Donald Trump apre all'ipotesi del rinvio del voto

Il presidente della Commissione elettorale federale (Fec), Ellen Weintraub, "non hai il potere di rinviare le elezioni. Nè dovrebbero essere rinviate"

È bufera sul Presidente Usa Donald Trump per la sua proposta di rinviare le elezioni presidenziali del 3 novembre. "Con il voto per posta universale (non la votazione a distanza, il che è positivo), quelle del 2020 sarebbero le elezioni più inaccurate e fraudolente della storia. Sarà un grande imbarazzo per gli Stati Uniti. Rinviare le elezioni fino a quando le persone possano votare in modo corretto, tranquillo e sicuro???", si legge in un tweet che sta animando il dibattito politico Usa. Secondo i repubblicani, infatti, il voto per posta non sarebbe così sicuro e potrebbe portare a diverse anomalie. A sostenerlo anche Fox News, secondo la quale la votazione per corrispondenza in tutto il Paese "ha portato a una serie di risultati anomali" nelle elezioni primarie locali. L'emittente vicina ai conservatori cita inoltre un documento firmato da Mark Dimondstein, presidente dell'American Postal Workers Union, il quale si dice preoccupato per l'impatto che i tagli al budget e al personale avranno sulle votazioni per posta a novembre. In buona sostanza, secondo il Gop, il voto per posta potrebbe nascondere troppe insidie: da qui la proposta del Presidente Usa di rinviare le elezioni di novembre.

Ma Trump non può cambiare il giorno elezioni

Tuttavia, Trump non ha il potere di cambiare la data delle elezioni presidenziali. Glielo ha ricordato oggi il presidente della Commissione elettorale federale (Fec), Ellen Weintraub, come riportato dall'agenzia Nova. "No, signor presidente. No. Non hai il potere di rinviare le elezioni. Nè dovrebbero essere rinviate", ha scritto Weintraub su Twitter. "Gli Stati (confederati) e le città chiedono a te e al Congresso fondi per poter gestire correttamente le elezioni in modo sicuro e tutte le richieste degli americani. Perchè non ci lavori?", ha aggiunto. A causa del Covid-19 si prevede infatti che moltissimi cittadini statunitensi decideranno di usufruire di votare per posta, come hanno già fatto in questi mesi in occasione delle elezioni primarie locali. Esiste inoltre la possibilità che un massiccio ricorso al voto per posta possa condizionare l'affluenza e quindi anche il risultato. Secondo un recente sondaggio pubblicato da Abc News e dal Washington Post, il 49 per cento degli elettori crede che i rischi legati al voto per posta prevalgano sui benefici. Complessivamente, la maggioranza degli intervistati (il 59 per cento) si è detto a favore del voto di persona, mentre oltre un terzo (il 38 per cento) ha accordato la sua preferenza al voto per posta.

I rischi del voto per posta

La Speaker della Camera Usa Nancy Pelosi ha risposto alla proposta di Trump, citando l'articolo 2 della Costituzione Usa che attribuisce al Congresso il potere di determinare il giorno del voto. "L'articolo II, sezione 1 della Costituzione stabilisce: Il Congresso determina il tempo per la scelta degli Elettori e il giorno in cui essi voteranno; il quale deve essere lo stesso in tutti gli Stati Uniti", ha scritto Pelosi su Twitter. Eppure The Donald non ha tutti i torti. Come ammette anche Nbc News, Donald Trump ha ragione: il voto per corrispodenza non è esente da rischi. Il vero pericolo, scrive la Nbc, è una perfetta catastrofe di sovraccarico amministrativo, ritardi postali ed errori degli elettori che potrebbero portare a milioni di voti mancanti. Un ampio studio di Charles Stewart III, direttore di Election Data and Science Lab del Mit, stima che il numero reale di schede inviate per posta e non conteggiate nel 2016 sia stato di molto più alto di 1,4 milioni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

alox

Gio, 30/07/2020 - 18:29

Trump non e' credibile, anche quando' si voto' in persona nel midterm...quando perde gli altri rubano.

alox

Gio, 30/07/2020 - 18:30

Una rogna di presidente...DISGRAZIA US.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Gio, 30/07/2020 - 20:21

Trump ha ragione nel chiedere un rinvio, la democrazia USA è in pericolo. Il voto per posta si presta facilmente ai brogli e teme che i dem - prevedendo la sconfitta - (Biden non regge il confronto lui) vi ricorrano in modo talmente massiccio da alterare il volere degli americani. Un rinvio di qualche tempo (un anno o poco più) consentirebbe di meglio organizzare le procedure tecniche della votazione. Ha calato l'asso e non ha lasciato scampo ai dem, perché è evidente che se non si rinviasse il voto non potrebbe riconoscere un loro eventuale successo e sarebbe il caos. Un incubo per i dem.

Ritratto di Nahum

Nahum

Ven, 31/07/2020 - 10:37

Comunque decide il,congresso e non lui

alox

Ven, 31/07/2020 - 11:08

Nahum: esatto!

alox

Ven, 31/07/2020 - 11:11

@pierSilvio palle! E' Trump che le prova tutte per poter vincere, infatti e' stato impeached...

Ritratto di Opera13

Opera13

Ven, 31/07/2020 - 13:48

Evidenzia l'ennesima truffa dei falsi democratici legata al voto per corrispondenza. Un sistema imposto nei stati dem comodo ai sinistroidi. Nel frattempo, il Bidone si nasconde nel sottosuolo, evita confronti, gode del supporto dei mainstream media corroti e sta per scegliersi un gatta morta come possibile vice. Dimostrazione della loro debolezza e disperazione attaccando brutalmente chi non la pensa come loro.

alox

Sab, 01/08/2020 - 11:06

@opera ma se trump accusava pure la vittoria di Ted Cruz come frode? Ed anche il voto in persona, se Trump perde, e' una frode....l'ha detto nelle elezioni del midterm 2018.