Vaccino, ecco le carte di Moderna: "Protegge dal Covid per 2 anni"

L'ad di Moderna Bancel: "Sulla buona strada per fornire tra 600 milioni e 1 miliardo di dosi quest'anno". "Per i vaccini l'Ue si è affidata troppo ai laboratori europei"

A 24 ore dall'approvazione del vaccino anti Covid messo a punto da Moderna, arriva la rivelazione che cambia le carte in tavola: l'antidoto della compagnia farmaceutica statunitense garantirebbe una protezione di due anni dal Sars-Cov-2. Ad annunciarclo, riporta Reuters, è l'amministratore delegato di Moderna Stephane Bancel.

Immunità per due anni contro il Covid

Bancel, specificando che non è ancora chiaro per quanto tempo possano durare gli anticorpi generati dal vaccino, ha aggiunto che la protezione potrebbe essere potenzialmente di un paio d’anni. Una notizia confortante, date le difficoltà logistiche e organizzative che comporta una campagna vaccinale su scala planetaria. E il periodo di immunità di due anni ipotizzato da Moderna, oltre a garantire uno scarto di tempo per monitorare le eventuali variazioni del virus e confezionare un nuovo vaccino, consentirebbe di pianificare meglio distribuzione e somministrazione.

Un piano da 1 miliardo di dosi

Proprio sull'aspetto logistico, un altro annuncio dell'amministratore dell'azienda farmaceutica usa farebbe tirare il fiato agli Stati assillatti dalla carenza di vaccini disponibili nella corsa all'immunizzazione di massa. “Moderna - aggiunge l'ad Bancel - è sulla buona strada per fornire tra 600 milioni e 1 miliardo di dosi del suo vaccino Covid-19 quest’anno”. Un sollievo anche per l'Europa che, dopo l'impasse di Sanofi Gsk e lo stop di AstraZeneca da parte dell'Ema, aveva fatto conto sulla fornitura del siero di Moderna per proseguire nella tabella di marcia della campagna vaccinale. Numero di dosi pattuite dalla Commisione europea: 160 milioni.

La partita europea e l'affondo di Moderna contro l'Ue

Le 80 milioni di dosi iniziali del vaccino anti-Covid della compagnia statunitense verranno distribuiti in Europa con 10 milioni di dosi nel primo trimestre del 2021, 35 milioni nel secondo e altre 35 milioni nel terzo. La distribuzione- si legge in un comunicato stampa di Moderna - , lo stesso giorno e su base proporzionale tra tutti gli Stati membri, inizierà la prossima settimana. Nel primo quadrimestre saranno consegnati 10 milioni di dosi, altri 35 milioni nel secondo quadrimestre e i restanti 35 milioni negli ultimi quattro mesi del 2021. "Anche gli 80 milioni di dosi opzionali, che portano il totale prenotato dall'Unione europea a 160 milioni - assicura Moderna - verranno distribuite nel 2021".

Un contratto d'acquisto, però, giudicato, come riporta L'Express, insufficiente dall'ad di Moderna che bacchetta l'Ue sulle preferenze riservate ai candidati delle aziende farmaceutiche con un piede in Europa, criticando pesantemente la politica d'acquisto comunitaria. "Per i vaccini - tuona Bancel - l'Ue si è affidata troppo ai laboratori europei".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

jaguar

Gio, 07/01/2021 - 12:52

E come faranno i vaccinati a sapere se saranno protetti per un paio di anni o un paio di mesi?

sbrigati

Gio, 07/01/2021 - 13:26

Titolo trionfalistico. Poi per ammissione della stessa casa produttrice esce un "potrebbe", che si aggiunge ai tanti altri " forse, non sappiamo, non abbiamo dati sufficienti. ecc."

agosvac

Gio, 07/01/2021 - 15:55

Poi potrebbero spiegare come facciano a sapere che questo vaccino protegge per ben due anni se il Covid si è diffuso da appena un anno. Mi sa che cercano di fregare mezzo mondo!!!

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Gio, 07/01/2021 - 16:21

Sì certo, come no... io me lo faccio solo se protegge contro i comunisti per tutta la vita.

Dordolio

Gio, 07/01/2021 - 17:11

Nemmeno le pubblicità televisive dei detersivi hanno questa enfasi. O siamo a quei livelli ormai? E allora ditelo.