Il documentario complottista che sta sconvolgendo la Francia

Dalle mascherine al lockdown, passando per l'idrossiclorochina e per il Grande Reset: cosa c'è nel documentario complottista francese, che abbiamo visto per voi

La pandemia c'è, e su questo quasi nessuno ha dubbi. Per quanto esistano pure frange di cospirazionisti o di negazionisti. Le abbiamo anche in Italia, ma in Francia il complottismo sta facendo più notizia che altrove. Il perché risiede in un documentario intitolato "Hold Up", che si è fatto conoscere anche grazie alle condivisioni social di qualche icona. Tra gli sponsor, per così dire, c'è Sophie Marceau, l'attrice de Il Tempo delle Mele. La fase degli amori adolescenziali sul grande schermo è ormai alle spalle: la Marceu ha postato su Instagram il manifesto del cortometraggio, che in lingua francese è visibile su YouTube. Un gesto - questo dell'ex Vic Berreton - che può equivalere ad un sostegno alle tesi contenute in quelle due ore e trentotto minuti. Pare che il prodotto piaccia pure a Marion Cotillard ed a Juliette Binocche. Star che dubitano dell'esitenza del virus? Non proprio. Il nuovo coronavirus per gli autori del documentario c'è - si deduce subito -. Il problema da porre per loro, semmai, è tutto il contorno.

Buona parte della stampa internazionale ha comunque fatto caso alle attenzioni riservate dalle attrici: non è un fatto consueto. In "Hold Up", fra i vari punti sollevati, c'è pure la presunta eccessività delle misure disposte per prevenire il contagio da parte dei vari esecutivi. Il lockdown, per farla breve, non servirebbe poi a molto. Pealtro quello del lockdown sarebbe stato - viene ventilato durante la progessione dell'opera - il periodo in cui il Sars-Cov2 è circolato in maniera più tangibile Oltralpe. Ma il taglio dell'opera riesce anche ad essere più marcato di così. Intanto tra i vari soggetti intervistati c'è Michael Levitt. Si tratta di un premio Nobel per la Chimica, non di un passante (ce ne sono). E questo potrebbe suggerire al pubblico che il tutto presenti tratti di verosimiglianza.

In generale, nel documentario, c'è una vera e propria carrellata di esperti. Sembra mancare un filo conduttore argomentativo: si va dai medici agli avvocati, passando pure per un antropologo ed una sociologa, ma non c'è un focus unico. "Hold Up" è una sorta di rilettura complessiva del problema pandemico, con più di qualche interpretazione già bocciata dalla scienza ufficiale. I piani di discussione sono vari: dall'origine del nuovo coronavirus alle tattiche di chi avrebbe deciso di calare dall'alto un disegno passante pure dalla pandemia, con qualche accento su presunti pronostici azzeccati. Si sfiora anche il focus del "Grande Reset". Un retroscena cavalcato, tra gli altri, dall'arceviscovo Carlo Maria Viganò. Una sorta di necessario (e non provato) rimescolamento delle carte economico-sociali che qualcuno avrebbe deciso di perseguire. Non basta: Michael Yedon, che ci viene presentato come un ex dirigente della Pfizer (l'azienda del primo vaccino dichiarato efficace al 90%), sembra mettere in dubbio la veridicità di certi test. Saremmo divenuti vittime di un quantum di "falsi positivi".

La regia di Pierre Barnérias si concentra insomma su più di una macro-area. Siamo nel campo del nuovo coronavirus e dei suoi dintorni. L'idrossiclorochina è stata de facto buttata fuori dal novero delle possibile cure dalla rivista Lancet, eppure Didier Raoult in Francia, e per un certo periodo anche Donald Trump negli States, l'hanno pensata in maniera diversa. Nel documentario viene intervistato un collaboratore di Raoult. Di idrossiclorochina, a dire il vero, si dibatte ancora. E "Hold Up", in buona sostanza, tesse la trama attorno a veli di sospetto che interessano tante delle questioni che chi non segue la scienza ufficiale (o chi non crede proprio ai dettami scientifici) pone: per esempio le mascherine servirebbero a poco e anzi avrebbero effetti collaterali; sarebbe soprattutto una paura esogena a guidarci di questi tempi e così via. Sono argomenti che abbiamo vuto modo d'ascoltare pure nel Belpaese. Al netto delle presunte incoerenze della gestione Macron (e di quelle altrettanto presunte dell'Oms), la partita si fa complicata, e forse più interessante per lo spettatore, quando l'opera prende in considerazione un libro.

