Imam contro la preghiera in chiesa: "Poi dovremo anche giurare sulla croce?"

All'indomani della preghiera comune coi cattolici, monta il malcontento tra i musulmani. L'imam di Lecce: "La prossima volta? Ci convertiranno?"

Ieri i flash dei fotografi, le strette di mano tra imam e sacerdoti e gli abbracci tra cattolici e musulmani. Oggi le polemiche (durissime) all'interno della comunità islamica. Perché, aldilà di quanto hanno voluto far credere ai media, gli intenti non erano comuni. D'altra parte in chiesa sono andati sì e no 23mila musulmani, meno del 2% di quelli presenti regolarmente in Italia. "Ho visto i video dei nostri fratelli che sono andati in chiesa per la messa - tuona l'imam di Lecce Saifeddine Maaroufi - se ne stanno lì in silenzio, non pregano, non cantano, sono in evidente imbarazzo. Ditemi, allora: che senso ha avuto tutto questo? Perché dobbiamo sottostare a queste richieste che arrivano dall’esterno?".

"Per noi i luoghi di culto sono importanti, sono luoghi sacri - spiega Saifeddine ai microfoni del Corriere della Sera - per l’Occidente laico potrà sembrare qualcosa che ha a che fare con il folclore ma il Corano afferma 'a voi la vostra religione, a me la mia'". Ecco perché l'imam di Lecce avrebbe preferito un momento di incontro comunitario, come è già accaduto in passato, in una piazza, al di fuori di una chiesa. "Perché - precisa - stabilire chi sono i buoni e i cattivi spetta a Dio, non a chi ci impone queste richieste". Pur ribandendo un netto "no" al terrorismo, l'imam non manda proprio giù la preghiera comune in chiesa. Non solo per la "location" dell'evento. Il problema è tutt'altro. "A noi islamici è stato chiesto di tenere i sermoni in italiano e abbiamo accettato; ci è stato chiesto di scendere in piazza contro la violenza, fatto - polemizza - vogliono che giuriamo sulla Costituzione italiana, vogliono che andiamo in chiesa a pregare: la prossima volta che cosa dovremo fare, giurare su un crocefisso? Convertirci? C'è un'asticella che va ogni volta alzandosi e che non possiamo accettare. Dobbiamo vincere la diffidenza che ci circonda ma rimanendo fedeli a noi stessi".

Il malcontento all'interno delle comunità musulmane dilaga. Già ieri il portavoce della Grande Moschea di Roma aveva preso le distanze dall'iniziativa temendo un'eccessiva spettacolarizzazione per la stampa. Ma c'è chi, come lo stesso imam di Lecce, non condivide proprio e non ci sta a starsene zitto. "Sebbene la maggior parte dei nostri concittadini cristiani abbia accolto, compreso e fatto proprie le ormai innumerevoli attestazioni di solidarietà delle comunità islamiche - scrive su Facebook Ibrahim Gabriele Iungo, fedele e studioso del Corano - ad altri ciò non basta e non basterà finché non sarà la stessa tradizione islamica ad essere inquisitoriamente messa in discussione, secondo criteri che loro stessi si propongono di imporre. L’estremismo integralista e quello assimilazionista si nutrono reciprocamente". E a chi è andato a pregare in chiesa ricorda "i magazzini, garage e capannoni industriali da cui siamo costretti a ricavare le nostre sale da preghiera". Lo stesso fa notare Sayad Hyder, portavoce della comunità pachistana di Brescia: "Siamo costretti a pregare sempre in luoghi precari e ogni gesto nostro viene guardato con sospetto...".

Commenti

chebarba

Lun, 01/08/2016 - 09:44

ALLORA I SERMONI IN ITALIANO CREDO CHE SIA IL MINIMO VISTO CHE SIAMO IN ITALIA, LA FEDELTà ALLA COSTITUZIONE LAICA E' IL MINIMO VISTO CHE SIAMO IN ITALIA, RINNEGARE LA VIOOLENZA CREDO SIA IL MINIMO PER OGNI PERSONA SOPRATTUTTO PER CHI GUIDA I FEDELI NEL SENTIMENTO RELIGIOSO, PREGARE IN CHIESA? UN ATTO GENTILE VISTO CHE IN NOME DI ALLAH E' STATO UCCISO UN SACERDOTE IN CHIESA, E NON RITIRTEMI FUORI LE CROCIATE DI MILLE ANNI FA SIAMO NEL 2016 NEGLI ULTIMI 50 ANNI SI è FATTO PIù PROGRESSO CHE IN MILLE DOVREBBERO RENDERSENE CONTO ANCHE GLI ISLAMICI

