A 10 anni in posa come escort. E le foto hot finiscono online

Da una chat privata al calderone della Rete: le immagini di bambine di 10 anni in pose hot. Indaga la postale di Rimini

Un nuovo caso. Questa volta a Rimini. Dopo la chat privata delle liceali di Modena in cui le ragazze si inviavano foto hard e intime, poi finite inspiegabilmente sul web, ora sulla costa adriatica si ripete lo stesso. Solo che coinvolge bambine di 10 o 11 anni, tutte riprese in pose hot: ammiccanti, nude e "in qualche caso vanno anche oltre" in "posa come le escort".

Inutile dire che i genitori delle bambine, appena scoperto quanto successo, si sono catapultate dalla polizia postale per denunciare il fatto. Il contenuto di una chat segreta di WhatsApp è finita nel grande calderone del web. E si è diffusa in tutto il mondo. Secondo quanto scrive Il Giorno, sul caso sta indagando la "polizia postale di Rimini, dopo le numerose segnalazioni arrivate nelle ultime settimane da parte di madri disperate".

Solo un mese fa lo stesso era successo a Modena. I pedofili si erano anche mobilitati sul web per andare alla caccia delle foto di quelle ragazzine minorenni. Una caccia svelata dal Giornale, che ha monitorato i siti battuti da perversi utenti della Rete.

Quello delle foto sexy condivise in una stretta cerchia per poi finire online sta diventando un problema serio. Ignare ragazze scoprono che i loro scatti privati sono alla mercé di chiunque ed è quasi impossibile risalire a chi le abbia messe in circolazione. Sel web è nato anche un sito della gogna porno, dove migliaia di foto e video hard rubate vengono condivise gratuitamente e all'insaputa delle protagoniste con l'obiettivo di insultare le ragazze, spesso minorenni. E non c'è neppure bisogno di ricordare "la Bibbia" delle minori nude, l'enorme archivio pedo-pornografico con oltre 4,04 Gb per 10.380 file divisi in 507 cartelle. Tutte immagini hard. Tutte rubate, all'insaputa delle protagoniste.

Commenti
Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 07/12/2017 - 13:00

"Una caccia svelata dal Giornale". UUUhhh!!! Ma smettetela di fare gli ipocriti... casomai avete fatto pubblicità ai pedofili e ai loro siti internet. Altre testate hanno avuto il buon senso di non divulgare fonti e parole chiave proprio per evitare la "caccia" alle immagini proibite... voi, per qualche clik in più, non vi siete fatti scrupoli.

MelalavoDomenica

Gio, 07/12/2017 - 13:25

Impara un mestiere e avrai successo : la Lògia

Ritratto di mario_caio

mario_caio

Gio, 07/12/2017 - 14:08

Potenza della tecnologia, e dell'assenza totale di una morale che non sia quella del mero profitto. I valori del mondo occidentale si riducono poi quasi sempre a questo...allo sterco del diavolo. Più che un faro di cività siamo una massa di pecore che brancola nel buio, con la folle pretesa di insegnare ad altri la strada verso l'evoluzione.

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 07/12/2017 - 14:10

Mahhhh, le "mammine" adesso "disperate" cosa ...azz facevano prima e durante i "selfie" delle loro figliole????

giosafat

Gio, 07/12/2017 - 14:46

@bandog...già, dov'erano? Ormai il genitore lo si fa solo nei ritagli di tempo rubati a facciadalibro, uotsapp, alla palestra, alla spa e 'monate' varie. E questo fa il paio con la richiesta, accolta, di quei genitori che vogliono il segnalatore in macchina che li avvisi se si dimenticano del figliolo. Roba da matti...

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 07/12/2017 - 15:18

Quello che mi fa più inc..avolare è che la responsabilità è sempre degli altri..non è più di moda farsi un esame di coscienza (non dico quotidiano ma "una tantum") per vedere se il nostro comportamento può prevenire danni a noi ed agli altri,oltre ad avere "accortezze" con i propri familiari

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 07/12/2017 - 16:34

Quando mancano gli insegnamenti dei doveri della vita, questi sono i risultati.

Ritratto di pigielle

pigielle

Gio, 07/12/2017 - 16:49

@Dreamer_66...ho letto e riletto l'aricolo ma non ho trovato traccia delle "tristi" indicazioni che addossi a ILGIORNALE. Vuoi vedere che tu sei più informato di noi comuni mortali..??

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Gio, 07/12/2017 - 16:53

"Ignare ragazze" ? Ma ragazzine di 11 anni che spediscono foto della loro patatina cosa sono ? "Ignare ragazze" ? Per me sono idiote pre-escort (future prostitute in italiano). Complimenti alle mamme che le hanno allevate così.

HaroldTheBarrel

Gio, 07/12/2017 - 17:04

@Dreamer_66: sottoscrivo in toto le sue considerazioni. In questo e negli altri articoli ci mancava solo che venissero linkati direttamente i siti.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 07/12/2017 - 18:33

(2) pigielle: ma ci sei o ci fai? Le informazioni che ho io sono le stesse che puoi avere tu aprendo, con il giusto spirito critico, il link di collegamento all'articolo su "la Bibbia delle minori nude" dove si parla in maniera dettagliata ("Oltre 4,04 Gb per 10.380 file divisi in 507 cartelle") delle fonti con tanto di immagini pixelate e di inviti ad addentrarsi nel merito (guarda qui)!!! "IlGiornale.it lo ha scovato sul gruppo Facebook “#acazzoduro” che conta più di 100mila iscritti". E se lo ha fatto Il Giornale vuoi che non ci provino una massa di pedofili o ragazzini con gli ormoni a 1000 nella migliore delle ipotesi??? Sono articoli scritti apposta per stuzzicare la (malsana) curiosità del lettore; se non te ne sei accorto è perchè non sai leggere oltre le righe.

flarich

Gio, 07/12/2017 - 20:06

Genitori che denunciano cosa? La loro stupidità, la loro assenza, il loro dare a tutti i costi un mezzo assolutamente non idoneo alla loro età??? Genitori siete Voi gli "idioti" di turno, che sapendo benissimo le pericolose potenzialità del mezzo ne date l'uso, lo smartphone dovrebbe essere VIETATO per legge ai minori dei 16 anni. Quindi riscopritevi GENITORI e non solo prestatori di nomi e cognomi.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 07/12/2017 - 20:51

credevo fosse tedesca..

luca123

Ven, 08/12/2017 - 01:00

Ma come si fa ad eccitarsi con una foto di una bambina di 10 anni?Bisogna essere veramente dei perverti.Speriamo solamente che non inizino a 'contattare' qualche pedofilo . Allora la cosa diventa veramente pericolosa.Non bisognerebbe dare in mano a bambini gli smartphone,bisognerebbe mettere dei filtri o registrare tutti i siti che visitano.Internet solo in presenza dei genitori.

Albius50

Ven, 08/12/2017 - 08:43

Il problema è facilmente risolvibile ogni adolescente x obbligo di legge deve avere un semplice cellulare solo VOCE, ( x essere contattato facilmente dalla propria famiglia) e a casa obbligo di ACCOUNT x minori, in questa maniera TUTTI GLI ADOLESCENTI SARANNO TUTTI UGUALI.