Capotreno ferito da machete: ​Stato e aggressori lo beffano

Gli aggressori del capotreno si dicono nullatenenti e le normative dello Stato rischiano di trasformare il risarcimento in un'elemosina

Aggredito a colpi di machete fino a quasi perdere un braccio. E come se non bastasse nessun risarcimento. Né dagli aggressori, né tantomeno dalla Stato.

Ancora nessun risarcimento

Ma andiamo con ordine: il capotreno Carlo Di Napoli e il collega Riccardo Magagnin sono i due dipendenti di Trenord che nel giugno 2015 furono violentemente aggrediti da un gruppo di salvadoregni della gang MS13 alla fermata di Villapizzone. I responsabili dell'attacco sono stati ritenuti colpevoli di tentato omicidio il 22 marzo marzo. Sentenza della Cassazzione. Oltre alla condanna è stata determinata una provvisionale di 50mila euro a favore di Di Napoli e 20mila euro a favore di Magagnin. Cifre che vanno riquantificate in sede civile. Ma poco cambia: tanto i 3 aggressori si dicono nullatenenti.

Di Napoli che ha quasi perso un braccio e qualche giorno fa ha subito un nuovo intervento, dovrà far fronte a una nuova battaglia: quella per ottenere il risarcimento. "Non ha ricevuto nulla - spiega il suo legale, l'avvocato Luca Ponzoni sulle pagine de Il Giorno - ad eccezione della somma erogata dall'Inail per l'infortunio sul lavoro. Siamo intenzionati ad andare avanti per ottenere giustizia, e stiamo valutando la strada da percorrere". La strada per ottenere il "rimborso" potrebbe arrivare fino alla Corte europea dei diritti dell'uomo.

Doppia beffa

La prima mossa spetta ai legali del capotreno, i quali dovranno dimostrare che i condannati sono nullatenenti. La precisazione portebbe così lo Stato a doversi fare carico delle spese. Peccato che qui scatti la seconda beffa: "gli indennizi regolati dalla legge 122 del 2016 per le vittime di reati violenti o per i loro familiari si traducono in una sorta di elemosina di Stato: massimo 8.200 euro per l' omicidio, 4.800 euro per lo stupro, non più di 3.000 euro per gli altri reati", come scrivono su Il Giorno. Inoltre la somma viene elargita "per la rifusione di spese mediche e assistenziali" e solo alla vittime con un reddito annuo non superiore a 11mila euro. Di Napoli rischia di doversi affidare alla Corte europea dei diritti dell'uomo, affrontando a una direttiva "mai attuata pienamente". E il rischio è di essere beffato ancora.

Commenti
Ritratto di frank60

frank60

Ven, 30/03/2018 - 11:14

Rischia che lo stato gli chieda la tasse su 50000 euro....anche se non le riceverà mai...

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 30/03/2018 - 11:51

Gli aggressori del capotreno si dicono nullatenenti ..bhè si potrebbe compensare usandole come cavie in esperimenti scientifici!!

Ritratto di Trasibulo

Trasibulo

Ven, 30/03/2018 - 12:01

Non c'è niente di nuovo: il solito stato carogna e nemico della gente perbene e al contrario arrendevole e tollerante coi delinquenti e la feccia d'ogni risma che importiamo da ogni angolo del pianeta. Ci sarà da attendere ancora molto prima che cambino le cose?

Libertà75

Ven, 30/03/2018 - 12:09

E' già tanto che non intitolino aule o piazze al clan sudamericano... c'est l'italie

Yossi0

Ven, 30/03/2018 - 12:12

ma che meraviglia !!! per arrivare alla casszione ci vogliono soldi e tanti mi chiedo come hanno fatto queste risorse a pagare le spese legali, o hanno trovato assistenza da qualche onlus buonista ?

Ritratto di luogotenente

luogotenente

Ven, 30/03/2018 - 12:19

Pistola e pallottore non costano molto, una serie di lezioni al poligono, anche quelle con pochi soldi, poi iniziare la caccia, con calma e metodo, incutendo terrore e morte.

Ritratto di Pippo1949

Pippo1949

Ven, 30/03/2018 - 12:39

E scommetto che gli aggressori sono pure liberi........della serie siamo davvero il Paese della cuccagna per sbandati,ladri e rifiuti umani di ogni specie.........

