Professori ripresi durante le lezioni: ventidue gli alunni sospesi da scuola

Video in classe e foto negli spogliatoi durante l'ora di ginnastica. Il caso nel Torinese

Sono ventidue gli studenti delle medie sospesi a San Francesco al Campo, in provincia di Torino, per avere filmato i professori mentre erano in aula e facevano lezioni. La punizione è arrivata anche per alcune ragazze, anche loro dell'istituto Mario Costa, che si sarebbero scattate fotografie negli spogliatoi, durante le ore di educazione fisica.

Dai telefonini dei ragazzi, video e fotografie hanno iniziato a diffondersi su Whatsapp, senza che gli insegnanti ne sapessero nulla e alcuni membri del corpo docente avrebbero già deciso di sporgere denuncia, ragione per cui la preside dell'istituto, Adriana Veiluva, ha deciso di sospendere gli studenti.

In sei sono rimasti a casa per un solo giorno, considerati responsabili della diffusione del materiale video e fotografico, mentre per altri sedici è stata decisa una sospensione solo in alcune ore, tuttavia con l'obbligo di frequenza e di partecipare a lezioni sul "corretto utilizzo" dei telefonini.

Divisi i genitori: alcuni convinti che la punizione sia troppo severa o inappropriata, altri sicuri che la scuola abbia invece fatto bene. Non è tuttavia la prima volta che si registra nelle scuole un caso del genere. Già nei mesi scorsi si era parlato, in altri istituti, di un utilizzo scorretto da parte di alcuni studenti dell'app Periscope, che permette di registrare delle "dirette" e grazie alla quale venivano ripresi i professori che interrogavano e spiegavano.

Commenti

frabelli1

Mer, 04/11/2015 - 14:09

I genitori che reputano la punizione troppo severa dovrebbero farsi un esame di coscienza e ritornare a scuola per imparare l'educazione ed il comportamento corretto verso il prossimo. La punizione, vista la ripetizione del gesto, è stata ancora troppo leggera e i genitori avrebbero dovuto partecipare ad un corso di "aggiornamento" insieme agli studenti

mariolino50

Mer, 04/11/2015 - 14:34

Bisognerebbe fare come in certi impianti industriali, i telefonini vanno lasciati negli spogliatoi, altrimenti rischi anche di essere cacciato, perchè sono pericolosi e perditempo.

Imbry

Mer, 04/11/2015 - 15:09

Una volta, tornando a casa dalle elementari dissi a mia madre che la maestra mi aveva mollato un ceffone, la risposta di mia mamma fu:"Ha fatto bene e se te ne ha dato uno solo significa che te ne meritavi due". Questa la dice lunga sulla considerazione degli insegnanti tempo fa. Sentire ora che i genitori si "ribellano" alle maestre mi fa rabbrividire!!!!

vince50

Mer, 04/11/2015 - 15:21

La solita storia,genitori che difendono i figli in ogni caso,insegnandogli la diseducazione.Punizione troppo leggera e inadeguata,di futuri atti di maleducazione e strafottenza ne sono responsabili i genitori troppo protettivi.Sbandati i genitori e peggio ancora i figli,mio figlio a scuola tutto ok altrimenti avrei provveduto personalmente.

Ritratto di navigatore

navigatore

Mer, 04/11/2015 - 15:35

la famiglia dovrebbe educare i figli mentre la scuola serve ad insegnare . coltura ed conoscenza

Ritratto di MetalMusic666

MetalMusic666

Mer, 04/11/2015 - 15:38

I soliti genitori paraculo. Io ho 16 anni e mai una volta i miei genitori sono andati contro il prof, anche quando avrebbero potuto.

Ritratto di Cobra31

Cobra31

Mer, 04/11/2015 - 17:47

Avranno voluto ripassare la lezione a casa.