Abbonamento del treno più caro per colpa di un algoritmo errato

Il treno costa di più per colpa di una formula matematica. L'algoritmo che calcola i prezzi degli abbonamenti sovraregionali è sbagliato da 10 anni. Il risultato? Prezzi più alti dal 15 al 33%

Da ben dieci anni una formula matematica ha beffato i pendolari italiani, facendo sì che un viaggitore pagasse, ad esempio, un abbonamento mensile di seconda classe fra Torino e Milano 33 euro più del giusto. Gli euro diventano 36 per chi si muove da Ancona e Pescara e ancora va ancora peggio a chi è pendolare ulla Milano-Genova (38 euro in più del dovuto).

L'algoritmo sbagliato

La formula matematica in questione è quella che avrebbe dovuto calcolare la tariffazione esatta dei biglietti. Ma da dieci anni è sbagliata. Per le associazioni che tutelano i pendolari non è una novità: da tempo sottolineano come le le tariffe "sovraregionali" , ovvero quelle che coinvolgono territori diversi, con autonomi prezzi dei titoli di viaggio, fossero basate su un algoritmo errato. Ora però il coltello è passato nelle loro mani: sono pronti a rivolgersi alla autorità giudiziaria per il risarcimento di quanto indebitamente pagato.

Accordo tra Assoutenti e Trenitalia

L'incontro di giovedì a Roma tra Assoutenti e Trenitalia ha portato a un risultato più che soddisfacente: l'amministratore delegato Barbara Morgante e il direttore del trasporto regionale Orazio Iacono hanno riconosciuto la necessità di ottimizzare il modello di calcolo delle tariffe. Nel comunicato tra le parti si legge: "L'azienda condivide il disagio e le recriminazioni dei comitati pendolari che lamentavano il fatto che con l'algoritmo applicato gli abbonamenti sovraregionali arrivano a costare fino al 33% in più di quanto dovrebbero essere tariffati".

Trenitalia ha subito dichiarato: "Abbiamo già posto la questione all'attenzione della Commissione Trasporti della Conferenza delle Regioni - conferma una fonte ufficiale della società - Ci si attende che si riunisca a breve e affronti definitivamente il caso con l'obiettivo di individuare una nuova formulazione del calcolo, che venga incontro alle istanze portate avanti da Assoutenti ma nel contempo preservi l'equilibrio economico dei Contratti di servizio".

La minaccia delle associazioni dei pendolari

I viaggiatori, come è giusto che sia, devono pagare di meno, ma la riduzione dell'introito da tariffazione che Trenitalia subirebbe dovrà essere coperto dall'altro soggetto in ballo, come riporta da La Repubblica. E chi è l'altro soggetto? La Conferenza delle Regioni. Questa, presieduta dal governatore del Piemonte, Sergio Chiamparino, di cui è vice il collega ligure Giovanni Toti, non ha ancora affrontato il problema, di cui tra l'altro era a conoscenza da tempo. Il portavoce dei comitati pendolari di Assoutenti, Enrico Pallavicini afferma: "Ci aspettiamo, da aprile, il riallineamento tariffario. In caso contrario segnaleremo tutto all'Autorità di regolazione dei trasporti e alle Procure per l'eventuale individuazione di reati e nel contempo manderemo decine di migliaia di viaggiatori dai giudici di pace con in mano gli abbonamenti pagati dal 2007 a oggi a un prezzo superiore al dovuto. Le Regioni rischierebbero un esborso nei confronti dei viaggiatori molto più elevato rispetto a quanto Trenitalia vuole le sia garantito".

Una minaccia non da poco. Basti pensare che il rimborso che potrebbe chiedere la class action riguarda oltre 70mila abbonati dal 2007 a oggi. L'algoritmo infatti introdotto dieci anni fa non si fondava sul concetto del più è lungo il tuo percorso e meno paghi. Parlando in percentuale: l'importo degli abbonamenti pagato dai pendolari è più alto dal 13 al 20%. Come specifica La Repubblica: "Il gap fra la corretta tariffazione e quella oggi applicata va dal 15 al 33%".

