L’incidente a George Clooney: ecco il momento dell’impatto

Un filmato esclusivo del Corriere della Sera mostra il momento esatto dello schianto tra Clooney e la Mercedes di un 65enne

Lievi ferite, contusioni, un trauma al ginocchio e una corsa all'ospedale. Si può riassumere così la giornata di paura vissuta da George Clonney, investito mentre era alla guida della sua moto sulla statale 125 in località Costa Corallina (in provincia di Olbia).

Lo scontro

Se da una parte c'è il celebre attore di Hollywood, dall'altra troviamo, Antonello Viglino, 65 anni, termoidraulico e nonno. Alla guida della station wagon che ha centrato Clooney, c'era proprio lui. Un uomo tranquillo che mai avrebbe pensato di passare alla storia come l'uomo che travolse il noto divo americano.

Uno scontro fortuito: Viglino arrivato all'incrocio per la Marina di Costa Corallina ha accennato una svolta a sinistra quando un motociclista gli è piombato addosso. Quando è sceso frettolosamente per aiutarlo e l'uomo si è tolto il caso, il 65enne è sbiancato: "Hai messo sotto Clooney", gli hanno urlato gli uomini della scorto. Frastornato ha risposto: "Chi?". "Clooney... l’attore... quello che gira il film all’aeroporto".

Il termoidraulico si dispera: l'ammaccatura sulla macchina provocata dalla testa di Clooney difesa dal casco è notevole. "Non ci ho visto niente avevo il sole sugli occhi, stavo per girare, ho superato di poco la linea...", ammette il guidatore. E ancora: "Sono sconvolto. Non me la sento di andare a lavorare". L'agitazione e lo choc lo costringono a casa. Non riesce ad andare a lavorare, e ammette: "Mi hanno detto che era ricoverato, volevo andare a trovarlo ma quando stavo per uscire ho saputo che l’avevano già dimesso. Lo cercherò ancora e se vorrà ricevermi...".

I secondi prima dell'impatto

Come spiega Il Corriere che pubblica il video esclusivo dello schianto (clicca qui per vederlo), insieme all'attore c'era un bodiguard. Nei momenti che precedono l'impatto, la guardia del corpo evita la Mercedes, mentre Clooney non riesce a schivarla e viene colpito. Un testimone, Gianni Visciano, fermo allo stop con il suo camioncino spiega al Corriere: "Gridava e quando l’uomo della scorta gli ha tolto il casco, sembrava non potesse muovere le gambe e si teneva la testa".

Commenti

cgf

Mer, 11/07/2018 - 13:11

si però... hai le guardie del corpo e te ne vai in giro con lo scooter? magari anche con i fari spenti.

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Mer, 11/07/2018 - 14:37

Se io fossi nell'idraulico gli chiederei una parte nel film! Il destino non ha di certo scelto a caso...

Angelo664

Mer, 11/07/2018 - 14:43

Meno male che c'e' il video ! Devo dire che questo 65 enne e' stordito e non poco. Se hai il sole negli occhi non giri alla cieca. Anzi .. ti fermi e fai di tutto per accertarti che quel che non vedi non celi qualche cosa di poco rassicurante come un autocarro per esempio. Il tipo era a cavallo della riga bianca quindi invedeva nettamente la corsia opposta. LA guardia del corpo poteva anche rallentare e stessa cosa fare il George, sapendo che circola certa gente stordita. Ma non l'hanno fatto ed il tizio non contento dell'aver sfiorato la prima moto rimane in mezzo fermo ma a cavallo della mezzeria. In piu' non c'erano vie di fuga perche' sulla destra c'era il furgone. 100% colpa del 65enne. Senza dubbio.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Mer, 11/07/2018 - 17:07

Mica tanto colpa dell'automoobilista al 00% Io v vecchio motociclista, sarei andto molto più piano dato che ci sono molto incroci a raso, l'auto era ferma, la linea tratteggiata. Ci sta tutto chhe abbia avuto il sole negl'occhi, bsta andare da quelle parti in estate per rendersene conto. Direi che é al 50 e 50 %, e poi la guardia del corpo poteva anche rallentare e prevenire, come ogno buon motociclista d'altri tempi ha sempre fatto, ma no. Oggi passano con prepotenza .

Divoll

Mer, 11/07/2018 - 20:38

Posso dire che mi dispiace piu' per il termoidraulico e nonno?...

Angelo664

Mer, 11/07/2018 - 23:28

no siredicorinto. se guardi le altre immagini scopri che lo stordito era completamente sulla carreggiata opposta. Ovvero totalmete nel torto. Se hai il sole negli occhi metti gli occhiali e non metti in pericolo la vita altrui.