Gli islamici smentiscono i buonisti: "Il presepe è il benvenuto"

Dopo le polemiche innescate nei giorni scorsi dalla decisione di alcune insegnanti di rivedere o cancellare la tradizione natalizia, la Lega islamica del Veneto chiarisce: "Vedere un Presepe, cantare il Natale o ascoltare il nome di Gesù e di Maria, a noi non dispiace, anzi"

Ogni Santo Natale da qualche anno a questa parte è una guerra di religione. È uno scontro che infuria soprattutto nei luoghi simbolo dell’integrazione: le scuole. C’è chi si appella alla necessità di conservare la tradizione cristiana e chi invece la vorrebbe cancellare accampando teorie sul rispetto della sensibilità degli alunni di altre confessioni. È successo a Terni dove una dirigente scolastica ha detto “no” alla recita di Natale perché “disturba le diverse culture religiose presenti nell’istituto”. Anche in provincia di Mestre le insegnati hanno provato a censurare dalla canzone “Natale in allegria” il passaggio dedicato a Gesù sempre per non mettere in imbarazzo gli scolari di religione musulmana. La cronaca ne ha parlato, l’opinione pubblica si è scaldata, si è sollevato un gran clamore. Verrebbe da chiedersi: a che pro? È davvero questo il modo per stimolare il dialogo tra le fedi? È questo quello che chiedono le famiglie musulmane?

Sull’inopportunità di simili gesti da parte del corpo docenti e l’infondatezza dei loro ragionamenti sembrano concordare persino alcuni esponenti della comunità islamica. È il caso di Bouchaib Tanji, presidente della Lega Islamica del Veneto, che chiarisce una volta per tutte il punto di vista della sua comunità: “Vedere un Presepe, cantare il Natale o ascoltare il nome di Gesù e di Maria, a noi non dispiace, anzi”. Le famiglie musulmane, a detta di chi le conosce bene, non si sentirebbero affatto oltraggiate “se nella loro scuola si costruisce un Presepe” perché “Gesù Cristo è un grande profeta che ha compiuto miracoli. Gesù Cristo e la Vergine Maria si incontrano in circa cento versetti del Corano”.

E allora piuttosto che pensare ad epurare le scuole dalla simbologia cristiana, il presidente della Lega Islamica del Veneto rilancia: “Ci piacerebbe invece che si creassero occasioni per far conoscere a tutti, bambini e giovanissimi compresi, i fondamenti della nostra fede, i nostri luoghi di preghiera, le nostre tradizioni”. Insomma, puntualizza, “Benvenuto è il Presepe, benvenuta è ogni pratica e tradizione religiosa che rispetta la persona umana e la sua libertà di scelta”. Così come è benvenuta “una discussione seria e intelligente sul modo migliore con cui la scuola pubblica italiana può realizzare la sua funzione di educare ed istruire sulla base di quanto indicato dalla Costituzione”. “Auguri quindi a tutti per le prossime Feste di Natale - conclude - sperando che portino più dialogo e meno (infondate) polemiche”.

Commenti

Aegnor

Mar, 04/12/2018 - 15:59

Gli idioti di sinistra vogliono precorrere i tempi,non aspettano nemmeno che gli vengano poste le richieste, si appecorano prima

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 04/12/2018 - 16:01

Siamo proprio messi male,se in "casa nostra",dopo due Millenni,dobbiamo "essere grati"(bontà loro...)ai musulmani,se conserveremo(almeno per ora,questi segni "cristiani"),con in cambio la "legalizzazione" della LORO religione(alias "cultura"),che a tutto diritto ORA si insedia definitivamente "alla pari"!!Bravo Vaticano!Bravi PD & soci!Bravi 3/4 del M5s,che avete voluto tutto questo!

Aegnor

Mar, 04/12/2018 - 16:02

I sinistrati non dormono la notte per partorire le loro idiozie, è una gara a chi è più progressista e sempre e solamente in un'unica direzione

ulio1974

Mar, 04/12/2018 - 16:06

sì, sì, ...adesso dici così, ma è solo ragionevolezza di facciata, in realtà non lo volete.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 04/12/2018 - 16:10

I soliti sinistri coyotes. Ansiosi di essere più realisti del re.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mar, 04/12/2018 - 16:21

Come volevasi dimostrare: i simboli del cristianesimo fanno venire l’orticaria ai fossili ambulanti, purtroppo numerosi in Italia ed oggi al governo, residuati del marxismo leninismo stalinismo. Sono i nipoti di quelli che non sopportavano la vista dei monaci ortodossi e li facevano annegare nel Don. La sensibilità di altre religioni è solo una scusa.

