Islamici in piazza al grido di Allah Akbar: "Francesi chiedano scusa sennò son guai"

Tra tesi complottiste e neanche tanto velate minacce, la comunità islamica di Roma è scesa in piazza al grido di "Allah Akbar" per difendere l'onore del Profeta dagli attacchi della satira d'Oltralpe. "L'attentato? È un complotto contro di noi" e ancora: "Se i francesi non riconoscono il loro errore si abatterà su di loro un disastro"

Ventiquattrore dopo la barbara strage nella basilica di Notre-Dame a Nizza, il grido “Allah Akbar” risuona davanti ad un’altra chiesa. Siamo a piazza Vidoni, accanto alla basilica di Sant’Andrea della Valle, nel cuore della Capitale. Decine di fedeli musulmani si sono riuniti per difendere l’onore del Profeta dagli attacchi della satira d’Oltralpe e invocare le dimissioni del presidente francese Emmanuel Macron.

“Scatenare le forze di sicurezza contro le moschee e le associazioni di musulmani in Francia è un’azione radicale che fomenta la cultura del sospetto e dello scontro”, si legge nel comunicato diffuso durante la manifestazione. Una delle tante proteste anti-francesi organizzate in tutto il mondo nel giorno sacro per i musulmani: dal Pakistan, al Libano, dal Bangladesh a Gaza, fino a Roma.

La condanna per l’attentato di Nizza è ferma, come è ferma quella verso gli “estremismi violenti”. “Nulla hanno a che vedere con gli insegnamenti della nostra religione e il nostro credo”, specifica l’Unione delle Comunità e Organizzazioni islamiche in Italia. Ma in piazza non tutti sono pronti a chiedere scusa alla Francia per l’ennesimo attacco di matrice jihadista. “Non senti di doverti scusare a nome della tua comunità?”, chiediamo a un manifestante di origine tunisina. “No assolutamente no, è Macron che deve scusarsi con noi”, è la risposta.

“Siamo qui per chiedere che la smettano di fare quello che fanno e di dire quello che dicono”, dice un ragazzo africano con riferimento alle caricature di Maometto pubblicate dal settimanale francese Charlie Hebdo. Le stesse che sono state mostrate in classe da Samuel Paty. Un gesto che gli è costato la vita. “I francesi sono colpevoli – va avanti il giovane – perché se non fossero colpevoli queste manifestazioni non ci sarebbero e le persone non verrebbero uccise, specialmente in Francia”.

“I francesi devono ammettere il loro errore sennò – mette in guardia lo straniero – ogni disastro si abbatterà su di loro, tutti i musulmani si uniranno per supportare questa causa”. E a proposito di chi ha seminato il terrore a Nizza non ha dubbi: “Non possono prendere Macron e allora uccidono i francesi”.

“Macron si deve dimettere”, incalza un cittadino tunisino. L’attentato? Secondo lui è un “complotto” per fomentare l’odio contro i musulmani. “È tutto organizzato, è solo propaganda anti-islamica, le vere vittima siamo noi”. La stessa tesi che risuona anche dal palco allestito nella piazza. “Avete mai visto uno di questi terroristi, non si sa chi sono, guarda caso vengono tutti uccisi”, polemizza uno degli organizzatori.

In piazza ci sono decine di cartelli contro “l’islamofobia”. “L’offesa alla figura del profeta – scrivono gli organizzatori – è un atto inqualificabile, essa destabilizza l’armonia che con fatica le comunità hanno costruito e raggiunto minandone le fondamenta”. “Alla base di una società democratica – prosegue il comunicato – c’è il rispetto del culto, per questo riteniamo che la reazione dello Stato francese sia stata offensiva e discriminatoria”.

“Ci indicano come terroristi e non come fedeli, come assassini e non cittadini”, aggiungono in relazione alla stretta lanciata in Francia proprio da Macron nei confronti delle comunità islamiche considerate più radicali. “Allah è grande, significa Dio è grande, non è terrorismo”, spiega un anziano cittadino bengalese.

“I musulmani sono perseguitati e uccisi in tutto il mondo”, rivendica un uomo in abiti tradizionali. “Ma in Europa no?”, ribattiamo. “In Europa ci offendono con bestemmie come le caricature del profeta”, è la replica.

Insomma, tra complottismo e affermazioni dal sapore giustificazionista, la rabbia contro la Francia cresce. Ed è di poche ora fa la notizia del tentato omicidio ai danni di un prete di Lione, per ora gli inquirenti non privilegiano nè escludono nessuna pista.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

routier

Dom, 01/11/2020 - 10:13

Terzo principio della Dinamica: "Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale ma di segno opposto". Altra acqua al mulino della destra francese. La Le Pen ringrazia di cuore!