chebarba

Lun, 01/08/2016 - 09:50

E IL PROBLEMA è PROPRIO QUI NON E' SOLO LA RELIGIONE CHE E' UN SENTIMENTO PROPRIO E PERSONALE QUI IL PROBLEMA E' CULTURALE E DI PERSONE CHE NON ACCETTANO DI TROVARSI FUORI DAL PROPRIO STATO O HABITAT, E CHE NECESSARIAMENTE DEVONO CONFORMARSI ALLE LEGGI DELLO STATO CHE ABITANO SE GLI STATI EUROPEI NON INCULCANO QUESTO CONCETTO INSIEME ALL'ISTRUZIONE NELLA TESTA DEGLI ISLAMICI REFRATTARI A CAPIRE NON VI E' INTEGRAZIONE MA TOLLERANZA TOLLERANZA CHE STA VENEDO E VERRA' MENO A CAUSA DEI GOVERNIO INCAPACI E DEI FACINOROSI CHE CONTINUANO A FARE PROCLAMI CHE POI SI TRADUCONO IN ATTENTATI.

giovauriem

Lun, 01/08/2016 - 10:10

cacciamo via tutti gli islamici dall'italia , e si "consigli" al papa di sporstarsi fuori dal nostro paese e magari di fare una fusione tra la , sua , chiesa (che non è quella dei cristiani) e l'islam .

Ritratto di centocinque

centocinque

Lun, 01/08/2016 - 10:15

A chi è andato in chiesa ricordo che ci si scopre il capo!

Chanel

Lun, 01/08/2016 - 10:23

Apprezzo la sincerità di questo imam molto più degli equilibrismi e dell' ipocrisia del papà e di tanti vescovi. Ci chiarisce molto bene quello che la gente ha compreso e cioè non hanno alcuna intenzione di integrarsi. Nessuno pretende che si convertano o vadano a pregare in chiesa, ma non accettano il nostro sistema di regole e di valori. Vogliono vivere in Europa come comunità separate, come se vivessero nel loro mondo. La domanda che sorge spontanea è perché vogliono vivere qui, visto che non condividono e disprezzano il nostro modo di vivere e soprattutto perché paesi del golfo investono fior di quattrini per favorire il loro inserimento. L'obiettivo non può che essere l'islamizzazione dell'Europa di cui i nostri governi e anche la chiesa sono complici.

guido.blarzino

Lun, 01/08/2016 - 10:31

Io sono italiano ateo e quindi non vado normalmente in Chiesa. Nel caso di matrimonio dove venga invitato, funerale di parenti e/o amici, celebrazioni in genere dove è chiesta la mia partecipazione io vado volentieri in Chiesa per educazione e rispetto verso gli altri e naturalmente mi trovo in imbarazzo.Qual'è il problema ????

Mefisto

Lun, 01/08/2016 - 10:38

porelli.. sono costretti a pregare nei capannoni... e per di più li guardiamo con sospetto. Siamo noi i cattivoni...

Marcello_roma64

Lun, 01/08/2016 - 11:05

e' inutile ragionare con questa gente.mandiamoli a casa loro.fuori dall'Italia.questa accozzaglia islamica.

antonmessina

Lun, 01/08/2016 - 11:40

vergogna per chi ha voluto tutto cio ! spero proprio che muoiano per mano di questi "frateli!

Ritratto di karmine56

karmine56

Lun, 01/08/2016 - 11:50

Che ipocrisia, i lupi che si travestono da agnelli.

