Fedeli: "Minacce e offese a docenti inaccettabili, servono sanzioni rigorose"

Il ministro dell'Istruzione commenta quanto accaduto a Lucca: "Perché il preside non è stato avvisato?"

Servono sanzioni rigorose per contrastare la violenza verbale o fisica. Così il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli commenta quanto accaduto a Lucca dove alcuni studenti hanno aggredito e minacciato un professore. "Chi infrange le regole, chi ricorre alla violenza verbale o fisica nei confronti di professoresse e professori va sanzionato secondo le norme vigenti, che prevedono la sospensione dalle lezioni per periodi di tempo diversi a seconda della gravità delle azioni compiute e, nei casi più gravi, anche la non ammissione allo scrutinio finale", afferma Fedeli.

La Ministra Fedeli ricorda anche le iniziative messe in campo negli ultimi mesi dal Miur per sostenere concretamente l'azione di cambiamento sociale e culturale necessario, fondato sul dialogo e sul rispetto. "Ripartire dal rispetto e dalla fondamentale importanza della figura dei docenti, mai minimizzare e anzi subito denunciare episodi di violenza verbale o fisica, linea rigorosa nelle sanzioni: ecco la strada da seguire affinché non si debba più assistere a immagini come quelle che ci sono giunte da Lucca e da Velletri".

Commenti

billyserrano

Gio, 19/04/2018 - 19:23

Questo è il risultato della vostra "buona" scuola. Lassismo e incompetenza. Speriamo che i nuovi governanti siano migliori. Anche se sono convinto che, peggio di così è difficile fare.

Ridolf

Gio, 19/04/2018 - 20:35

questo e' il risultato di decenni in cui i concorsi TRUCCATI per assegnare cattedre scolastiche hanno ripempito le nostre scuole di docenti raccomandati,incompetenti, svogliati e pure con disturbi mentali pesanti. cominciate a dare cattedre scolastiche e persone capaci e sane di mente, e vedrete che i ragazzi saranno invogliati a studiare, invece di sentirsi costantemnte presi in giro e reagire di conseguenza.

da.ri.os.

Gio, 19/04/2018 - 21:02

Servirebbe soprattutto un ministro autorevole. Con una laurea, possibilmente!

uberalles

Gio, 19/04/2018 - 22:14

Questa si fa sentire mentre sta uscendo di scena. Finora menu fisso di antifascismo a colazione, pranzo e cena, il resto della scuola poteva attendere...Infatti vediamo il risultato

timoty martin

Gio, 19/04/2018 - 23:04

Questa sarebbe la scuola ItProvocazioni, arroganze e mancanze di rispetto inaccettabili.

cgf

Ven, 20/04/2018 - 00:22

@Ridolf ma ha letto l'articolo e/o seguito la vicenda? il problema non son i prof, ma l'educazione [menefreghismo] impartito dai genitori.

ESILIATO

Ven, 20/04/2018 - 01:04

Arrogante parassita, tipica espressione della cultura comunista/sindacale....

Ritratto di The Father

The Father

Ven, 20/04/2018 - 06:41

con autorità come le vostre "ha stato" semplice arrivare in questi livelli

il sorpasso

Ven, 20/04/2018 - 06:42

Lei è a capo della scuola quindi deve far rispettare le leggi quindi attendo che si dia una mossa....ma non credo che succederà nulla.

Duka

Ven, 20/04/2018 - 07:31

Già perchè la sig.a in foto non ha ostentato "bullismo" nel presentarsi per chi non è ? Le forme del "bullismo" sono molteplici come l'ignoranza.

pisopepe

Ven, 20/04/2018 - 07:37

LA SCUOLA CENTRA MA I GENITORI DI PIU' NIENTE PUNIZIONI PER LORO IO LI METTEREI IN GALERA !!!

patrenius

Ven, 20/04/2018 - 07:55

Ho lasciato la scuola disgustato 10 anni fa. Già allora indisciplina, vandalismo e maleducazione trionfavano, e le sanzioni "forti" da me invano invocate erano "birichino , birichino"! Classica la scalata: il mio 2 a chi non aveva mai fatto nulla, diventava 4 perché 2 offensivo. Ma è prprio 4? Meglio 5! Con 5 non si può rimandare. PROMOSSO!!!

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Ven, 20/04/2018 - 08:17

Altro che una pena massima di non ammetterli agli scrutini, cosa che può far loro caldo e freddo, questi vanno chiusi per alcuni mesi in un centro rieducativo.

wania

Ven, 20/04/2018 - 08:19

Servirebbe anche un ministro dell'istruzione ( o per meglio dire - per l'istruzione - ).Personalmente ritengo che sarebbe bene educare prima i genitori.Traguardo ormai irraggiungibile.La società è troppo malata.E riguardo a questo teme basta guardare come si comportano i politici;bell'esempio vero?

wania

Ven, 20/04/2018 - 08:26

Rispondo a da.ri.os.Le lauree oggi assumono un valore relativo perchè un tempo si conseguivano,oggi si comprano.Basterebbe un po' di buonsenso.Quel chirurgo che alcuni giorni fa ha asportato mezzo polmone sano ad un paziente era pur laureato no?!E ci sono purtroppo tanti altri esempi.

Ridolf

Ven, 20/04/2018 - 16:35

@cgf il problema della scuola e' che i docenti sono dei raccomandati incapaci, piu' spesso di quanto si creda pure turbati mentalmente. i ragazzi, che hanno gli occhi, vedono che i primi a fregarsene della scuola sono proprio i docenti, e si allineano all'andazzo col proprio comportamento. Si metta nei panni di un ragazzino odierno a cui viene detto di studiare sodo, di confidare e credere nell'onesta del sistema scolastico, che vede in tv una ministra dell'istruzione che ha persino difficolta' a parlare perche' cerca di non sbagliare i congiuntivi mentre gli fa la ramanzina...