A piedi in tangenziale. Ragazzo travolto e ucciso

Il 20enne, subito soccorso, è morto in ospedale La tragedia in piena notte. Aperta un'inchiesta

A piedi in tangenziale. Ragazzo travolto e ucciso

Aveva solo 20 anni ed è morto travolto in piena notte sulla tangenziale, proprio nel giorno in cui si ricordano le persone che hanno perso la vita in incidenti stradali. Camminava a piedi, nel buio, sulla carreggiata della tangenziale Est di Milano ed è stato preso in pieno da un automobilista che si è subito fermato ed ha chiamato i soccorsi. Purtroppo inutili perchè il ragazzo, trasportato in condizioni disperate in ospedale, è morto qualche ora dopo.

È accaduto poco prima delle tre e mezzo nel tratto di tangenziale che va tra le uscite Camm e Forlanini. La vittima è un ventenne di nazionalità italiana e origini nordafricane. Il 118, quando è arrivato, l'ha trovato in gravissime condizioni e l'ha trasportato alla Clinica Città Studi.

Un drammatico incidente che per ora resta ancora difficile da spiegare, soprattutto perchè non si capisce cosa ci facesse il giovane in piena notte a piedi su una strada ad alta velocità. Dopo aver ascoltato i genitori, entrambi residenti Milano, proprio su questo stanno indagando gli agenti della polizia stradale per cercare di capire quale sia stata l'esatta dinamica della tragedia: sul caso è stato aperto un fascicolo per omicidio colposo.

Sono tanti i punti da chiarire a cominciare dal fatto che il giovane potrebbe anche essere stato investito da più automobilisti che nel buio della notte non se ne sono neppure resi conto. Sul perchè stesse camminando sulla tangenziale solo ipotesi: potrebbe essere sceso dalla sua auto dopo un'avaria e potrebbe aver attraversato la tangenziale per cercare aiuto anche se per ora nelle vicinanze non sono state rinvenute auto in panne. Non si esclude però neppure l'ipotesi che fosse ubriaco e non si sia reso conto di cosa rischiasse incamminandosi sulla carreggiata. Il magistrato di turno ha disposto l'autopsia che permetterà nelle prossime ore di capire qualcosa i più. Pochi giorni fa un altro incidente era avvenuto a Truccazzano dove un'auto era finita fuori strada e nello schianto aveva perso la vita un ragazzo di 21 anni.

Nella giornata in cui si ricordano le vittime degli incidenti stradali la sicurezza sulle strade torna quindi prepotentemente al centro. Istituita dall'Onu nel 2005, in Italia la giornata in memoria delle vittime della strada è stata sancita da una legge del 2017. La sicurezza stradale è una delle maggiori criticità che i Paesi Europei devono affrontare, e l'impegno di tutti è quello di azzerare il numero delle vittime della strada entro il 2050, e nel 2030 di ridurre del 50% il numero sia delle vittime che dei feriti gravi.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti