Se l’accisa fosse a litro venduto calerebbe il prezzo della benzina

Come noto, l’accisa è un’imposta indiretta sul consumo, della quale i produttori ed i commercianti si rivalgono includendone l’ammontare nel prezzo di vendita del prodotto colpito.
Se, come accade ora, l’accisa sui carburanti è calcolata sul costo all’origine del prodotto, le variazioni in aumento di questo si ripercuotono inevitabilmente anche sull’ammontare del tributo, aggravando ulteriormente il prezzo di vendita.
Nell’intento di collaborare ai tentativi delle Autorità per cercare di contenere nei limiti del possibile il sempre più elevato prezzo dei carburanti, può essere utile il suggerimento di applicare l’accisa non più sul costo ma, in misura fissa, per ogni unità (litro) di prodotto venduto, di modo che le variazioni del costo all’origine non abbiano più alcuna influenza sull’ammontare dell’imposta e quindi, di riflesso, sul prezzo di vendita. Se attuato il suggerimento giungerebbe assai gradito in particolare ai consumatori di un prodotto che svolge un ruolo basilare nella nostra vita quotidiana.

Commenti