati, persi e "suonati" dalla sfacciata violenza senza pudore e dallo strapotere degli intoccabili magistrati. Vanno svegliati, confortati, ricaricati con parole chiare prive di qualsiasi dubbio o fraintendimento, supportate da prese di posizione intransigenti e senza nessuna corruzione diplomatica o "polically correct". Ciò che il tribunale di Milano ha compiuto è un atto di una micidiale violenza inaudita! E' oltretutto l'ennesimo atto di una guerra portata avanti con ogni tipo di mezzo e una evidente illimitatezza di mezzi (che andrebbero invece dedicati a vere e pericolose minacce criminali nostrane e "immigrate"...) da una (in)giustizia apertamente-palesemente-inconfutabilmente schierata a sinistra. Davvero, secondo lei, c'è solo "l'idea" che la magistratura si presti a manovre che non forniscono una prova esemplare di autonomia dal "pensiero rosso"? Di quante prove abbiamo ancora bisogno? E davvero pensa che ancora non sia detta "l'ultima parola"? Berlusconi è del '36, le sue aziende perdono continuamente valore in borsa (solo ieri quasi il 5%) sotto le bordate di questi tribunali dell'inquisizione staliniana, è già stato (ingiustamente) condannato a regalare la sciocchezza di 564milioni al titolare della tessera nr.1 del Pd, è altamente probabile che altri equi e solidali giudici gli affibbino a raffica condanne per altri 10 o 15 anni di carcere, con appelli e ricorsi vari in cassazione resterà inchiodato-infangato-delegittimato quotidianamente per i prossimi (minimo) 5 anni... e anche pensando che da tutti i procedimenti (non posso parlare per quelli, certamente pronti, ancora di là da venire...) se ne vanga fuori assolto, sarà ormai un ultraottantenne svuotato di ogni residua energia (sempre che, come sperano i "diversamente gufi", non ci lasci le penne prima...), con buona parte delle sue aziende mortalmente ferite e il suo gruppo politico disperso e "desaprecido" e con le sinistre graniticamente installate al potere e controllanti ogni più piccolo ganglo politico, amministrativo, istituzionale, finanziario e di potere di questa povera, bellissima, amatissima e autolesionista Italia. Hanno già vinto! CI HANNO già vinto!!! Usiamo almeno ogni nostra possibilità ed energia residua per denunciare davvero duramente tutto questo e per almeno tentare di far aprire gli occhi alla maggioranza degli Italiani che (ne sono convinto) non è ancora intimimamente e inesorabilmente inquadrata e lobotomizzata dalle sinistre. Detto questo, mi scuso per lo sfogo (dovuto, lo giuro, unicamente all'amore che nutro per la NOSTRA unica e magnifica Italia) e le auguro una buona giornata.

Ritratto di gino5730

gino5730

Mar, 25/06/2013 - 18:38

Finalmente "soccorso rosso" è riuscito a liberare la sinistra dall'incubo Berlusconi,sono venti anni che ci provano. Conosciamo tutti Piero Sansonetti,è un rosso che più rosso non si può,ma è un comunista senza i paraocchi ideologici,un giornalista di un'onestà mentale che pochi possono vantare e soltanto una persona con questi requisiti poteva rilasciare una dichiarazione come quella al TG5 del 25 giugno .

voceneldeserto

Mar, 25/06/2013 - 18:40

Non dovrebbe bastare un semplice concorso per far si che una persona si erga a 'giudice' di un'altra. Solo questo è il problema. I giudici vanno eletti dal popolo! E mandati via se solo si ha un minimo sospetto di essere parziali. A mio parere non dovrebbero nemmeno vederli gli imputati. Dovrebbero operare al chiuso di una stanza, sentire solo le voci durante gli interrogatori e leggere solo gli atti che gli vengono forniti. E non avere nessun, e dico nessun, rapporto con gli inquirenti. E non dovrebbero nemmeno sapere chi stanno giudicando. Nel senso che si dovrebbe avere l'inputato 'a' , 'b' , 'c' ecc. Invece così com'è ora mi sa tanto di farsa: il pm che conosce il giudice, ci mangia insieme, si scambia opinioni, il giudice che si fa un'idea inculcata, il pm che diventa a sua volta giudice... pensate che dopo tali rapporti possano metterselo in quel posto fra loro? Illusi. Invece si proteggono a vicenda. La giustizia è malata. E per guarirla ci vuole un intervento chirurgico... Non bastano i pannicelli caldi. Prima di tutto ci vuole la responsabilità civile e penale dei magistrati. Poi la separazione delle carriere. E soprattutto dei meccanismi che ne garantiscano la vera imparzialità!

