Inps, lettere con ricalcolo ai pensionati: "Restituite le somme"

Diverse lettere sono state inviate dall'Inps a migliaia di pensionati per alcuni errori nell'erogazione degli importi sugli assegni

Allarme tra migliaia di pensionati. In tanti stanno ricevendo in questi giorni diverse lettere da parte dell'Inps in cui in sostanza vengono chieste indietro alcune somme che per errore sono state erogate sugli assegni. Insomma diversi pensionati avrebbero ricevuto di più rispetto a quanto dovuto. E dunque con alcune lettere l'istituto nazionale di previdenza sociale sta cercando di recuperare le somme. Ma vista la mole di lettere, quanto accaduto, come sottolinena la federazione dei pensionati di Confesercenti, la Fipac, potrebbe trasformarsi in una sorta di emergenza sociale. Di fatto la comunicazione inviata da Inps recita così: "Ci dispiace, ma da un più attento esame della sua posizione, ci risulta che lei abbia percepito, a titolo di pensione, somme maggiori rispetto a quanto dovuto, per l’ammontare di euro …, pertanto La invitiamo a restituire gli importi percepiti indebitamente nel più breve tempo possibile”. Il caso, raccontato qualche giorno fa da LaVerità, ha allarmato e non poco migliaia di anziani che ricevono mensilmente l'assegno per la pensione. Le cifre da restituire sono di fatto variano da un minimo di 700 euro ad un massimo di 56mila euro. Cifra questa che potrebbe comunque creare non pochi problemi ad un pensionato. Cosa fare dunque nel caso in cui ci si trovi in una condizione simile? Di fatto nel caso in cui l'erogazione delle somme sia avvenuto per un errore da parte dell'Istituto bisogna dimostrare che a sbagliare si stata l'Inps e quindi, solo con questa circostanza, scatta il non-rimborso. Inoltre bisogna dimostrare che il pensionato stesso non sia a conoscenza, come sottolinea laleggepertutti.it, di tutti i fattori che incidono sulla misura e sul diritto alla pensione. Per quanto riguarda la restituzione degli importi, questa può avvenire tramite una compensazione con crediti, con trattenute sull'assegno oppure con pagamento con rimesse di denaro.

Commenti

polonio210

Lun, 25/09/2017 - 17:06

Scusate la mia ingnoranza:i pensionati hanno truffato l'INPS?Non mi sembra.I conti se li sono fatti i pensionati o li ha fatti l'INPS?Direi che li abbia fatti l'INPS.Chi ha sbagliato,il pensionato che si è visto accreditare,senza colpa alcuna da parte sua,una cifra maggiore di quella che gli spettava o l'INPS per incompetenza manifesta?Per me l'INPS.Se c'è stato un errore dell'INPS i soldi li vadano a prendere da coloro che hanno sbagliato i conti e da coloro che dovevano controllare l'operato dei propri collaboratori,non dai pensionati che sono privi di colpa o di dolo.Nel mio lavoro se sbaglio pago di persona NON faccio pagare chi l'errore l'ha subito sia questo errore in più o in meno.Denunciate l'INPS,il suo presidente e tutti i dipendenti coinvolti a vario titolo nell'evento,per tentata truffa estorsione e tortura.

VittorioMar

Lun, 25/09/2017 - 17:16

..L'INPS EROGA PENSIONI A NON AVENTI DIRITTO E....CHIEDE LA RESTITUZIONE A CHI HA VERSATO REGOLARMENTE I CONTRIBUTI !!..SE E' L'ENTE CHE HA SBAGLIATO DEVE RIVALERSI SU CHI HA COMMESSO IL DANNO!!...ANCHE QUESTO E' UN DIRITTO ACQUISITO O NO ??

il sorpasso

Lun, 25/09/2017 - 17:22

Sarebbe più necessario fare i controlli sui falsi invalidi e farsi rimborsare le quote percepite coaudivati anche dai dottori compiacenti. Sequestro immediato degli immobili compresi quelli dei dottori.

paolinopierino

Lun, 25/09/2017 - 17:27

Non era stato legiferato dalla corte costituzionale che chi sbaglia paga? Se ha sbagliato l'INPS paghi l'INPS O le leggi vengono applicate solo contro i cittadini ??

Ritratto di Flex

Flex

Lun, 25/09/2017 - 17:36

Se l'errore lo ha commesso l'INPS a pagere dovrebbe essere l'INPS e i suoi dirigenti. Poi per completezza d'informazione vorrei sapere se l'INPS ha provveduto, nel frattempo, a dare esecuzione alla sentenza della Corte Costituzionale n°70/2015. Io non credo ma forse posso sbagliarmi. Spero che le sanzioni per il ritardo adeguamento siano le stesse che vengono applicate ai Cittadini inadempienti.

