Assenza dal lavoro, per i primi 3 giorni basterà l'autocertificazione

È quanto prevede la proposta del senatore Maurizio Romani per alleggerire il lavoro dei medici di base. D'accordo la Federazione nazionale dei medici

Rivoluzione in vista nel rapporto tra dipendenti con piccoli problemi di salute e medici di base. Una norma proposta in commissione Affari Costituzionali del Senato prevede la possibilità di ricorrere all'autocertificazione in caso di astensione dal lavoro entro e non oltre i tre giorni. Un provvedimento, quello presentato dal senatore del gruppo misto Maurizio Romani, che incontra il favore della Federazione nazionale degli Ordini dei medici e che sembra destinato a sburocratizzare le procedure attualmente vigenti, così come previste dal decreto Brunetta.

Rispetto alle disposizioni risalenti al 2008, il nuovo testo prevede che in presenza di un disturbo ritenuto invalidante ma passeggero, sarà il dipendente a comunicare lo stato di malessere al medico di base attraverso la trasmissione telematica all'Inps e al datore di lavoro.

Letteralmente, come recita l'articolo 2 della proposta di legge a firma Romani, "in tutti i casi di assenza per malattia protratta per un periodo inferiore a tre giorni, il lavoratore comunica con sua esclusiva responsabilità il proprio stato di salute al medico curante, il quale provvede ad inoltrare apposita comunicazione telematica all'Istituto nazionale della previdenza sociale, nonché al datore di lavoro".

Inoltre, saranno ridotte le pene ai medici per risolvere le contraddizioni e le eccezioni di incostituzionalità rilevate nel decreto anti-fannulloni del ministro Brunetta.

Maurizio Scassola, vicepresidente della Federazione degli Ordini dei medici (Fnomceo), ha espresso "vivo apprezzamento per il ddl".

Scassola ha dichiarato che esistono "disturbi, come il mal di testa o lievi gastroenteriti, la cui diagnosi va fatta sulla base di sintomi clinicamente non obiettivabili. In questi casi il medico deve limitarsi - ha proseguito Scassola - all'interno del rapporto di fiducia che lo lega al paziente, a prendere atto di quanto lamentato".

L'idea di introdurre un'autocertificazione avrebbe la funzione di "responsabilizzare il paziente, come già avviene in molti Paesi anglosassoni", ha concluso il vicepresidente della Fnomceo.

Commenti
Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mar, 04/07/2017 - 14:22

Diceva così quello di drive in

mcm3

Mar, 04/07/2017 - 14:40

La proposta di Romani serve solo a facilitare quelli che fino a ieri si facevano timbrare i cartellini dagli amici....un altro fenomeno pagato con le nostre tasse

cianciano

Mar, 04/07/2017 - 14:53

...... e secono voi in questo paese si può fare una cosa del genere ???...ma cosa si crede di essere in europa ????

fj

Mar, 04/07/2017 - 15:27

Le Italie sono due: settore pubblico e privato. Per quello privato la cosa funzionerà. Per quello pubblico farà aumentare le assenze; prevedo in particolare quelle di un giorno in quanto adesso erano un po' frenate perché per stare a casa bisognava andare a perdere tempo dal dottore per il certificato.

unosolo

Mar, 04/07/2017 - 15:49

speriamo con perdita di paga altrimenti,,,,,,,,,, voti a prendere !

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mar, 04/07/2017 - 16:08

Solo una domanda: quanto devo distanziare i "3 giorni autocertificati" dai prossimi? Per esempio, se io tutti i Lun-Mar-Merc. di ogni settimana ho alternativamente mal di testa, gastroenterite, influenza, ascessi, otiti, pressione alta/bassa, emorroidi, sinusiti, congiuntiviti, orzaioli, unghie incarnate, bronchite, faringite, tonsillite, orchite, ecc... posso fami a casa 156 giorni all'anno autocertificati (più ferie, permessi, assemblee sindacali, ecc...)? No perché non vorrei che i miei DIRITTI, le meritate tutele SINDACALI potessero venire lesi. Se 3 giorni me li certifico da solo, non vedo perché dovrebbero avere un limite queste mie oneste, disinteressate autocertificazioni! Non siamo mica un paese di scansafatiche, "mangia a sbafo a tradimento", doppiolavoristi in nero no?..... Questi maledetti andrebbero messi al muro con semplice verdetto "autocertificato" di chi tira la crretta di questo paese sgangherato e svenduto da generazioni!!!!!

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 04/07/2017 - 16:09

Solite norme pro furbetti, in cerca di voti?