Ritratto di GuerrieroDelNord

GuerrieroDelNord

Lun, 01/08/2016 - 12:26

Per chebarba e Chanel: io sono sempre stato dell'idea che l'integrazione è un processo che deve avvenire spontaneamente, non si può forzare e nemmeno ha senso farlo. Detto ciò, il processo di integrazione avviene più facilmente quanto più le parti sono simili e la pensano allo stesso modo sulle questioni importanti. Se al contrario non ci sono punti di contatto, l'integrazione non avverrà mai. E noi che facciamo? Anziché mandare via colo che non c'entrano nulla con noi e che non hanno rispetto delle nostre leggi/tradizioni, ci pieghiamo a costoro e ci auto-distruggiamo. W l'integrazione...

salvatore40

Lun, 01/08/2016 - 12:52

"L’estremismo integralista e quello assimilazionista si nutrono reciprocamente", questa preoccupazione dell'Imam di Lecce ha un senso. Quest'ecumenismo spinto e livellatore non è una buona terapia ai mali della nostra società e convivenza. Ognuno ha la sua via per arrivare a Dio. Lo diceva anche Voltaire, ma fu condannato dalla Chiesa Cattolica. Ancora non è stato riabilitato.

Valex

Lun, 01/08/2016 - 13:11

Finalmente. Ecco che riconosco il vero Islam! Non quello che ci hanno voluto far credere in questi giorni. Volontà di integrazione pari a zero. Fuori! Via! Raus! Riprendiamoci questa povera Italia e mandiamole alla Merkel queste eccezionali risorse "umane".

Nonlisopporto

Lun, 01/08/2016 - 13:11

ipocrisia cattolica vergognosa

Nonlisopporto

Lun, 01/08/2016 - 13:15

se ne stiano a casa loro se la nostra ha troppi difetti per loro

piertrim

Lun, 01/08/2016 - 13:18

Non mi stancherò mai di sostenere che l'Islam è in contrasto con la costituzione italiana. Mi meraviglia molto che i nostri governanti e magistrati non abbiano letto il CORANO e non bandiscano l'Islam, religione di guerra e di conquista, dal nostro vivere civile e dalla nostra società.

Ritratto di acroby

acroby

Lun, 01/08/2016 - 13:50

Da sbellicarsi. E i nostri politicanti, giornalisti e marmaglia sinistrorsa in genere, era già pronta a dire che la jihad era finita e che era stato solo un brutto sogno.

tormalinaner

Lun, 01/08/2016 - 14:32

La partecipazione alle messe degli islamici è un perverso trucco teso a dominarci. Quando saranno milioni in Italia cacceranni il Papa da Roma e saremo sottomessi con la violenza.

lorenzovan

Lun, 01/08/2016 - 14:34

l'ignoranza delle altrui religioni e ragioni e' trasversale...non sorprendono certi commenti musulmani come non sorprendono certi commenti cristiani..a proposito di ignoranza delle altrui religioni ..per i musulmani come per gli ebrei..e' obbligatorio in luoghi sacri indossare copricapi religiosi...vedrei una offesa al luogo sacro se i musulmani o gli ebrei entrassero in chiesa con un cappello "laico"... tanto per rispondere a molti...d'altronde anche gli efficianti cristiani portano copricapi "religiosi"...tipo zucchetti e mitra

lorenzovan

Lun, 01/08/2016 - 14:35

antonmessina....vera anima cristiana e cattolica...lol..misericordiosa e amante dei fratelli...he he he

vince50_19

Lun, 01/08/2016 - 14:42

L'imam di Lecce tutto sommato ha ragione: stessero fuori dalle nostre chiese e, SOPRATUTTO, rispettassero la nostra costituzione, senza se e senza ma. Altrimenti il mondo è grande, molto grande, anche se hanno la cittadinanza italiana: come gli è stata concessa gliela si può revocare se non operano secondo i dettami laici predetti. Anche se l'art. 4 della carta musulmana dei diritti dell'uomo dice altro.

Blueray

Lun, 01/08/2016 - 15:02

Loro vorrebbero vincere la diffidenza che li circonda. Ma questo ha un prezzo, anche elevato, che se non sono disposti a pagare non succederà mai. Se è stato il medico a ordinar loro di venire da noi la prendano come una medicina e si adattino senza però fingere di farlo al modo degli orientali, se no dietro front e ritorno all'amato paesello, oppure, a scelta, Quatar, Arabia Saudita, Emirati arabi, Iran, e chi più ne ha più ne metta, hanno solo l'imbarazzo della scelta. Per giunta quando buonisti, sinistri e grandi accoglitori si saranno rarefatti, quando l'Ue sarà virata a destra, l'occidente sarà proprio un luogo inospitale, perchè fessi sì, ma fino a un certo punto.