Aristide56

Lun, 25/09/2017 - 17:37

i mega dirigenti INPS a cominciare dal più alto in grado sono solo ASINI sono in troppi e troppo ben retribuiti vanno licenziati in massa se ne assume la metà a metà stipendio

antipifferaio

Lun, 25/09/2017 - 17:43

Semplicemente da quando l'Inps è gestita da Boeri e quindi coi sistemi stalinisti....il risultato è questo. Ad un mio amico SENZA UN BRACCIO gli hanno rifiutato l'accompagnamento mentre c'è gente che fa PESCA IN APNEA ed ha invalidità+accompagnamento....Questa è l'Italia...una cloaca...

walter viva

Lun, 25/09/2017 - 18:00

Servono soldi per i migranti. E' giusto che ognuno contribuisca. Siamo mica razzisti.

Abit

Lun, 25/09/2017 - 18:07

Se è vero, cose da III° mondo e fuori dalla scatole coloro che hanno commesso gli errori di calcolo!

Ritratto di Carlo_Rovelli

Anonimo (non verificato)

scorpione2

Lun, 25/09/2017 - 19:33

quando sono andato in pensione sapevo della cifra che avrei preso, il primo pagamento ricevo 600 euro in piu', mi reco all'inps spiegando di ricontrollare perche' mi sembravano troppi dicendo che non volevo avere qualche scherzetto, l'impiegato con un sorriso ironico e beffardo mi dice se non la vuoi la puoi lasciare per cui li risposi che risposta del cxxxo e' questa. morale dopo un anno mi hanno chiesto 9.000 euro e si sono trattenuti 1200 euro al mese nonostatnte le mie proteste.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 25/09/2017 - 19:40

Boeri è meglio che si dimetta.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di malatesta

Anonimo (non verificato)

COSIMODEBARI

Lun, 25/09/2017 - 20:05

Con il nuovo governo che verrà scatterà tutto il resto del maltolto (forse dalla Fornero) restituito per metà o quasi ai pensionati, grazie alle forbici marchiate Renzi. Pertanto con il gioco di carta vince e carta perde, incontrollabile da milioni di pensionati, Stato&Inps voglio far cassa indebitamente e dittatorialmente in anticipo. Ladri&Buffoni

Ritratto di Pippo1949

Pippo1949

Lun, 25/09/2017 - 20:15

Il pensionato può agitarsi quanto gli pare,ma è l'Inps che paga la pensione, quindi decurta l'assegno alla fonte almeno del 20% e........Amen !

Ritratto di caviste

caviste

Lun, 25/09/2017 - 20:26

In sostanza una l'atra presa per i fondelli da parte dello Stato, Inps... Non pagano il dovuto (adeguamento del costo della vita) ma sono anche capace di sbagliare i conti e vogliono i soldi in dietro. Ma e proprio un paese di rompi......

mazzpa1

Lun, 25/09/2017 - 21:28

La Corte di Cassazione con una recentissima sentenza – Cass. civ. Sez. lavoro, Sent., 11-01-2017, n. 482 – ha ancora una volta confermato quanto sostenuto dallo staff di RimborsoPensioni.it dando ragione a tutti quei pensionati che a distanza di anni dal ricevimento della loro pensione definitiva, si sono visti richiedere dall’INPS la restituzione di ingenti somme percepite secondo l’Istituto indebitamente.

mazzpa1

Lun, 25/09/2017 - 21:28

La Corte di Cassazione e la Corte dei Conti con il suo arresto entrano a gamba tesa contro le richieste di restituzione dell’Inps stabilendo che pur essendo l’Istituto legittimato ad operare il ricalcolo della pensione viziata dall’errore non può operare al recupero delle somme in eccesso corrisposte al pensionato, salvo che l’indebita prestazione sia dovuta a dolo dell’interessato.

Tarantasio

Lun, 25/09/2017 - 21:37

c'è qualche ministro, ex-ministro, deputato, assessore etc. etc., tra coloro che ricevuto la lettera Inps???

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 25/09/2017 - 22:10

Vergognoso, chi sbaglia paga, loro hanno sbagliato, loro pagano di tasca propria, non i pensionati. Questi, finora non hanno potuto fare niennete se non ingoiare rospi e ricevere soprusi, da quelli che si dicono i paladini degli ultimi. Assurdo.

curatola

Mar, 26/09/2017 - 06:02

chi sbaglia paga. Dato che i contributi mensili finiscono nel alderone collettivo dal quale si pagano le pensioni ebbene con questo si compensino gli errori. Dopo rutte le malefatte (inalidità non controllare,defcit vompenati con la riuniticazione delle casse,sustegno ai furbi che hanno contributi irrisri,ecc) ci vuole una bella faccia a chiedere soldi .....

curatola

Mar, 26/09/2017 - 06:10

un sistema sbagliato all'origine e di concezione sinistra non può che commettere errori o mostruosità come pagare 21 mila eu al mese a Ptodi per chissà quanti anni ancora .

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 26/09/2017 - 11:45

i pensionati si devono mettere insieme e dire ad alta voce(e magari anche qualcosa in più)che loro pagheranno quando gli è stato dato in più ,solo se quelli che hanno determinato questo errore verranno licenziati per acclarata incompetenza .