Guida politica allo Sgarbistan

Non molti forse avranno osservato che il grillino Celentano (non si sa mai!) ha fatto l'occhiolino alla destra. Non è la prima volta: già si era spinto a parlare bene di Salvini e a proporsi a una Lega distratta.

Nello slancio di cercare di emendare il mio cattivo carattere, gli è uscita un'ammissione legata al contesto: «L'altra sera a Piazza pulita hai davvero oltrepassato il limite tra l'altro, così facendo, fai del male anche alla destra. Che, a parte te, non mi sembra si comporti male». Un giudizioso fervorino. Infatti la «destra», piena di capitani coraggiosi, ha schierato me contro Di Maio a Pomigliano. In quelle terre dove si agitano le «baby gang» che piacciono tanto a Celentano e a Formigli.

Poco importa che io, cattivo esempio, sia stato censurato, non potendo spiegare le ragioni della mia critica. Piace a Celentano la censura e di quella non si preoccupa, tanto che io credo che, in quella notte degli imbrogli (era quasi l'una), egli non abbia visto la trasmissione, ma gliel'abbiano raccontata. Gli anziani si coricano presto. A lui piace immaginare Formigli «sotto i bombardamenti» in Siria o in Sgarbistan, e non ricorda che io atterrai, con Nichi Grauso, nel '98 in Libia, inseguito dalla contraerea americana e nel 2000 in Irak, costretto da due Mig giordani ad atterrare su Amman. Provi a studiare, anche se non gli è congeniale. E, facendo il pappagallo di Grillo, non si preoccupi della destra, cui le mie sparate verbali non fanno certo danno.

Commenti
Ritratto di fioellino

fioellino

Lun, 05/02/2018 - 16:03

Sgarbi e Celentano sono su due piani semantici paralleli. Mi spiego: Il critico d'arte si compiace nel contemplare la Bellezza, mentre Adriano si compiace e basta. Il servizio aborrito da Sgarbi non stava facendo cronaca ma si stava compiacendo dell'orrido. L'inviata, infatti, mandava un messaggio di compiacimento nell'intervistare i piccoli e ingenui delinquenti. Anche lei si compiaceva e basta. L'ignoranza porta al buio della ragione. Da insegnante, io portavo gli alunni ad ammirare la Bellezza, in un hortus conclus dove tutti eravamo gai e spensierati.

Ritratto di scappato

scappato

Lun, 05/02/2018 - 16:45

Bei tempi quando si chiamavano gai le persone felici.

STREGHETTA

Lun, 05/02/2018 - 17:30

Pare impossibile, ma quando scrive Sgarbi mi piace molto : non solo perché scrive bene ( cosa sempre più rara nell'assurgere dei trogloditi linguistici in tutti i settori ), ma anche perché scrive cose ben condivisibili, chiare e senza mezzi termini. Però non credo che, dopo esserci pappati un Grillo con le sue sparate chiocce, ora dobbiamo preoccuparci anche del.. nonno della via Gluck. Oppure, non bastando Il Grande Fratello e schifezze mediatiche simili, adesso dobbiamo tener politicamente conto di attori, cantanti, presentatori,e simili opinion-makers??

fifaus

Lun, 05/02/2018 - 17:31

Bei tempi quelli, e sarebbe però ora di smetterla di farci depauperare il linguaggio dal politicamente corretto.Torniamo a usare le parole dei nostri nonni e dei nostri padri

corivorivo

Lun, 05/02/2018 - 17:42

Sgarbi. perché davano(i trinariciuti) del fassista a Lucio Battisti? perché cantava(eccome se cantava) e basta. quando i canterini cominciano a parlare è perché non sanno più cantare. giusto Gaber sapeva parlare cantando. l'unico. su celentano stendiamo un velo pietoso. dopo essersi preso ripetutamente dell'IDIOTA in diretta tv da David Bowie, uno con un grammo di pudore starebbe zitto per l'eternità...

STREGHETTA

Lun, 05/02/2018 - 17:54

Il fatto è che i " decotti " non si rassegnano ad esserlo e credono che la gente li ascolti ancora come quando erano nuovi, originali, magari davvero controcorrente. Poi, man mano che l'età avanza e il palcoscenico scema, cercano in tutti i modi di inserirsi nella corrente giusta...

Cheyenne

Lun, 05/02/2018 - 18:23

CELENTANO HA STUFATO DA DECENNI. FA IL GURU MA E' SOLO UN CONFORMISTA UN PO' RIMBAMBITO

unghiecondenti

Lun, 05/02/2018 - 18:38

Con quale titolo il molleggiato può ovunque e comunque dire la sua .Seguo Sgarbi quando parla perché , anche se a volte esagera,ha elementi per farlo , in primis una cultura senza fondo .Ma Adriano è,anzi era , un cantante . Allora con il medesimo criterio diamo la parola a Pupo ,perché escludere altri ?

Ritratto di Contenextus

Anonimo (non verificato)

Guido_

Lun, 05/02/2018 - 19:49

Uno scontro tra titani...

edo1969

Lun, 05/02/2018 - 20:29

“Inseguito dalla contraerea americana” ooooeuuuh nientemeno ma vai a ca...sa va’ Sgarbi, stai delirando sempre più ogni giorno che passa, fate smettere di scrivere questo bellimbusto tronfio per favore, Formigli sei un grande, la prossima volta zittitelo direttamente con il pentotal ah ah ah

edo1969

Lun, 05/02/2018 - 20:31

Celentano (che pure non apprezzo particolarmente) è un Artista, Sgarbi invecesolo un critico d’arte, quindi è detto tutto: non ha nessun talento particolare se non quello d’insultare a destra e a manca o di smanettare sul suo smartphone ostentatamete. Un pover’uomo.

clod46

Lun, 05/02/2018 - 20:46

Celentano è stato un idolo per più di una generazione, non dovrebbe schierarsi apertamente per nessuna fazione politica, perché cosi facendo scontenterà comunque una parte dei suoi fans i quali lo hanno acclamato per le sue canzoni e non certo per le sue idee politiche.

Ritratto di Dario Maggiulli

Anonimo (non verificato)

Ritratto di direttoreemilio

direttoreemilio

Lun, 05/02/2018 - 21:22

pezzo di schizzofreno bipolare, nessuno ha schierato Di Maio contro té ma la destra di Berlusconi ti ha schierato contro di Maio, per farti fare quello che sai fare, denigrare,cianfrusrae mentire come nel caso Libia e Amman nessuna prova solo tue bugie e farneticazioni da giullare del capo di arcore, di cui ti ritiene come la ruby marocchina che a differenza tua l´ha pagata in milioni di euro, per té gli son bastati 30 denari. Tu sei solo un maestro di alterazioni dall'equilibrio timico che non sa separare la personalità, il pensiero, la memoria e la percezione.Ergo INCIVILE diseducato e puzzolente.Fanfarone e perfetto cane di famiglia fatta e rifatta.

Ritratto di direttoreemilio

direttoreemilio

Lun, 05/02/2018 - 21:32

Ma come cavolo si fá a essere dalla parte di un degenerato schizzofreno bipolare,come sgarbi, quest é paranoia italica o che essere del parere di un pazzo mentitore e caprone di nascita, é da malati mentali.E Poi Streghetta , insoddisfatta? esci vai in bar fai felice qualche negretto di famiglia che ti senti meglio poi.