Vaccini, stop alle somministrazioni per gli insegnanti. Ok solo alle seconde dosi

Con la nuova scala delle priorità, il commissario ha escluso dai soggetti da vaccinare gli insegnanti che non hanno compiuto 60 anni. Si procede solo con le seconde dosi

Vaccini, stop alle somministrazioni per gli insegnanti. Ok solo alle seconde dosi

Inizia a essere applicata l'ordinanza del generale Francesco Paolo Figliuolo sulle vaccinazioni, con lo stop alle somministrazioni per tutti gli under 60. Sono state pertanto sospese le prenotazioni per le categorie di soggetti individuati dalle Regioni che venivano considerate a rischio e, quindi, meritevoli di ricevere il vaccino in via prioritaria al di là dell'età anagrafica. Sono un esempio di questo, per esempio, gli operatori della giustizia in Toscana, vaccinati prima degli over 80. Tra loro anche i praticanti, che nella maggior parte dei casi non superano i 30 anni di età. Nelle categorie ora escluse dalla somministrazione dei vaccini a priori per appartenenza rientra anche quella degli insegnanti.

Il generale è stato chiaro nelle sue indicazioni: prima devono essere vaccinati tutti gli over 80 che manifestano l'intenzione di ricevere la somministrazione. Poi, come indicato nella circolare del commissario, spetta a "persone con elevata fragilità e, ove previsto dalle specifiche indicazioni (...) i familiari conviventi, caregiver, genitori/ tutori/affidatari; persone di età compresa tra i 70 e 79 anni e, a seguire, quelle di età compresa tra i 60 e i 69 anni, utilizzando prevalentemente vaccini Vaxzevria come da recente indicazione dell'Aifa". Pertanto al momento a rientrare tra gli aventi diritto al vaccino saranno solo gli insegnanti tra che rientrano in queste categorie. Ovviamente, non è prevista la sospensione delle somministrazioni per i docenti che hanno ricevuto la prima dose e sono in attesa della seconda.

Per gli insegnanti si tratta più che altro di un rinvio di qualche settimana, che dipenderà anche in questo caso dall'andamento delle singole Regioni. L'organizzazione della campagna vaccinale, infatti, è delegata a ogni amministrazione regionale che ha il compito di gestire le somministrazioni sulle indicazioni della struttura comissariale che detta le regole. Lo stop alle somministrazioni arriva alla vigilia del rientro in aula degli aulunni, che dalla settimana prossima potranno riprendere a frequentare le lezioni in presenza. Non sono stati dettati i tempi del rinvio ma se si considera che la scuola dovrebbe terminare a giugno, a meno di proroghe, in molte Regioni non verrà garantita la somministrazione del vaccino agli insegnanti entro la fine dell'anno scolastico.

Come prevedibile, i sindacati della scuola sono in tumulto. Domani una rappresentanza incontrerà il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi e lo staff del commissario. All'ordine del giorno un chiarimento sulle nuove disposizioni ma non solo. Sul tavolo anche la questione AstraZeneca, visto che il corpo docente è composto per lo più da donne al di sotto dei 60 anno, considerate la fascia a maggior rischio trombosi. "Speriamo che ci sia una indicazione nazionale con una specifica individuazione del personale scolastico, a partire da tutti i docenti che lavorano a stretto contatto con i bambini come nelle scuola dell’infanzia e gli adolescenti in vista di ulteriori dosi e tipologie di vaccini", ha detto la segretaria della Cisl scuola Maddalena Gissi.

Commenti