Il testo è di Alexandre Adler. Il titolo è "Il rapporto della Cia, come sarà il mondo nel 2020". Senza perdersi in troppi arzigogoli, diciamo subito che Adler avrebbe previsto più o meno tutto. Una prova a sostegno della pandemia indotta? E se invece non ci stupissimo che la Cia ipotizzi scenari plausibili? E la storia dell'origine? Come spiega Le Parisien, si gira di nuovo dalle parti del laboratorio di Wuhan, livello di sicurezza P4. L'ombelico della pandemia da cui, per i complottisti, si sarebbe propagato il grande evento del periodo storico a noi contemporaneo. Solo che in questa circostanza torna in auge la tesi del virus da laboratorio cui tanti virologi, alla luce del genoma virale, non credono. Perché un virus da laboratorio - affermano in molti - non è fatto così. Ma tra gli esperti c'è anche chi ha affermato proprio a noi - come Andrea Crisanti - che non è possibile sapere se il virus sia naturale o no: "Questa domanda, dal punto di vista scientifico, non ha senso. Non è possibile né provarlo né escluderlo. Non avremo mai una risposta a questa domanda", ci ha detto il professore a maggio del 2020. C'è chi sospende il giudizio e chi no.

E poi, com'era quasi ovvio che fosse, la mano invisibile di chi avrebbe deciso tutto questo in anticipo per noi: Bill Gates, Jacque Attali, Anthony Fauci... In poche parole, il Deep State, che sarebbe stato spalleggiatto dall'economia-finanziarizzata. Quello che manca, come spesso accade per ricostruzioni così, sono le corroborazioni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

wregrewgwerg

Lun, 16/11/2020 - 10:22

Gates sta facendo il lavoro sporco, ossia è come quell'attaccante che porta via il difensore per far segnare l'altro attaccante.Gates sta distraendo il pubblico dal vero obiettivo.L'obiettivo di quelli che stanno mettendo in atto il complotto all'interno dello stesso occidente,ossia le èlite dei paesi protestanti che non fanno i vaccini ma li producono,è ora di rendere obbligatorio il vaccino anti-covid solo in alcuni paesi,per danneggiare il sistema immunitario delle popolazioni di paesi come Italia, Francia, e paesi dell'Est,in modo da avvantaggiarsi economicamente e politicamente all'interno dello stesso occidente.Vogliono replicare lo schema dei vaccini per i bambini in Europa che sono obbligatori solo in Italia,Francia e nell'est Europa,e non sono obbligatori,ossia non fanno i vaccini,nei paesi di religione protestante,produttori dei vaccini,come Germania,Inghilterra,Svezia ecc.La merkel ha già detto che nessun tedesco sarà obbliagto a vaccinarsi contro il covid.

Una-mattina-mi-...

Lun, 16/11/2020 - 10:24

CITARE CRISANTI COME "ESPERTO" NELLA PARTE FINALE DELL'ARTICOLO, E' STATA LA CILIEGINA CHE MI HA FATTO PROPENDERE PER IL DOCUMENTARIO

Giorgio Colomba

Lun, 16/11/2020 - 10:55

Così assurdamente verosimile da poter essere vero.

cgf

Lun, 16/11/2020 - 10:56

Manca solo che è colpa di Trump, sebbene il traffico aereo abbia segnato meno 80% da Gennaio ad oggi, è colpa delle scie chimiche, del 5G presente in via sperimentale guarda casa a Wuhan, ma ora a pieno regime e tutti fuori, senza mascherina come e più di prima. Dimenticavo, è arrivato il chupacabra anche in Russia, lo hanno portato gli americani oppure anche questo è uno scherzo cinese? Bill Gates? Diciamo che in Africa avremmo molti più morti se non ci fosse la sua fondazione CHE NON È NATA IERI! Con quello che guadagna PROBABILE che qualche senso di colpa lo abbia, sono peggio i caritatevoli da divano, quelli che blablabla criticano e poi non muovono un dito.

Cambiamoatteggi...

Lun, 16/11/2020 - 11:06

Fanno paura i documentari che dicono la verità, ecco subito la corsa a smentire...come si dice 3 indizi fanno una prova. Troppi dei protagonisti del documentario ripetono le stesse cose che dicono i medici che vengono ignorati dai media non c'è libertà di informazione e di confronto, rimane solo una farsa mediatica pilotata...

alox

Lun, 16/11/2020 - 11:13

Intanto si scrive Gombloddo...poi Soros? L'avete dimenticato? Chi credere che mangia meta' del riso mondiale?

Dordolio

Lun, 16/11/2020 - 11:21

Mi pare sia stato Churchill a coniare un aforisma che più o meno recitava così: “Quando una cosa è assolutamente verosimile può essere più che vera”.

Ritratto di FraBru

FraBru

Lun, 16/11/2020 - 11:29

Complottista un accidente! Intervengono fior di specialisti in diverse discipline: medicina, diritto, informazione, non "buriones quodam"!

cir

Lun, 16/11/2020 - 11:39

wregrewgwerg Lun, 16/11/2020 - 10:22 : tipo 30.mila ragazze menomate in India..

Savoiardo

Lun, 16/11/2020 - 11:47

" 1984 " e cosi sia.Fine della Storia.Tutti ( il Popolo ) servi della gleba.

