Sport

La dieta equilibrata di Djokovic: i segreti del numero uno del tennis mondiale

Tanta verdura, frutta e legumi, niente glutine e latticini: è questa l'alimentazione osservata da Novak Djokovic, attuale numero uno al mondo e fresco vincitore degli Australian Open

La dieta equilibrata di Djokovic: i segreti del numero uno del tennis mondiale

Novak Djokovic è l'attale numero uno al mondo e uno dei tennisti più forti della storia di questo meraviglioso sport. Il serbo ha appena trionfato agli Australian Open, mettendo il suo ottavo sigillo in altrettante finali disputate a Melbourne, battendo in finale l'ostico tennista austriaco Dominic Thiem. Nole è ora a quota 17 titoli del Grande Slam, a meno due da Rafael Nadal e a meno tre da Roger Federer che per ora detiene il record assoluto di Slam ma che vede avvicinarsi sempre di più e in maniera minacciosa i suoi due giovani avversari che avranno molte più chance, sulla carta, per vincere degli altri tornei del Grande Slam.

Djokovic, ieri sera, è stato ospite di Amadeus al Festival di Sanremo dove ha duettato in maniera simpatica con Fiorello, sia nel canto con "Terra promessa" di Eros Ramazzotti che nel tennis dove i due si sono esibiti in una gara di palleggi con tanto di racchette e palline da tennis. Il serbo e lo showman siciliano hanno anche fatto gli auguri a Flavia Pennetta e Fabio Fognini diventati genitori per la seconda volta da circa un mese.

I segreti di Nole

Djokovic è il numero uno del mondo non per caso dato che oltre a qualità fisiche e tecniche non indifferenti unisce una dieta sempre equilibrata soprattutto da quando nel 2010 ha scoperto di essere intollerante al glutine. GQ Australia, infatti, ha snocciolato l'alimentazione seguita dal 32enne tennista serbo ed ha abbandonato pane e tutti i farinacei.

La sua alimentazione è equilibrata e prevede molti vegetali, carne bianca, pesce, legumi, noci, semi e olio: tutto possibilmente biologico e non trattato. Da quando si alimenta in questa maniera ha dichiarato di sentirsi meno stanco a livello fisico e mentale e anche più in forma.

Le 3 giornate tipo

Giorno 1: la prima colazione prevede un bicchiera d'acqua e due cucchiai di mieli, uniti a del muesli a base di avena, uvetta, mirtilli, semi di zucca o girasole con delle mandorle. Lo snack di metà mattina prevede del pane o cracker senza glutine con avocado e tonno. Il momento del pranzo è sacro con un'insalata accompagnata da pasta senza glutine e delle verdure. Lo snack pomeridiano prevede un frutto, una mela, con del burro d'arachidi e un melone. A cena, minestrone, insalata e filetto di salmone con pomodori saltati come contorno.

Giorno 2: Come nella prima colazione un bicchiere d'acqua digiuno e del miele sono sempre graditi, poi è prevista una banana e del burro d'arachidi e altra frutta. Toast senza glutine con burro di mandorle e miele a metà giornata, mentre a pranzo insalata leggera con dei noodle di salsa di soai e verdure. Lo snack pomeridiano prevede frutta e barrette di noci e frutta. A cena la consueta insalata, tonno, fagioli e zuppa di pomodoro.

Giorno 3: La colazione prevede sempre frutta, acqua e miele mentre lo snack può consistere in un hummus fatto in casa con della mela o delle crudité. A pranzo come di consueto si parte con dell'insalata e poi una pasta senza glutine, magari condita con del pesto.

Come spuntino di metà pomeriggio avocado e cracker senza gluine e della frutta in integrazione. Si chiude con la cena con un’altra insalata e dell'avocado, unita ad una zuppa di carote e zenzero e a del pollo arrosto al limone.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Commenti