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mar, 25/06/2013 - 18:43

PS: mi scuso per l' "intimimamente" (era "intimamente") e per il "ganglo" (era "ganglio")

Ritratto di marystip

marystip

Mar, 25/06/2013 - 19:31

la Magistratura in Italia fa proprio schifo. Molto schifo. Non so se esiste un altro parola che renda meglio l'idea; vediamo: no schifo è la parola giusta.

guidode.zolt

Mar, 25/06/2013 - 19:42

Sarebbe interessante venire a conoscenza se, tutte o in parte, le giudici e la pm facciano parte del novero mantenuto agli studi dal Pci per comquistare il potere mediante la magistratura, secondo un loro progetto datato anni '70.

LANZI MAURIZIO ...

Mar, 25/06/2013 - 19:53

QUESTI NON SONO NE POST E NE EX COMUNISTI COME LI CHIAMA VITTORIO. TI SBAGLI FELTRI QUESTI SONO COMUNISTI FINO ALL'OSSO DEL COLLO...PIANTIAMOLA DI CHIAMARLI DEMOCRATICI EX O POST...GLI IGNORANTI VANNO CHIAMATI COL LORO VERO NOME......COMUNISTI

LANZI MAURIZIO ...

Mar, 25/06/2013 - 20:06

QUEL FROCIO DI VENDOLA AFFERMA CHE SILVIO DOVREBBE AVERE IL DECORO DI RITIRARSI DALLA VITA PUBBLICA. ANCHE IL FROCIO IN QUESTIONE DOVREBBE AVERE IL DECORO DI NASCONDERSI PERCHE' FA ABBASTANZA SCHIFO. COME LA BINDI CHE ANCHE CONSIGLIA AL BERLUSCONI DI ANDARSENE. ANCHE LEI CHE E' UN CESSO AMBULANTE DOVREBBE NASCONDERSI PER TROPPA BRUTTEZZA. DETURPANO IL PAESAGGIO LA BINDI E IL FROCIO VENDOLA.

Silvio B Parodi

Mar, 25/06/2013 - 20:44

le tre giudichesse terrone e comuniste, la Boccassini pure egli altri giudici di Milano sono terroni, Berlusconi, Milanese e di destra, 1+1 fa due l'italia del nord e' in mano ai terroni, FORZA MARONI FORZA LEGA FACCI SOGNARE.

BeppeZak

Mar, 25/06/2013 - 22:11

Ho sentito in tv, logicamente, Sansonetti. Mi è piaciuto. Una petsona equilibrata, onesta intellettualmente, comprensibile nel suo linguaggio. Ha detto ciò che io penso. È una condanna politica. Accuse che non reggono nel modo più assoluto solo i giustizialisti sinistrorsi che dalla magistratura sono stati benevolmente assolti ( non dicano che non è vero: penati, caso Forteto e altri ) si accaniscono in modo vergognoso. Vorri entrare nel loro cervelli per capire se ragionano per conto loro o se è l'odio a loro instillato che ha il sopravvento. Ma lo sann o che i loro predecessori hanno fatto danni se non pari, superiori al fascismo ?

gianni marchetti

Mar, 25/06/2013 - 22:13

Ma perchè se la sinistra è così oscena Vi ci volete alleare? Chi me lo spiega ca....o?

scric

Mar, 25/06/2013 - 22:20

Ma ci rendiamo conto il potere che ha la magistratura, se il medico sbaglia paga, se l'architetto sbaglia paga e via dicendo, e se sbaglia un magistrato? VERGOGNATEVI

facendis

Mar, 25/06/2013 - 22:21

Ci sarebbe da fare un film e forse un giorno lo faranno! A mio parere la cosa è molto semplice: negli anni della guerra fredda il pci, conforme alle direttive di Gramsci,in accordo con Mosca e grazie ai suoi finanziamenti, ha occupato la maggior parte possibile di posti istituzionali ivi compresa la magistratura, anzi, sopratutto la magistratura,approfittando del fatto che la DC all'epoca era impegnata in altre cose( mangiare). Era un piano concepito dalle menti del Cremlino e che sarebbe dovuto implodere al momento stabilito portando il PCI al governo e l' Italia nell'orbita di Mosca. La caduta del muro ha scombussolato tutto ma la bomba era innescata e pronta ad esplodere e di questo ne ha approfittato il PCI piegando il piano originale a suo solo vantaggio. Ed avrebbe funzionato se non fosse comparso Berlusconi che dopo la scomparsa dei partiti moderarti , sapendo che la maggioranza degli italiani è anticomunista, li ha radunati sotto i simbolo di Forza Italia vanificando i piani dei sinistrati.Da qui in poi è iniziata la caccia all'uomo conclusasi ieri!

