Carcere Don Bosco, tre aggressioni in tre giorni

Allarme aggressioni nel carcere pisano, sono 3 gli agenti feriti tra sabato e lunedì, gli episodi sono ormai all'ordine del giorno.

Dopo l'aggressione della scorsa mattina ad un secondino del carcere di Torino, arriva un'altra denuncia dal sindacato Osapp. Questa volta a trovarsi al centro della discussione è il carcere Don Bosco di Pisa nel quale, negl ultimi 3 giorni, si sono verificati ben 3 episodi di violenza nei confronti degli agenti penitenziari.

Gli eventi si sono susseguiti fra sabato 19 e lunedì 21 gennaio. Nel primo caso un agente è rimasto ferito a seguito di una colluttazione con un detenuto georgiano. Domenica invece è stata la volta di un tunisino che ha aggredito un altro operatore, questa volta con 7 giorni di prognosi.

Infine lunedì un agente è rimasto ferito dal carello del vitto, scagliatogli addosso da un altro "ospite" della struttura carceraria.

"Delle giornate infelici quelle di Pisa - ribadisce il segretario dell'Organizzazione sindacale autonoma di polizia penitenziaria, Leo Beneduci - dove peraltro episodi di tale portata non rappresenterebbero una novità. Ad oggi il fenomeno delle aggressioni dei detenuti non pare susciti interesse nel nuovo vertice del Dipartimento, visto che si sta esitando ad affrontare un problema che a nostro avviso meriterebbe ben altra considerazione. Speriamo, come in passato, che i fatti non ci diano ragione

Del resto, l'ultimo episodio registrato nel carcere pisano risale a meno di un mese fa quando, anche in quell'occasione, un detenuto georgiano colpì con un violento calcio alla testa un agente, mentre un nigeriano cercò di scatenare una ribellione.

Commenti

killkoms

Mar, 22/01/2019 - 21:26

e i radicali non dicono niente ovviamente!

maricap

Mar, 22/01/2019 - 22:28

Dopo le aggressioni si dovrebbe sempre restituire il " Dato", maggiorato da interessi. Ma la me rda comunista protegge i delinquenti, infatti, in loro favore e contro le forze dell'ordine, ha promulgato la famigerata legge sulla tortura Ovvero, un delinquente può massacrare, un appartenente alle forze dell'ordine, ma se quest'ultimo/e restituisce/restituiscono quanto avuto, allora scatta la loro legge- I traditori del popolo italiano vanno arrestati. Sed ferro recuperanda est patria e dignità. scatenare