Giorgia Libero non ce l'ha fatta: il cancro ha vinto e se l'è portata via

Aveva raccontato sui social la sua malattia. La 23enne di Padova ci ha lasciato

Giorgia Libero non ce l'ha fatta e questa notte ha lasciato per sempre la sua famiglia e il suo futuro marito.

Di Giorgia avevamo parlato qualche settimana fa perché la sua storia aveva commosso l'Italia intera. La bellissima 23enne di Padova, infatti, da anni combatteva contro il cancro. Questo brutto male le aveva devastato la vita, ma anche quando tutto sembrava essere un inferno, Giorgia si sfogava su Facebook e trovava la forza per andare avanti. "Non sono nata perché tu a 23 anni mi portassi via - scriveva solo qualche settimana fa su Facebook - . C'è il mondo là fuori, una vita che mi aspetta, tante persone che mi vogliono bene. Sono esausta, mi hai distrutta, ma non voglio mollare. Non voglio".

Ma nonostante il suo coraggio e la sua tenacia, questa notte il cancro ha vinto e si è portato via Giorgia per sempre. A comunicarlo sui social è stato il suo compagno di vita Federico Morandi che con un messaggio strappalacrime ha lasciato volare via il suo angelo. "Ti ho tenuto la manina come piaceva a te, a noi, fino a poco fa...da questa notte non avrai solo le mie dita strette alle tue ma anche due ali bianche e bellissime come sei e sarai sempre TU...buon viaggio AMORE MIO...porta anche in cielo il tuo sorriso e la tua voglia immensa di vivere Giorgia" - ha scritto Federico.

Moltissimi i commenti degli amici e delle tante persone che in queste settimane di battaglia hanno sostenuto Giorgia. Ora, sarà lei a dover dare a tutti la forza per andare avanti.

Commenti

Fjr

Gio, 18/08/2016 - 15:02

Maledetto cancro si porta sempre via il meglio, adesso Giorgia vola libera per sempre ,per sempre esempio di grande lottatrice per tutti quelli che ancora dovranno continuare a lottare, un'abbraccio a Federico e alla famiglia

Ritratto di rebecca

rebecca

Gio, 18/08/2016 - 16:44

con gli occhi pieni di lacrime abbraccio Federico e la famiglia di Giorgia. Riposa in pace angelo.

simone64

Gio, 18/08/2016 - 17:13

Che si riposi in pace. Ma al di là del dramma, chi sarebbe costei ?

Piut

Gio, 18/08/2016 - 17:48

Spendiamo miliardi e miliardi in cose che, di fronte alla fine di una vita cosi' giovane, spezzata da un male devastante, perdono ogni minimo valore invece di impegnarci tutti e sconfiggere una volta per tutte lui, il cancro, che a differenza di altre malattie puoi solo vagamente prevenire e molto difficilmente curare...eppure, io credo che con un immenso sforzo finanziario e l'unione delle migliori teste del pianeta sia possibile vincerlo! ma come sempre, finche' non tocca a me, e' un problema altrui...che me ne guardo bene di prendere in considerazione!e' al contrario una pandemia, che può colpire chiunque, come lo erano il colera, il vaiolo, la peste...che abbiamo sconfitto! sconfiggiamo anche il cancro!

nopolcorrect

Gio, 18/08/2016 - 18:13

Povera figlia! Tutti noi in campo scientifico dobbiamo aiutare chi combatte questa orribile malattia.

Ritratto di tomari

tomari

Gio, 18/08/2016 - 18:19

Povera cara,Riposa in Pace.

joecivitanova

Gio, 18/08/2016 - 22:34

..quando un vero angelo vola in cielo non porta mai con se le sue ali..esse restano sempre con noi. g.

goliotok

Gio, 18/08/2016 - 22:51

@ Piut Concordo, però aggiungo che se nrl frattempo la medicina ufficiale riconoscesse e adottasse (archiviando quello sconcio di sperimentazione del 98) il MDB, sia in chiave curativa che preventiva,faremmo già un bel balzo in avanti. Ma fino a che quella medicina sarà asservita e succube dell'industria che considera la malattia solo come un grande business non ci potrà mai essere nessuna speranza.

Ritratto di sergio.stagnaro

sergio.stagnaro

Ven, 19/08/2016 - 07:45

Cara Anna Rossi, dato che non è aggiornata sull'argomento da lei trattato nell'articolo, la invito a leggere la mia datata intervista a IL GIORNALE, quando il Sig.r Sallusti non ne era direttore, ovviamente: http://www.ilgiornale.it/news/io-l-idraulico-corpo-sento-rischio-tumore.html Il cancro, come il T2DM, la CVD/CAD, l'Osteoporosi sono epidemie che possiamo sconfiggere, se lo volessimo, inclusi i Medici e i giornalisti. Riferisca tutto al suo eccellente Direttore e poi - col mio aiuto tecnico gratuito - scriva un articolo che salverà milioni di vite umane. Il Reale Rischio Congenito di cancro, dipendente dal Terreno Oncologico, è presente alla nascita ed è eliminato con la Terapia Quantistica Mitocondriale Ristrutturante. Sono in molti a saperlo ma per viltà tacciono, attirando l'ira degli dei.

alfa553

Ven, 19/08/2016 - 08:40

Mi chiedo cosa voglia dire,il cancro l'ha portata via, il cancro non e una persona o una entità, esso e una patologia terribile che si combatte con i medici e i mezzi della scienza.Certo che vedere morire persone cosi giovani ,fa dispiacere,ma purtroppo altri ne moriranno,e anche vero che sempre meno,ma credete a me ,si lotta con le cure no con la filosofia.

Ernestinho

Ven, 18/11/2016 - 08:52

Dio, dove sei?