Nick2

Mar, 04/12/2018 - 16:33

Ma che c’entrano gli islamici. In Italia ci sono circa 18 mila scuole primarie e 23 mila scuole dell’infanzia. Da sempre, anche prima che del flusso migratorio, ci sono dirigenti scolastici che non allestiscono il presepe o l’albero, non organizzano i canti di Natale, non appendono la croce nelle aule, semplicemente perchè siamo uno stato laico. Si tratta comunque di una percentuale irrisoria, da sodio nelle acque minerali. Soltanto con l’avvento del Becero, per mera propaganda, si sono strumentalizzati questi pochi casi, per incolpare i “comunisti, terzomondisti, immigrazionisti” di non voler colpire la sensibilità degli stranieri di altre religioni e di penalizzare gli italiani. Siete semplicemente ridicoli!

matteo lamanna

Mar, 04/12/2018 - 16:33

Matteo Lamanna> Amici e' da tanti anni che vivo a Malta e posso assiccurarvi che qui non esiste il problema del Presepe, delle Recite di Natale, le Messe di Pasqua ecc.ecc. Anzi I Bambini Musulmani e le loro Famiglie partecipano e recitano con entusiasmo alle nostre Festivita' perche' portano gioia e allegria. Con una popolazione di solo 400,000 abitanti MALTA ospita oltre 30,000 Musulmani. Sono I cosiddetti buonisti idioti che non vogliono queste feste per mettersi in mostra inclusi alcuni ,purtroppo, cosiddetti preti! Auguri di Buon Natale a tutti!

venco

Mar, 04/12/2018 - 16:52

E certo, i nostri "buonisti" sono ben peggio degli islamici perche sono anarchici e atei massoni

Ma.at

Mar, 04/12/2018 - 16:55

ATTENZIONE, dietro il Presepe potrebbero mettere una bomba per essere sicuri di andare il Paradiso: i musulmani devono essere tenuti lontani dai luoghi frequentati da persone civili: per Natale si potrebbe organizzare lo sgozzamento di pecore e capre per soddisfare la loro voglia di violenza.

VittorioMar

Mar, 04/12/2018 - 17:01

..BASTEREBBE RIDURRE LE FESTIVITA' al solo NATALE...CAPO D'ANNO...E ...EPIFANIA...e fare SCUOLA tutti gli altri GIORNI !!..ACCONTENTIAMOLI questi INSEGNANTI !!

Ritratto di gattomannaro

gattomannaro

Mar, 04/12/2018 - 17:13

In Islam , taqiya o taqiyya "la prudenza, la paura" è una dissimulazione cautelare di fronte a persecuzione, anche solo presunta. Quindi, le parole dell'esponente Islamico sono da prendere con le molle (belle lunghe, però). Tuttavia, se esistesse nell'Islam una celebrazione ANALOGA, innocua e gradita ai BAMBINI, perché non provare a farla, anche solo per confronto?

manfredog

Mar, 04/12/2018 - 17:21

...come volevasi dimostrare; il presunto rispetto non c'entra nulla, è solo odio di parte ed incondizionato verso la chiesa, la cristianità ed il cattolicesimo, sempre da parte di chi è solo di parte e non sa più nemmeno perché, forse anche perché è completamente partito..si, di testa! mg.

Ritratto di Galahad12

Galahad12

Mar, 04/12/2018 - 18:36

Ma chissenefrega... mica dobbiamo chiedere a loro il permesso ed esser contenti se ce lo concedono

19gig50

Mar, 04/12/2018 - 18:36

Gli islamici per bene non hanno problemi con crocefissi, presepe ed altre immagini della nostra religione. Sono gli italioti, dementi, sinistri che si preoccupano solo per mostrare alle care risorse ed agli islamici meno buoni, quanto siano attenti a non infastidirli, certi che un domani potranno contare sui loro voti. Questi non italiani sono solodeipezzidimerdaemerdesse!

Gianx

Mar, 04/12/2018 - 18:46

Io odio la chiesa, ma odio di più questa gentaglia, x cui il presepe se lo beccano tutta la vita!

lappola

Mar, 04/12/2018 - 18:50

I deficienti del PD ed in genere tutti i PiDidioti si sono creati il problema o meglio quel problema prima che esistesse, e da perfetti idioti non vogliono capire che se è vero questo articolo, hanno creato loro la guerra fredda. Ora però non riusciranno più a fare l'armistizio. Maestrine, presidi, consiglieri comunali, sindaci, preti come quello di ieri, si sono rivelati bombe atomiche.

ziobeppe1951

Mar, 04/12/2018 - 18:51

Nikkione...la metti la stella rossa in cima all’alberello?

Kucio

Mar, 04/12/2018 - 19:21

Sono tradizioni, chiaro quasi da leggenda, ma non hanno ancora capito questi Buonisti per non dire calabraghe che non hanno a che fare con ignorantelli da comperare con promesse fanciullesche ? Al posto degli Islamici mi sentirei preso in giro, quasi come fossi un bambino da fare contento

Trinky

Mar, 04/12/2018 - 19:25

Ditelo a nquei cxxxxxxi che addebitano agli islamici tutto quello che vorrebbero loro, cominciando dal vaticano per finire al partito dei sxxxxxxxxxi.......

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 04/12/2018 - 20:09

Memphis35 16:10...Già,pur di accaparrarsi i VOTI dei musulmani che hanno importato,si sono comportati per anni,da più realisti del Re,dimostrando un'attitudine da "zerbinotti" incredibile!Ora è pazzesco,che NOI si debba avere l'"O.K.",sui nostri "segni cristiani"(lo dico da ateo),dagli stessi musulmani importati,che in questo modo,si METTONO ALLA PARI con noi in fatto di religione,e quant'altro!Non stramaledirò mai abbastanza questa massa di DEMENTI,che ancor oggi in Italia rappresenta il 55-60%!!