Ritratto di MARKOSS

MARKOSS

Dom, 01/11/2020 - 10:23

Perché' nelle città Algerine e Tunisine e' possibile costruire una chiesa da qualche parte ? In questi posti e' possibile sfilare per strada manifestando ed esibendo i simboli cristiani ? Per loro siamo degli infedeli e ci stanno invadendo , stanno occupando le nostre case il nostro territorio, e la piantino con la storia delle colonie, anche Roma e il suo impero occupo mezzo mondo e non per questo stanno qui tutti a rompere le scatole e pretendere chissà cosa.

fabioerre64

Dom, 01/11/2020 - 11:17

In un paese normale dovrebbero essere arrestati

Korgek

Dom, 01/11/2020 - 11:17

Via dall'Italia, via dall'Europa

nino49

Dom, 01/11/2020 - 11:33

Ognuno stia a casa propria!! Bisognerebbe ributtare fuori dall'Europa tutti i facinorosi e gli integralisti. Purtroppo ormai è troppo tardi ed assisteremo ad un lento e inesorabile declino della civiltà europea. L'Islam è una religione di guerra e non non cerca l'integrazione ma vuole integrare tutti sotto il proprio dominio.

Robdx

Dom, 01/11/2020 - 11:34

Macron togli RSA e les allocations familiales vedrai come questi buoni a nulla torneranno nelle loro terre

ANTONIO1956

Dom, 01/11/2020 - 11:37

E' incredibile che nel 2020 ci sia ancora gente che crede nell'Islam, cultura di carattere medievale !! Se i musulmani ce l'hanno con Macron perché allora attentano alle Chiese cristiane ? Il dovere dei musulmani, scritto chiaro e netto nel Corano, è sopraffare tutti gli infedeli e soprattutto i cristiani. E' quello che hanno fatto per secoli con la forza e la violenza. Non c'è posto nel mondo occidentale per l'Islam, che restino a caso loro, contro l'Islam ci dovrebbero essere sanzioni con contro paesi civili come la Russia.

QuasarX

Dom, 01/11/2020 - 11:45

tutta questa gente va identificata e rispedita al loro paese non ne sentiremo certo la mancanza

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Dom, 01/11/2020 - 12:54

Penso che l'Europa ,non solo la Francia ,debba imporre un protocollo di comportamento: in Europa esiste una libertà di satira (fin dai tempi di Aristofane 400 anni prima di Cristo),le donne hanno gli stessi identici diritti degli uomini, l'omosessualità vale la eterosessualità,la laicità è alla base della società,la libertà e tolleranza verso tutte le religioni è fatto sereno e normale ,il Potere Civile è ben distinto dal Potere religioso. Chi non ama o non si sente di accettare queste regole deve essere espulso dalla mattina alla sera perché non adatto a vivere in Europa , senza rancore ma con fermezza assoluta. Penso sia ora di finirla con un ipocrita buonismo ,per cui tutto è lecito, che porterebbe all'annientamento della nostra cultura basata su 2500 anni di storia.

Ritratto di Valance

Valance

Dom, 01/11/2020 - 13:23

Incredibile quanto siamo fessi.

Gianmario

Dom, 01/11/2020 - 13:28

Mi meraviglio che questa gentaglia possa, in Italia, manifestare e non si vergogni delle giustificazioni che adduce per quanto accaduto. Non siamo in Bangladesh neppure in un altro paese arabo del terzo mondo!!! Concordo che andrebbero rispediti immediatamente tutti da dove sono arrivati: da noi non dovrebbe essere permesso manifestare contro la Francia.

Scirocco

Dom, 01/11/2020 - 14:09

Non capisco questi musulmani cosa vogliono e cosa pretendono ancora. Sono, purtroppo per noi, ospitati sui territori europei e cristiani e se non amano il nostro modo di vivere, la nostra religione e la nostra libertà possono liberamente tornare ai loro paesi di origine e noi, tutti, ne saremo ben lieti. Inoltre non è nemmeno una buona idea da parte loro minacciare la Francia e l'Europa senza prima aver studiato un po' di storia: ci hanno provato tante volte a dominare l'Occidente ed alla fine le hanno sempre buscate quindi zitti e a cuccia.

Abit

Dom, 01/11/2020 - 14:14

Gli scalmanati che chiedono vendetta devono essere espulsi o in galera!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 01/11/2020 - 15:46

Succederà anche in Italia al momento opportuno,cari kompagni,voi credete di importare voti,ma quando sarano in numero adeguato butteranno le vostre falci e martelli. E pure il papa non creda nella riconoscenza.

venco

Dom, 01/11/2020 - 15:54

Sono entrati tutti clandestini, non hanno diritto di protestare per nessuna cosa, vanno rimandati a casa loro

d'annunzianof

Dom, 01/11/2020 - 17:05

Molto piu` pericolosi per donne e democrazia quelli di casapound, vero sindaca?

cabass

Dom, 01/11/2020 - 17:45

Cari musulmani, il vostro Allah non è incavolato nero per le vignette dei francesi, ma perché i bar chiudono alle 18...

ItaliaSvegliati

Lun, 02/11/2020 - 13:53

Portateli tutti in Toscana Emilia Campania Lazio e Puglia, belle regioni ricche e molto accoglienti, li vogliono tutti!!!

RolfSteiner

Lun, 02/11/2020 - 14:29

Ridateci Papa Urbano II.