Un'errore riconosciuto da Trenitalia, che ha abbracciato le posizioni delle associazioni dei pendolari. Come si legge nel comunicato: "Per ottenere un riallineamento tariffario rispetto ai maggiori oneri fatti pagare agli abbonati sovraregionali in questi ultimi anni, così da garantire equità e giusto trattamento ai pendolari che quotidianamente usufruiscono del servizio"

Commenti
Ritratto di gian td5

gian td5

Lun, 06/02/2017 - 12:16

Eh, sì, la colpa è dell'algoritmo, entità non perseguibile per legge, invece il funzionario imbucato ed incapace che ne ha autorizzato l'utilizzo e che ha truffato i pendolari per dieci anni avrà pure fatto carriera.

Ernestinho

Lun, 06/02/2017 - 12:26

Mai che sbagliassero a favore dei contribuenti! Non è che l'abbiano fatto apposta?

VittorioMar

Lun, 06/02/2017 - 12:33

....vorrei conoscere chi si diverte a complicare i termini matematici:ALGORITMO....INSIEMISTICA ...già si capisce poco se poi ,per essere più intelligenti,creiamo difficoltà ..!!

Massimo Bocci

Lun, 06/02/2017 - 14:55

Il solito....."algoritmo", dei LADRI PD!!! Quello costituzionale.

Ritratto di Petri

Petri

Lun, 06/02/2017 - 15:35

Chiedo......algoritmo sbagliato o...... volutamente sbagliato ?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 06/02/2017 - 15:38

Avevano tentato. Gli è andata male.

Martinico

Lun, 06/02/2017 - 15:57

Mai un algoritmo a favore degli utenti. Vuoi vedere che la cosa è truffaldina?

Ritratto di malatesta

malatesta

Lun, 06/02/2017 - 18:14

Pero' questi algoritmi non sbagliano mai per difetto, ma solo per eccesso..che strano..

Ernestinho

Lun, 06/02/2017 - 18:37

Come a dire che quando esce un errore dal Computer la colpa è dello stesso e non di colui che ha immesso i dati sbagliati!

Lapecheronza

Lun, 06/02/2017 - 18:58

Passeggero: a me sembra una follia un prezzo così elevato. Ferrovie: a me il terminale dice questo. Passeggero: ma provi a fare il calcolo con carta e penna e vedrà che si sbaglia! Ferrovie: il mio sistema dice questo, Lo vuole o no l'abbonamento ? [Ma guarda te...abbiamo investito centinaia di milioni per l'infrastruttura dei computer e arriva sto cxxxxxo e mi dice di usare carta e penna]. Passeggero invia reclamo alle ferrovie tramite web Risposta ferrovie: Egregio sig. xxx, riscontro la sua gentile del ...bla,bla..bla,bla...la normativa di legge...da dieci anni usiamo i più sofisticati algoritmi...tutte le offerte prevedono.. e lei non vorrà competere con carta e penna.

areolensis

Lun, 06/02/2017 - 20:17

Questa volta si va in alto, ragazzi. Da una ventina d'anni a questa parte per politici e burocrati è sempre colpa del computer. Ma ora no, ora si fa sul serio, e si va in alto, molto in alto: è colpa direttamente della matematica! Provate a processare la matematica!

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 07/02/2017 - 06:50

Algoritmo??? Potete portare qualsiasi matematico a confrontare, che se sono in possesso di due mele, ed hò tre bambini a cui darle, """O UNO RIMANE SENZA, OPPURE DELLE DUE MELE, NE TOGLIAMO UN PEZZO E LI DIAMO AL TERZO!!! NON CI VOGLIONO COMPUTER PER SOMMARE O DIVIDERE QUESTO PROBLEMA"""!!! Politici e burocrati, non devono prendersi scuse dei loro malfatti, ci sono solamente due soluzioni, la prima è quella: DI RITORNARE SUI BANCHI DI SCUOLA, CON UN BEL CARTELLO CON LA SCRITTA """ASINO""", MENTRE LA SECONDA: È QUELLA DI DARE LE DIMISSIONI """PER MANCANZA DI INTELLIGENZA""" E DI RITORNARE A ZAPPARE LA TERRA!!!

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mar, 07/02/2017 - 08:56

^°@°^ Semplice, sul suolo patrio italico non si usano gli algoritmi ma gli ALGOMAGNARITMI , più magna che ritmi.