facendis

Mar, 25/06/2013 - 22:32

Ne consegue che il PCipd è un partito all'apparenza costituzionale ma sotto sotto( nemmeno tanto) rivoluzionario marxista ma con un grande problema: Non hanno più il punto di riferimento della grande madre patria russa perciò si muovono come un corpo al quale è stata tagliata la testa: solo per riflessi condizionati!

facendis

Mar, 25/06/2013 - 22:59

Questi riflessi ora sono fuoiri controllo del partito, la dimostrazione: il caso, od il fattaccio, MPS doveva rimanere nascosto, a rivelarlo è stao Ingroia al Fatto Quotidiano nella speranza di sopttrarre voti al PD a suo vantaggio. Risultato: Ingoia è stato trattato, dopo le votazioni, dal CSM, come un lebbroso, caso più unico che raro per un appartenente alla magistratura sinistrata. Il fatto in se stesso è rivelatore di come la magistratura sia a conoscenza delle malefatte dei compagni, ma anche di come le nasconda! Arriverà il giorno che queste cose saranno a conoscenza di tutti ma intanto i cantatori di " bella ciao" si saranno mangiati l'intera Italia! Buon pro.

silvano45

Mar, 25/06/2013 - 23:28

che la magistratura sia colorata di rosso e abbia due velocità è palese vedi casi penati(si è aspettato la prescrizione ora silenzio) il caso monte paschi(silenzio tombale) caso vendola (il giudice e imputato amici per sempre) che i giudici di milano siano schierati è sotto l'occhio di tutti da anni certo che berlusconi non sempre si è comportato da statista!

maesto

Mar, 25/06/2013 - 23:31

Cloto, Lachesi ed Atropo hanno cantato. Più parche o più porche?

maesto

Mar, 25/06/2013 - 23:34

A Ballarò Onida ha detto che i giudici sono liberi ed imparziali: E' un teorema od un postulato?

nalegior63

Mar, 25/06/2013 - 23:49

NELLA FAMIGLIA DELLA BOCASSINI che a noi liberi ci fa i pompini anzi no puah che schifo se me lo fa me lo taglio...x spiegare il mio ribrezzo verso questa becera gente senza peli sulla lingua..senza usare il DEMONIACO political correct (parole sante del PAPA FRANCESCO)dicevo guardate dal marito al padre agli zii stranamente tutti nell ambito della magistratura,quanti delitti hanno fatto quanti processi subiti e condanne..un curriculum degno di un TOTO RIINA e i sinistri la vedono come una integerrima(baldracca da 4 soldi)onesta..un eroe anzi x loro EROINA che si sparano in vena e poi si sentono bene,SINISTRI DROGATI DI IGNORANZA,in una parola TALEBANI

nalegior63

Mar, 25/06/2013 - 23:52

ciao BENNY mi sei simpatico, adoro leggere i tuoi post, l aria di dove sei ti fa bene, si vede,sei piu ITALIANO di tanti altri che pensano di esserlo senza essere mai usciti dall uovo,al limite solo con alpitour

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 26/06/2013 - 00:35

Una cosa è certa. Non si può lasciar passare questo obbrobrio tutto italiano di una parte della magistratura che ha deciso di intervenire pesantemente sul destino politico del nostro paese. SIAMO IN DEMOCRAZIA E NON IN UN REGIME COMUNISTA. QUESTI MAGISTRATI VANNO SANZIONATI.

precisino54

Mer, 26/06/2013 - 17:39

Tutto giusto caro Feltri, da scrivere a lettere di fuoco nei nostri diari per non dimenticare questi anni e raccontarlo alle nuove generazioni: occhio ai togati infami che hanno reso la culla del diritto, così si diceva una volta, lo zimbello dell'umanità!