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 30/03/2018 - 13:04

Quello era lo Stato di Renzi, quello che corriamo il rischio di rivedere ai piedi di M5S. Una giustizia "a scale", tanto favorevole ai politici "allineati", ai furbi, quanto severa con la gente comune, in genere seccante quanto pretenziosa, quella che vorrebbe giustizia senza rendersi conto che non esiste, almeno per i deboli, cominciando dal popolo bue.

honhil

Ven, 30/03/2018 - 13:10

Succede tutto questo e i sindacati stanno a guardare. Cgil Cisl e Uil, negli anni, hanno pensato soltanto ad ingrassarsi a spese dei lavoratori. Mentre lo Stato è di una disonesta antropologica.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 30/03/2018 - 13:10

giudici peggio dei delinquenti.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 30/03/2018 - 13:29

Beh si potrebbe intitolare una strada ai giudici,per ricordarli.

franz11

Ven, 30/03/2018 - 13:31

Se poi gli aggressori risultassero davvero nullatenenti, nessun problema.... ognuno di loro potrebbe rendere disponibile quanto si riveli utile per le necessità di molti, molti italiani

franz11

Ven, 30/03/2018 - 13:35

Comunque, ironia a parte, gli italiani si sono stancati di questo buonismo imperante, di questa tolleranza inopportuna, pesante e dispendiosa (per le tasche dei cittadini italiani). Si sono anche stancati di queste leggi ridicole e di questa magistratura che le interpreta (non rispetta) a modo suo, come e quando vuole

Ritratto di risorgimento2015

risorgimento2015

Ven, 30/03/2018 - 13:36

Allora come campano questi Indios(probabilmente illegali) Se` lavorono ????Fargli una trattenuta sulla paga automaticamente.

claudioarmc

Ven, 30/03/2018 - 14:03

Magistratura malata

Paolo Preti

Ven, 30/03/2018 - 14:05

Leggere oltre le righe : fuori gli stranieri ! Così si mantiene alto il livello di paura del popolino.

pedromas

Ven, 30/03/2018 - 14:06

sempre più favorevole anzi sicuro della pena di morte, italiano o straniero che sia. per quanto riguarda lo stato italiano, beh non so cosa dire, vergognoso.

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 30/03/2018 - 14:11

Ecco perche sempre piu spesso scrivo QUI, che lo stato NON C'È!!!! AMEN.

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 30/03/2018 - 14:22

Yossi0 Ven, 30/03/2018 - 12:12,nessuna ong,è lo stato italico che fornisce aggratisss l'assistenza legale ,tramite il patrocinio gratuito e lo addebita a tutti noi, della serie cornuti e mazziati!!

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Ven, 30/03/2018 - 14:29

Se non hanno soldi gli si espianta un rene, un polmone e un etto di midollo osseo, si vende il tutto e si risarcisce il capotreno.

Malacappa

Ven, 30/03/2018 - 14:42

Se fosse stato il contrario i furfanti sarebbero stati indenizzati e il capotreno in galera cosi siamo ridotti

Scirocco

Ven, 30/03/2018 - 15:04

Se gli aggressori del capotreno "si dichiarano" nulla tenenti, si passa al piano B quindi o diventano improvvisamente ricchi e pagano i danni oppure ad ognuno di loro si taglia un braccio con un machete. Secondo me tirano fuori i soldi.

Ritratto di pulicit

pulicit

Ven, 30/03/2018 - 15:13

bandog: Condivido al 100%. Regards

paolinopierino

Ven, 30/03/2018 - 15:26

Governo e magistratura forte con i cittadini che fanno il loro lavoro anche a rischio della vita debole e complice della magistratura che protegge questi delinquenti che vanno pure caricare a casa loro per portarli in Italia a farsi mantenere e a delinquere .

paolinopierino

Ven, 30/03/2018 - 15:27

Stato debole con cittadini forte e complice dei clandestini e i delinquenti

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 30/03/2018 - 16:18

Poi, se uno ferisce un ladro per legittima difesa...deve anche risarcire il delinquente! Siamo nelle mani di una "magistratura demente".

Ritratto di Barry2017white

Barry2017white

Ven, 30/03/2018 - 17:00

3 sono i potenti,il papa,il re, e chi non ha niente. Questi cattocomunisti non l hanno ancora capito che chi non ha niente da perdere e' pericolosissimo. Quando lo proveranno sulla loro pelle,allora capiranno

Algenor

Ven, 30/03/2018 - 17:51

Almeno gli dessero la pena di morte per risarcire moralmente la vittina.