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Mar, 04/07/2017 - 16:16

Ahahahahahah!

blackindustry

Mar, 04/07/2017 - 16:22

La differenza e' che nei paesi anglosassoni ad esempio si mette la moneta e si prende un solo giornale quotidiano e si richiude il distributore senza prendere anche i restanti. In Italia il primo ruberebbe anche tutti gli altri, per cultura. La differenza e' netta, in paesi anglosassoni i furbi ci sono e sono la minoranza. In Italia i furbi sono la maggioranza. Ecco perche' da noi tale norma potrebbe naufragare presto...

unosolo

Mar, 04/07/2017 - 17:40

siamo in mano a persone irresponsabili che si sono adagiati come nei condomini lasciando liberi di rovinare le famiglie che rispettano le regole e i regolamenti , la prepotenza è sovrana , la colpa è dei giudici che hanno sorvolato le norme basilare della civile convivenza e il rispetto delle minoranze , ovviamente non in tutti i condomini e quindi esistono persone che rispettano norme e regolamenti ma sono in minoranza ,

moranma

Mar, 04/07/2017 - 20:05

perchè fino ad ora come era? A qualcuno è venuto il medico a casa a verificare se avevi il mal di capo o la gastroenterite o l'influenza? Viene soalmente messo per legge quello che già avveniva nei fatti

manfredog

Mar, 04/07/2017 - 20:43

Previsioni..nel tempo: al nord diffusi mal di testa, concentrati soprattutto sulle aree commerciali ed industriali, al centro gastroenteriti localizzate in aree pianeggianti in progressivo aumento, al sud ripetute malattie giornaliere di forte intensità, concentrate soprattutto in aree..comunali; mari calmi e molto..frequentati. mg.

rokko

Mar, 04/07/2017 - 22:20

Sono d'accordo Se poi uno ne abusa, si può ricorrere al licenziamento

Ritratto di makko55

makko55

Mar, 04/07/2017 - 22:37

@fj, neanche in quello privato mi creda, ho gestito un reparto di produzione, ho aneddoti sulle assenze X malattia sufficienti da scrivere un libro.

Ritratto di makko55

makko55

Mar, 04/07/2017 - 23:11

@ilsaturato, impeccabile.

amicomuffo

Mar, 04/07/2017 - 23:47

unosolo, parole sante le sue! (io sono uno di quelli che subisce nel condominio per lassismo altrui!). Fj..proprio vero ci sarà una differenza tra pubblico e privato....io privato, sono andato a lavorare anche con le ragadi e la cistifellea a pezzi! Morale della favola? Adesso sono a spasso! C'è l'avreste visto un impiegato, nel pubblico andare a lavorare con quello che ho avuto io?

gingerino

Mer, 05/07/2017 - 00:22

Una domanda, se la malattia è autocertificata dal lavoratore, con sua piena responsabilità, quale ruolo svolgerebbe il medico curante? dovrebbe fare da postino telematico al servizio di lavoratori/INPS/datore di lavoro ? e scrivere sotto dettatura - senza verificare la veridicità e la situazione - le motivazioni che hanno determinato la temporanea inabilità lavorativa? in pratica avvalora una soggettività e scommetto che qualche attore del procedimento lo denuncerà alla magistratura. Certo che con siffatti rappresentanti Fnomceo e sindacati medici, mi sento realizzato compiutamente per gli anni e i soldi sprecati per la laurea.

oligio

Mer, 05/07/2017 - 01:29

L'idea di introdurre un'autocertificazione avrebbe la funzione di "responsabilizzare il paziente, come già avviene in molti Paesi anglosassoni", Hahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahaha

oligio

Mer, 05/07/2017 - 01:31

L'idea di introdurre un'autocertificazione avrebbe la funzione di "responsabilizzare il paziente, come già avviene in molti Paesi anglosassoni", hahahahahahahahaha

giovepluvio2

Mer, 05/07/2017 - 06:03

Mi sembra un riconoscimento della situazione reale e un alleggerimento delle incombenze professionali del lunedì e del venerdì per i medici.

steacanessa

Mer, 05/07/2017 - 08:49

Purtroppo gli abitanti dell'Italia non sono anglosassoni.

accanove

Mer, 05/07/2017 - 10:10

così gli statali si fanno il ponte lungo e nessuno può farci nulla....nelle private non esiste, dopo due scherzetti così sei fuori o richiamato.

titina

Mer, 05/07/2017 - 11:40

Questa decisione dovrebbe essere accompagnata dalla visita fiscale obbligatoria dalle 8 alle 20 e magari con visite che si possono ripetere.