''Ora non rompere i c...''. Super-lite Fognini-Caruso

Scintille tra Fognini e Caruso, al termine del match del 2° turno degli Australian Open vinto dal ligure al tie-break del quinto set

Scintille a Melbourne dopo la sfida del secondo turno di Australian Open tra Fabio Fognini e Salvatore Caruso: al termine della gara vinta al tiebreak al quinto set dal tennista ligure, i due italiani sono stati protagonisti di una lite a bordo rete che è andata avanti per qualche minuto.

Una partita infinita, giocata sempre sul filo dell'equilibrio come sempre accade nei derby, e che evidentemente ha alimentato parecchie tensioni tra i due italiani. Il match terminato con il punteggio di 4-6, 6-2, 2-6, 6-3, 7-6 è stato avvincente e altalenante, con Caruso sempre in spinta e Fognini vigile a non abbassare la guardia più di tanto. Alla fine la spunta Fognini al tie break del quinto con il punteggio di 14-12 dopo aver sciupato ben tre match point. Ma al termine dell'incontro i due hanno infatti discusso animatamente in dirette televisiva rendendosi protagonisti di un acceso battibecco al momento dei saluti.

La ricostruzione

Durante l'incontro Fognini evidentemente ha accusato Caruso di aver “avuto culo”, un'affermazione che non è stata presa benissimo dal suo avversario. “Da te non me lo aspettavo, non ho detto una parola per tutta la partita“. A quel punto, prima che i due venissero separati, Fognini ha aggiunto: “Ne hai tirate quattro uguali di culo e non mi hai chiesto scusa. Non posso dirti che hai culo? Qual è il problema?". "Ma tu puoi fare quello che vuoi", replica ancora Caruso. "E allora perché mi rompi il ca**o ora? Te c'hai culo, poi se sbaglio, sbaglio. E allora? Ma non mi attaccare però". Il tennista di Avola perù non ci sta: "Ma non si fa così, ti sto dicendo che non si fa così, perché non ti ho detto una parola in tutta la partita. Facciamo così, facciamo che da te non me l'aspetto". Il ligure non ha mollato: "Ti ho solo detto che hai culo eh. Non ti piace? Che ti devo dire?“. Quando poi Caruso ha preso la strada degli spogliatoi, infine, Fognini ha concluso: "Non deve rompere i cog**oni".

Un brutto finale che rovina una bellissima partita. Semaforo verde dunque per il 33enne ligure che approda al terzo turno e affronterà l'australiano De Minaur, numero 21 del seeding. Passa anche Matteo Berrettini che batte in quattro set il ceco Machac e aspetta ora il russo Khachanov. Occasione persa invece per Sonego, battuto dall'eterno Feliciano Lopez, dopo essere stato avanti di due set. Stanotte torna in campo Sara Errani, che dopo aver sconfitto a sorpresa Venus Williams si troverà di fronte la tennista di Taipei Hsieh.

Segui già la nuova pagina Sport de IlGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio Mandozzi

Gio, 11/02/2021 - 16:47

Forse Fognini stava presentando il suo biglietto da visita ed elencava tutti i titoli. Forse perfino troppi!

ruggerobarretti

Gio, 11/02/2021 - 18:10

Che bello rivedere il pubblico, come peraltro gia' accaduto in Austria e Germania ad inizio autunno ed in quel caso anche privi dell'inutile straccio al volto. Fatto specifico: normale alterco tra due caratteri evidentemente simili. Non ne farei chissa' quale caso.

ingenuo39

Gio, 11/02/2021 - 18:16

Credo che nello sport chi vince è autorizzato a sfottere goliardicamente chi perde con la condizione ( visto che si è stanchi e quando si è stanchi ci si arrabbia piu facilmente) che si debba smettere di parlare cinque minuti prima dell' incontro e si ricominci a parlare 10 minuti dopo la fine della partita. E vissero tutti felici e contenti.

DAZG

Gio, 11/02/2021 - 19:14

incredibile...andare a litigare davanti al mondo. Due cafoni ialioti

Santorredisantarosa

Gio, 11/02/2021 - 20:00

ITALIANI SEMPRE E OVUNQUE W L'ITALIA E W GLI ITALIANI SEMPRE NOI SIAMO.