Renault, Parigi gioca la carta De Meo

L'ex pupillo di Marchionne dovrà rilanciare l'azienda

Lo Stato francese, primo azionista della Casa automobilistica, da oggi consegna Renault e il suo futuro nella mani dell'italiano Luca De Meo (nella foto). «Avrà tutto lo spazio di manovra di cui ha bisogno per prendere decisioni su modelli e strategie», ha detto di lui il presidente Jean-Dominique Senard, introducendolo alla recente assemblea degli azionisti. Come a dire: «Luca, hai carta bianca». De Meo, che ha cominciato la carriera proprio in Renault, affronta una sfida non facile: entro l'anno presenterà il suo piano di rilancio, una sorta di vaccino che dovrà rendere immune il gruppo da possibili nuove crisi, ma dovrà fare anche i conti con il programma di riduzione dei costi per 2 miliardi.

De Meo, 53 anni, milanese, con trascorsi in Fiat, Toyota, Audi, Volkswagen e Seat, dove è stato presidente, avrà anche il compito di rivitalizzare l'Alleanza con Nissan, che insieme a Mitsubishi, ha sinora garantito a Renault importanti sinergie e una posizione leader nelle motorizzazioni elettriche. E qui, la sua esperienza in Toyota Europa e la conoscenza diretta della realtà giapponese saranno importanti. E poi c'è l'ingombrante predecessore, Carlos Ghosn, travolto dagli scandali a Tokio, le cui vicende personali dovranno essere tenute a debita distanza.

«De Meo conosce il prodotto a livello globale, parlava sempre a braccio, è un innovatore e un grande uomo di squadra», spiega chi lo ha conosciuto bene in Fiat. È stato a lungo il pupillo dell'ex ad Sergio Marchionne dal quale ha imparato tanti trucchi del mestiere. A Torino, viene indicato come uno dei simboli della rinascita del gruppo. Il lancio della nuova Fiat 500, nel 2007, ha molto di lui, ma anche del vulcanico amico Lapo Elkann. De Meo ha preso in mano una barcollante Seat e l'ha portata all'utile dopo un anno, rivoluzionandone l'immagine. Tutto da vivere il futuro duello con i rivali francesi di Psa uniti alla sua ex Fca. Da lui, a Parigi, si aspettano una vera e propria nouvelle Renault.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.