luigiB3

Lun, 01/08/2016 - 15:25

Non abbiate paura, non noi ma voi ci convertirete. Continuate cosi' che ce la farete. Qua ci sono tantissimi eunichi e quindi non faranno nulla contro di voi. Salam

luigiB3

Lun, 01/08/2016 - 15:38

@Chanel, questi sono qua per conquistarci. Molto tempo fa provarono con la forza e persero. Oggi hanno cambiato strategia e lo fanno in una forma subdola ma VINCENTE. Diciamo che usano l'Ulisse maniera. Noi occidentali siamo eunichi e loro ci fottono. Stiamo arretrando continuamente o di giorno in giorno. Cosa deve capitare per farci ragionare un po'..? I nostri capitribu' e stregoni collaborano con loro a scapito nostro. A quando farsi rispettare in primis dai nostri politicanti e stregonanti..?? Saluti

linoalo1

Lun, 01/08/2016 - 15:50

Ma è mai possibile che dobbiamo parlare sempre e solo dei Musulmani??E noi Italiani,chi siamo,per non essere mai presi in considerazione???Quanto bene stavamo,in tutti i sensi,prima dell'Euro??Qualcuno,se lo ricorda????A quei tempi,però,i Sinistrati erano sempre all'Opposizione!!!Quando,però,grazie a Di Pietro, i Sinistrati hanno preso il Potere,è cominciato il Declino dell'Italia,anno dopo anno,fino ad arrivare,con l'aiuto di NAPOLITANO, alla Situazione Odierna!!Grazie,SINISTRATI!!!Voi si che ci sapete fare!!!!

ziobeppe1951

Lun, 01/08/2016 - 16:28

Lorenzovan .....di quei copricapi ne ho uno uguale che uso in spiaggia, quindi se qualcuno in chiesa me lo vuol far togliere, posso dire di essere musulmano?

FRANZJOSEFVONOS...

Lun, 01/08/2016 - 18:13

OMAR EL MUKHTAR VEDI COME I MUSSULMANI NON HANNO BASI DI FERMEZZA E FORTEZZA NEL LORO ANIMO? HANNO PAURA CHE, ESSENDO LA TUA FEDE NON FEDE, SENTONO CHE BASTA UN SOFFIO DI VENTO PER FAR CROLLARE TUTTE LE CRETINERIE CHE IL CAMMELLIERE MAOMETTO VI HA INCULCATO NELLE VOSTR TESTE. SE AVETE PAURA DI ENTRARE IN UNA CHIUSA SIGNIFICA CHE NON AVETE NE' FORTEZZA E NE' FEDE NEI VOSTRI INSEGNAMENTI. IO POSSO ENTRARE IN UNA MOSCHEA ED ESSCO ANCOR PIU' FORTE DI SENTIMENTO CRISTIANO, E VOI? ANDATE A RACCOGLIERE BACCHE NEL DESERTO RITORNATEVENE COSI' SARETE TRANQUILLI. ORA SI COMPRENDE CHIARAMENTE PERCHE' AMMAZZATE LE VOSTRE FIGLIE E MOGLI QUANDO VOGLIONO ESSERE UN PO' PIU' VICINE ALLE COMPAGNE DI SCUOLA O DI CASA. NON AVETE ALCUN FONDAMENTO SIETE SOPORA UN TERRENO DI FANGO SENZA DIGNITA' DI PERSONE CHE TREMATE DALLA PAURA CHE VENITE SCOPERTE. ULTIMA AVVERTENZA TU PUOI PREGARE MA CI SONO QUELLI CHE NON HANNO PAURA DEL MACHETE. CAPITO?

seccatissimo

Lun, 01/08/2016 - 18:18

Per poter cambiare la situazione e poter cacciare gli islamici invasori ed invadenti non disponibili ad integrarsi, noi italiani dobbiamo cacciare e/o eliminare i politicanti italiani anti italiani e nocivi per il nostro paese e quindi per noi italiani!

Ritratto di Nonnina

Nonnina

Lun, 01/08/2016 - 18:55

Prima si autoinvitano in modo cafone nelle Chiese e poi fanno credere l'esatto contrario frignando vittimismo, ecco il loro vero volto insidioso !

