Mondo

Il mistero della foto dell'"Ufo Triangolo Nero"

L'Ufo immortalato nella foto posseduta dal Pentagono sarebbe un "grande triangolo" con "bordi smussati" e "luci sferiche bianche su ogni angolo"

Il mistero della foto dell'"Ufo Triangolo Nero"

Cresce l'aura di mistero intorno all'"Ufo Triangolo Nero" immortalato in una foto segreta posseduta dal Pentagono. A promuovere con forza indiscrezioni su tale istantanea è stato in questi giorni il tabloid britannico The Sun, ridando fiato a ipotesi complottiste in circolo già alla fine del 2020. Finora, il dipartimento della Difesa americano, nonostante le insistenze di appassionati e attivisti ufologi, non ha confermato di essere in possesso della scioccante foto.

Secondo l'organo di stampa d'Oltremanica, l'immagine di quell'Ufo nero dalle dimensioni triangolari, fotografato mentre "emerge dall'Oceano", sarebbe incredibilmente nitida e, se ne fosse confermata l'esistenza, si tratterebbe di uno degli avvistamenti Ufo più avvincenti mai ripresi da una fotocamera. A realizzare l'istantanea misteriosa sarebbe stato un pilota della Marina degli Stati Uniti in ricognizione su un caccia Super Hornet F/A-18F; l'immagine sarebbe stata quindi qualificata dai vertici militari come "strettamente riservata". Tale scatto sarebbe stato mostrato l'anno scorso ai rappresentanti delle altre Forze armate e dell'intelligence Usa nel corso di una riunione della task force governativa statunitense sui fenomeni aerei non identificati. Il file contenente la foto sarebbe stato in seguito diffuso anche su NSANet, l'intranet ufficiale dell'Agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, a cui si ritiene abbiano accesso anche la Gran Bretagna e le altre nazioni (Canada, Australia Nuova Zelanda) dell'alleanza d'intelligence denominata Five Eyes.

A detta delle fonti giornalistiche contattate dal Sun, quell'istantanea risalirebbe al 2019, al momento in cui il pilota-fotografo si sarebbe imbattuto, lungo la costa est degli Stati Uniti, in un mezzo sconosciuto intento a emergere dal mare e a prendere quota; quell'oggetto consisteva in un "grande triangolo" con "bordi smussati" e "luci sferiche bianche su ogni angolo". Il pilota che ha forografato l'Ufo, inoltre, avrebbe immortalato quest'ultimo mentre egli era in ricognizione dopo essere decollato dal ponte di una portaerei della Marina di Washington, forse la USS Dwight D. Eisenhower o la USS John C. Stennis.

Sull'esistenza della foto nitida che mostrerebbe un Ufo nero triangolare emergere dall'Oceano si è espresso favorevolmente Tom Rogan, scrittore di sicurezza nazionale del sito web d'informazione Washington Examiner. Egli ha reagito a quanto rilanciato dal Sun confermando infatti con sicurezza l'esistenza dell'immagine incriminata e affermando: "È la punta dell'iceberg. Ma vedremo più perdite di immagini e dati UAP nei prossimi anni. Il Pentagono dovrebbe anticipare la curva e rilasciare ufficialmente più materiale". Sulla questione è intervenuto anche un ex ufficiale dei servizi segreti americani, Luis Elizondo, che ha capeggiato per anni il Programma governativo di Identificazione delle Minacce allo Spazio aereo Usa. Elizondo, per cui gli ufo sarebbero "un problema di sicurezza nazionale", ha appunto reagito alla recente discussione sull'esistenza di quella foto risalente al 2019 lasciando intendere che quest'ultima sarebbe qualcosa di molto concreto.

Commenti