Dordolio

Lun, 16/11/2020 - 11:51

C’è una battaglia delle parole che abbiamo perso (perfino i vocabolari ormai si sono convertiti alla neolingua). E bollando come negazionista chiunque si ponga su posizioni non ufficiali sul Covid viene zittito. Esibendo magari qualche minus habens che blatera “il covidde nun esiste...”. E’ quello che si è saputo organizzare ed architettare attorno a questa singolare pandemia che è mostruoso. Mi pare che lo stesso Crisanti abbia ricordato che il Covid è solo poco più pericoloso in termini generali della famosa Asiatica. Io (ora anziano) allora c’ero! Non si fermò il mondo! La vita continuò e non ci furono i disastri economico-sociali attuali. Non stiamo parlando oggi della terribile Spagnola, ma di una realtà per fortuna ben diversa!

polonio210

Lun, 16/11/2020 - 11:54

.I ritardi cinesi nel comunicare al mondo questo virus?Sicuramente per pararsi il posteriore e non incorrere nell'ira del pianeta.La corsa di tutti gli "esperti" a dichiarare,dall'inizio di Febbraio,che questo virus NON è nato in un laboratorio ma nel mercato di quella amena cittadina cinese ed a classificare,tutti coloro che sommessamente chiedevano se fosse invece uscito dal laboratorio,come gente in malafede e "negazionisti".Strano,non trovate che,ancora prima di sapere di che genere fosse il virus,scienziati e politici di ogni paese,senza nessuna prova,urlassero a squarciagola che derivava dai pipistrelli?Dalle mie parti si dice:la gallina che canta ha fatto l'uovo.Non trovate strano che in Cina,praticamente dopo poco meno di 6/7 mesi,grazie al loro vaccino il virus si stato debellato in così poco tempo?Non avete mai pensato che il vaccino fosse già disponibile da mesi e mesi e che sia stato tirato fuori,dopo un lasso di tempo congruo ad evitare sospetti?

Ritratto di beatoangelico

beatoangelico

Lun, 16/11/2020 - 12:24

Il termine dispregiativo complottisti l'hanno coniato i media controllati dai globalisti una volta che il popolo ha cominciato ad annusare l'inganno. Così hanno ben pensato di creare loro stessi notizie inverosimili nel tentativo di screditare chi si è accorto che il Re è nudo. Continuare ad usarlo pensando di delegittimare coloro che testimoniano la verità - e sono oramai troppi - è tempo sprecato invano.

Ritratto di Spiderman59

Spiderman59

Lun, 16/11/2020 - 12:53

Per l'ennesima volta non posso che essere d'accordo col commento del saggio lettore Dordolio, magari ce ne fossero come lui in numero considerevole.

Calmapiatta

Lun, 16/11/2020 - 14:14

Complotto o non complotto, una cosa è certa la disinformazione è completa totale e voluta. Dati sparati a caso senza alcuna contestualizzazione. Allarmi diffusi su un virus che talvolta è presentato come Ebola e spesso come un super virus maligno. Nessuna informazione su cosa fare, se si è positivi o sul reale andamento dei contagiati. A pensar m,ale si fa peccato ma....

Sempreverde

Lun, 16/11/2020 - 14:58

Qualcosa di vero c’e sempre anche in ogni leggenda. Ma basta guardare chi sono, facile capire le loro intenzioni.

haaland

Lun, 16/11/2020 - 15:20

Documento che contiene delle verità, non a caso Biden rivuole la vecchia meggera Clinton all'ONU quando il 90% del nord del mondo era contento di essersela tolta di mezzo, solo soros e i suoi servi come l'obamiota alox la rivorrebbero. Alla fine speriamo che la verità emerga e Trump sia riconfermato

haaland

Lun, 16/11/2020 - 15:22

Ma come strilla alox! Ma io mi chiedo perché viene a scrivere su questo giornale? Per fare il provocatore da tastiera?

haaland

Lun, 16/11/2020 - 15:32

La politica deve riappropriarsi del suo primato, basta con le democrazia elitaria delle lobby e del capitalismo selvaggio globalista.

Sempreverde

Lun, 16/11/2020 - 15:42

Le nostre vite sono tutte illegali ecco cosa vogliono: pagare tutti gli anni la licenza di esistere. Mi chiedo a che titolo debba parlare di umanità e diritti uno che vende floppy disk.

Ritratto di Spiderman59

Spiderman59

Lun, 16/11/2020 - 15:55

Codesta gent a gli a è da paura, in senso lato, mette angoscia solo vederne apparire l'ombra sui muri.

trasparente

Lun, 16/11/2020 - 16:02

I sinistroidi sono sempre quelli che ci raccontano e convincono che ciò che è buono è cattivo e ciò che è cattivo è buono. Naturalmente per chi ci crede.

d'annunzianof

Lun, 16/11/2020 - 17:05

Rothschild, Bilderberg, Soros, Massoni, Order 322.......

gedeone@libero.it

Lun, 16/11/2020 - 17:35

Polonio 210. d'accordo con lei tranne che per Wuan "cittadina". Una piccola cittadina con 11 milioni di abitanti...

Ritratto di Opera13

Opera13

Lun, 16/11/2020 - 17:47

Dall'agenda Bilderberg 2019 e partecipanti, si deduce il motivo per cui il mondo è bloccato. Non c'è bisogno di ascoltare gli altri.

Ritratto di Opera13

Opera13

Lun, 16/11/2020 - 17:54

Gates, Dorsey, Pichai, Zuchereberg... tutti pilotati. They control squat.