Angiolo5924

Lun, 01/08/2016 - 19:02

Ecco, appunto. A noi la nostra religione e a loro la loro. Ergo, non ci rompano i koglioni con pretese di conversione forzata in alternativa al taglio della gola. Quanto ad andare in chiesa hanno ragione, non ci vengano. Non vogliamo tra i piedi questo letame né le troie delle loro madri bastarde. Nella speranza che prima o poi gli Usa si sveglino e li ammazzino tutti. Il mondo senza loro non potrà che essere migliore.

blackindustry

Lun, 01/08/2016 - 19:17

Giurare tu sulla Croce? No grazie, la lorderesti di sangue innocente, dato che non condanni i terroristi.

no_balls

Lun, 01/08/2016 - 19:42

A leggere i commenti si rimane stupiti per quanta imbecillita' ci sta in giro....... ma sto giornale non si vergogna ad avere questo genere di utenti?? povero montanelli.... Pensavo che le cene eleganti era il massimo che potevano sopportare questi lucidi cervelli.....sempre peggio.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Lun, 01/08/2016 - 19:43

Franz Josef ecc., ecc. Chissà perché l'Islam è l'unica religione monoteista che cresce tanto. E da qualche anno ha anche superato il cattolicesimo per numero di fedeli. Mistero....

fifaus

Lun, 01/08/2016 - 19:54

Fuori tutti dall'Italia gli islamici

paolonardi

Lun, 01/08/2016 - 19:55

No, basta che non rompiate i coglioni con le vostre ubbie al prossimo.

Asimov1973

Lun, 01/08/2016 - 20:07

le crociate non sarebbero avvenute se gli arabi non avessero per primi attaccato gerusalemme DA SEMPRE ebrea E PROVINCIA ROMANA fin dai tempi di GIULIO CESARE ...chi attacca le nostre cose e viene massacrato poi non si deve lamentare come una MERDA. Gli arabi sono STRONZI due volte perché vogliono vendicarsi di chi GIUSTAMENTE stava solo proteggendo CASA SUA!!!

MgK457

Lun, 01/08/2016 - 20:21

Appunto, fuori muslin.

luigiB3

Lun, 01/08/2016 - 20:23

@seccatissimo, ben detto..! Scrivevo che nell'Odissea vi e' la chiave per la nostra salvezza. Prendiamo una scena del film Ulisse. Cosi' tanto per esempio. Certo, non e' carta stampata e vale meno per cui, ma e' tanto per intrattenerci, la verita' comunque e' mostrata attraverso le scene impresse nella pellicola. Ebbene: c'erano i PROCI e c'era Telemaco e ma soprattutto c'era PENELOPE. Certo, sia Penelope che Telemaco vivevano nella loro patria chiamata ITACA. Questa era assediata dai PROCI che pretendevano di MAGNA' E BERE A GRATIS, intanto, come i nostri invasori. Poi volevano la PENELOPE che voleva dire oltre al piacere che da una donna anche ITACA. Come sta accadendo oggi... Beh, a voi la soluzione, non vorrete mica che io pensi che non sapete il finale..?? Saluti

MgK457

Lun, 01/08/2016 - 20:24

VIETIAMO L'ISLAM, ANTICOSTITUZIONALE.

paolonardi

Lun, 01/08/2016 - 21:17

Basterebbe che rispettassero chi non la pensa come loro e che non gli ammazzassero come comanda il corano.

Ritratto di V_for_Vendetta

V_for_Vendetta

Lun, 01/08/2016 - 21:37

sarebbe sufficiente vi toglieste dalle calle.

unz

Lun, 01/08/2016 - 22:27

a casa stronzo.

gesmund@

Mar, 02/08/2016 - 07:15

Ragionano da islamici, ma non hanno tutti i torti. Se nessuno è costretto, chi partecipa a una messa cristiana, anche passivamente, ne riceve le grazie soprannaturali, avendo assistito a un rito soprannaturale. In altre parole, è come se ne uscisse con la doppia cittadinanza, pur senza rinnegare la propria religione.

gesmund@

Mar, 02/08/2016 - 07:34

Per loro coprirsi il capo è un segno di rispetto, come lo era una volta per le nostre donne in chiesa. Il martirio di quel prete santo ha fatto il miracolo, ha scosso le coscienze degli uomini di buona volontà, ai quali Dio vuole bene. Chi partecipa al rito soprannaturale della messa cristiana, ne riceve le grazie, pur senza rinnegare la sua propria religione. L'Imam non deve temere niente. Cristo fa solo del bene, a tutti.

