Cronache
Il sindaco di Avellino dirige i cori al centro della movida
Cronache
Sindaco di Avellino al centro della movida, il consigliere: “Il video si commenta da solo”
Lanciato in orbita il razzo della Space X
Cronache
Italiani alla fame, in fila per un pacco di pasta
Protesta Gilet Arancioni a Milano, in centinaia assembrati in piazza Duomo e senza mascherine
Coronavirus, Gilet Arancioni in piazza a Milano: “Situazione creata per controllare la gente”

La campagna di Amnesty: ​"Mai più spose bambine"

Per denunciare con forza il fenomeno delle spose bambine nel mondo, il 27 ottobre, in piazza di Santa Maria in Trastevere a Roma, è stato organizzato da Amnesty International Italia il finto matrimonio forzato tra Giorgia, 10 anni e Paolo, 47. La campagna "Mai più spose bambine", attiva fino al 13 novembre, è diretta a bandire la pratica delle nozze forzate nel mondo, prevenire e proteggere le bambine e le ragazze sopravvissute alle violenza, e garantire maggiore accesso ai servizi sanitari e alle scelte rispetto al proprio corpo ( 45523 è il numero solidale da chiamare o a cui mandare un sms per donare 2 euro).

Quello delle spose bambine è un drammatico fenomeno in crescita. Sono 37mila le spose bambine costrette a nozze forzate ogni giorno. Attualmente in tutto il mondo ce ne sono 720 milioni. Più di una su tre (circa 250 milioni) aveva meno di 15 anni il giorno del fatidico "si". Se non si interverrà con politiche più efficaci, il numero delle spose bambine continuerà ad aumentare nei prossimi anni fino ad arrivare a 950 milioni entro il 2030 e a un miliardo e 200 milioni nel 2050.

Calendario eventi