Gruppo Ferretti Debito ristrutturato Il nuovo ad è Salvatore Basile

Il gruppo Ferretti chiude l’operazione di ristrutturazione del debito, costituisce la Ferretti Holding e nomina un nuovo ad, Salvatore Basile (ex Saeco e De Longhi). E presenta il nuovo board: Norberto Ferretti (presidente), Alessandro Foti (vicepresidente) e i consiglieri Giancarlo Galeone, Lamberto Tacoli, Augusto Fantozzi e Mario Giuseppe Rossetti. Il rilancio del gruppo, che annovera 9 tra i più prestigiosi marchi della nautica mondiale, prevede la riduzione dell’indebitamento a lungo termine da 1,1 miliardi a 550 milioni a fronte della conversione dei crediti in strumenti partecipativi e l’immissione di nuove risorse finanziarie con un aumento di capitale da 85 milioni (70 sottoscritti da Norberto Ferretti e dal management, 15 da Mediobanca). Previste, inoltre, ulteriori linee di credito a medio termine per coprire le esigenze di capitale circolante per 65 milioni. L’equity del gruppo è ripartita così: Ferretti e management (38,2%), Mediobanca (8,8%), «senior e mezzanine lenders» con il 53% in strumenti partecipativi. Sulla base dell’intesa, tuttavia, Ferretti, il management e Mediobanca detengono il 100% dei diritti di voto.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti