Virus, è allarme sul lavoro: la pandemia provocherà 25 milioni di disoccupati

Uno studio redatto dall'organizzazione internazionale del Lavoro avverte sulle conseguenze economiche legate al Covid-19: "Le proporzioni inquietanti di questo crash test saranno peggiori della crisi del 2008"

La pandemia causata dalla diffusione del nuovo coronavirus potrebbe provocare la perdita di 25 milioni di posti di lavoro. A segnalarlo, secondo quanto riportato da Repubblica, è stato uno studio realizzato dall'organizzazione del Lavoro (che riunisce i governi, i sindacati e le organizzazioni degli industriali di 187 Paesi). La relazione ha dimostrato che la diffusione del Covid-19 potrebbe aggravare un settore dove nel 2019 si contavano già 188 milioni di disoccupati nel mondo. Un numero superiore a quello che si verificò dopo la crisi economica del 2008 e che comportò una crescita degli inattivi mondiali di 22 milioni di unità.

"Sarà un crash-test"

In base a quanto segnalato dal direttore generale dell'organizzazione delle Nazioni Unite, Guy Ryder, i comparti più toccati potrebbero essere quelli del turismo, dei trasporti, ma anche l'industria dell'automobile. "Sarà un crash-test di proporizioni inquietanti, ben peggiore di quello del 2008", ha spiegato il funzionario. E secondo quanto segnalato dallo studio, potrebbero essere le economie occidentali quelle più coinvolte da questa nuova crisi, con una perdita di guadagni che si prevede sfiorerà i 3.100 miliardi di euro entro la fine del 2020.

Le conseguenze

È probabile, poi, che la perdita di forza generalizzata di questi servizi si traduca in una diminuzione di consumi e di servizi che, a sua volta, potrebbe impattare sulle imprese, sulle economie nazionali e, di conseguenza, sui singoli. Secondo quanto segnalato dallo studio, tra gli 8 e i 35 milioni di persone rientreranno nella categoria dei cosiddetti "lavoratori poveri", cioè quelli che guadagnano meno di 2,90 euro al giorno, mentre si prevedeva che nel 2020 la cifra totale di questi, pari a 630 milioni di persone, sarebbe diminuita di 14 milioni di persone.

Cosa si può imparare dal 2008

"Prendendo esempio da quanto accadde nel 2008 è di fondamentale importanza proteggere il salario dei dipendenti e cercare di salvare i posti di lavoro", spiega ancora Ryder. Intanto, in Italia, ieri i numeri del Covid-19 hanno destato più di una preoccupazione, anche perché, per la prima volta, il Paese ha superato il numero di decessi della Cina. La situazione più critica, al momento, resta quella della Lombardia, la regione più colpita, dove a Milano i casi sono aumentati di 634 unità in 24 ore. In generale, in Italia, ieri, il numero dei contagiati ha superato le 33mila persone (33.190 in totale accertate), con 3.405 deceduti e 4.440 guariti. Le misure restrittive per cercare di contenere il contagio proseguiranno a dopo il 3 aprile, iniziamente la prima data di scadenza fissata all'inizio della diffusione del coronavirus.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

savonarola.it

Ven, 20/03/2020 - 12:44

E noi che ne faremo delle nostre risorse, le predilette di zia laura?

cgf

Ven, 20/03/2020 - 12:55

Senza contare tutte le aziende che NON potranno pagare tasse e contributi.

jaguar

Ven, 20/03/2020 - 13:07

In Italia purtroppo siamo abituati alla disoccupazione.

necken

Ven, 20/03/2020 - 13:16

questa è come una guerra che uccide anziani anzichè giovani comunque l'Italia nei primi 3 anni del dopoguerra ha avuto un inflazione del 350% circa oltre alla disoccupazione, al paese distrutto nelle fabbriche ed infrastrutture, invalidi inclusi bambini vittime di mine ecc. Però nel 1959 la lira ebbe il premio come miglior valuta europea ma abbiamo avuto padri, nonni o bisnonni con gli attributi e uomini politici come Einaudi e de Gasperi che non erano ossequiati ma criticati aspramente da molti Italiani, eppure hanno saputo regalarci un futuro che altri dopo di loro hanno in parte sprecato e da li che forse dovremo partire preparandoci al peggio, che se poi non lo sarà tanto meglio per tutti.

DRAGONI

Ven, 20/03/2020 - 14:08

Faremo, se ce lo consentiranno, altri debiti per erogare la cassa integrazione o in alternativa il reddito di cittadinanza del compaesano di pulcinella!!

Ritratto di giangol

giangol

Ven, 20/03/2020 - 14:12

Tranquillo l'Italia può contare sui manzi Sboldriniano che ci pagano la pensione