Mannik

Mar, 02/08/2016 - 08:22

Asimov, ma cosa sta scrivendo? Almeno aprire un libro di storia prima di commentare... La prima crociata è avvenuta oltre 400 anni (!) dopo la presa da parte dei musulmani. Le crociate non possono essere viste come risposta diretta. A parte il fatto che anche gli ebrei prima e i romani poi che lei si prodiga a citare in una sorta di storiografia tutta sua, hanno conquistato l'odierna Israele con la forza.

emigratoinfelix

Mar, 02/08/2016 - 08:26

per favore,per una volta diciamoci la verita':i media organici al sistema si sperticano per evidenziare la partecipazione di musulmani alle messe:erano circa ventimila,in tutta Italia a fronte di milioni di seguaci del Corano presenti nel Paese.Molti Imam hanno espresso perplessita' quando non un netto rifiuto.La ragione e' semplice.Una cosa e' il dialogo interreligioso,altro il tentativo di far lentamente scivolare verso un assurdo a mio avviso sincretismo religioso le grandi fedi monoteiste,secondo un disegno caro alle varie consorterie massoniche da sempre,che vorrebbero tutti intruppati sooto la guida di un fantomatico Grande Architetto dell'Universo.

GianGas

Mar, 02/08/2016 - 08:43

Omar El Mukhtar Lun, 01/08/2016 - 19:43 "Franz Josef ecc., ecc. Chissà perché l'Islam è l'unica religione monoteista che cresce tanto. E da qualche anno ha anche superato il cattolicesimo per numero di fedeli. Mistero...." contiamo anche le migliaia di conversioni forzate con minacce di morte?? faccia il piacere, stia zitto...

Lino.Lo.Giacco

Mar, 02/08/2016 - 08:52

vorremmo semplicemente che chi non rispetta le nostre regole, le nostre leggi a prescidere dalla religione, se ne stesse a casa propria. Il problema non e' tra cristiani e musulmani il vero problema e' culturale e tra popoli diversi, che non potranno mai integrarsi. Perche' uno di questi non ha il minimo rispetto dell'altro. C'e' un popolo che chiede di essere accolto e un altro che deve accoglere,io penso che chi chiede di essere accolto pur pregando il suo Dio, diritto inalienabile non puo' non rispettare le leggi di quel paese non puo' considerare infedeli i cittadini che lo dovrebbero accogliere e integrare, meglio farebbe a starsene nel proprio paese, possiamo sopravvivere anche senza, lo abbiamo fatto per moltissimi anni...

Angiolo5924

Mar, 02/08/2016 - 12:31

Mannik, e lei cosa scrive? Le Crociate sono terminate quasi ottocento anni fa. Quindi, cosa vanno cianciando i suoi amicuzzi con questo mantra dei "crociati", adesso? E comunque, bene o male, sono loro che sono arrivati nel 600 d.C. (dopo Cristo!) e si sono presi tutto, tagliando gole e impalando gente (pratiche simpaticamente da noi ricambiate, ma troppo poco). E, secondo loro, noi dovremmo metterci proni. Quando il mondo occidentale, prima o poi dovrà succedere anche perchè ce lo stanno tirando per i capelli, si sveglierà ne vedranno delle belle, ma non si divertiranno tanto.

luigiB3

Mar, 02/08/2016 - 13:08

Diciamocela tutta: chi viene in Italia viene qua per fare l'italiano. Il perche' puo' essere perche' appunto gli piace la lingua, il mangiare, il divertimento e tutte le cose piu' o meno italiane. Se viene qua per fare quello che faceva nel suo paese imbroglia e o ci vuole imporre le cose che fanno nel suo paese. Una donna deve voler vivere in Italia per togliersi il velo e la gonnona lunga fino a dopo i pie'. Dovrebbe volere farsi la permanente o tingersi i capelli; vestire la minigonna ed avere in mostra il suo bel décolleté. Ecc. ecc. ecc.. No, arriva qua e insiste col indossare il burqa. Cosi' vuole fare la turita e quindi varrebbe il visto turistico e non stabilirsi qua col suo uomo e i suoi tanti figli chiedendo e moglio pretendendo diritti. Mi sa che sono tanti cavallini di Troja.