L'ad di Etihad è a Fiumicino e scatta lo sciopero bianco

Centinaia di bagagli a terra: proteste del personale Alitalia contro gli arabi penalizza solo passeggeri e turisti. Lupi: "Intollerabile"

Il presidente e a.d della compagnia Etihad James Hogan è a Roma per discutere gli ultimi dettagli sull’accordo con Alitalia. È sbarcato all’aeroporto di Fiumicino, poco prima delle sette di questa mattina, con un volo Etihad proveniente da Abu Dhabi. Ma la situazione che si è trovato davanti non è certo una delle migliori: centinaia di bagagli in transito sono ancora bloccati. I colli, stipati sui carrellini portabagagli, giaciono per ore nella apposita struttura dalla quale normalmente poi vengono caricati a bordo degli aeromobili. È la conseguenza dell’assemblea spontanea dei lavoratori Alitalia che si è svolta ieri e della applicazione letterale, a partire a quanto si appreso dalla scorsa domenica, delle procedure da parte degli addetti al carico e scarico bagagli della compagnia, una sorta di "sciopero bianco".

Migliaia di valigie restano abbandonate sulle piste. Inutili gli sforzi della compagnia Alitalia che da lunedì ha messo in campo alcune squadre aggiuntive per tentare di smaltire il numero di colli ancora non consegnati o imbarcati. Tanto che numerosi aerei continuano a partire con le stive vuote. "I lavoratori fanno il loro dovere, applicando il contratto come previsto dalla normativa - spiega Paolo Pagnotta, segretario territoriale della Cgil - Stanno garantendo l’indice di produttività e tutto il contributo umano che può essere dato, ma non di certo come i ritmi che vengono sostenuti in altri momenti". Procedure rispettate alla lettera e quindi operazioni rallentate al massimo. Una sorta di "sciopero bianco" dei facchini che ha scatenato il caos nel settore bagagli. "Siamo partiti domenica ma, giunti in Sicilia, abbiamo appreso che i bagagli non ci avevano seguito - racconta Giuseppe Costanzo, manager diretto a Palermo con la moglie, al Corriere.it - per fare la denuncia abbiamo atteso oltre due ore: la fila per segnalare il bagaglio perso era infinita. C’è il caos negli aeroporti per quel che succede a Roma-Fiumicino. Una vergogna". Non è l'unico. "Ci hanno rovinato le vacanze", si lamentano alcuni.

Lo "sciopero bianco" dei bagagli rischia di creare via via problemi sempre maggiori all'aeroporto. Ieri mattina, per esempio, un aereo della compagnia americana Us Airways è stato urtato da un carrello-scala portabagagli riportando uno squarcio nella carlinga da 30 centimetri. Il volo è stato sospeso e i 297 passeggeri sono stati trasferiti in hotel.

"Quello che sta succedendo all’aeroporto di Fiumicino per lo smistamento dei bagagli - ha detto in serata il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi - è intollerabile e incomprensibile". La prefettura di Roma pronta a precettare gli addetti ai bagagli.

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 05/08/2014 - 13:29

Attenti che tra un poco dovete rispettare le procedure di mobilità, così poi andate a sposate le valigie in altri lidi.

Magicoilgiornale

Mar, 05/08/2014 - 13:32

EVVIVA! Ma perche' non fallisce! Cosi, i dipendenti alitalia, imparano a vivere!!!

Magicoilgiornale

Mar, 05/08/2014 - 13:34

Mi chiedo: ma Etihad sa come sono fatti gli italiani?

lamwolf

Mar, 05/08/2014 - 13:43

La solita cialtronata all'italiana una compagnia da decenni allo sconquasso ma guarda caso ci sono compagnie di bandiera e private in attivissimo.

restinga84

Mar, 05/08/2014 - 14:17

Una volta terminato lo sciopero.detto,BIANCO,la conclusione sconclusionata all`italiana,quale sara`? La Cgil e`la grande protettrice dei lavoratori come lo e`Fiom.La Etihad e`appena sbarcata in Itslis e, era giusto, organizzare una calorosa accoglienza al suo AD.No?

gneo58

Mar, 05/08/2014 - 14:34

chiudete Alitalia e mandate a zappare (nel vero senso della parola) tutti i dipendenti, il paese ne guadagnerà sicuramente. Ah, dimenticavo, sbrigatevi perché tra un po' Alitalia diventerà AliEthiad al 100%, sede fuori e i dipendenti Italiani non troveranno posto neppure nelle campagne.

giosafat

Mar, 05/08/2014 - 14:47

James Hogan avrà già avvisato a casa che gli preparino ben affilata la sua fida scimitarra: di teste da mozzare ne avrà individuate a iosa. Buon lavoro!

giomag42

Mar, 05/08/2014 - 14:52

Sono negli USA da ormai ventotto anni e non sono stato mai cosi content di avere lasciato PER SEMPRE il "mio paese" (si fa per dire...) Qundo proprio devo rientrate in Italia, per un breve periodo s'intende, EVITO certosinamente ogni volo che fa scalo a ROMA. Fiumicino e' lo specchio dell' Italia! Caos, fatiscenza, sindacati, nullafacenti...e chi piu' ne ha piu' ne metta. Vuoi mettere Monacoco, Francoforte, Amsterdam..etc. etc. Gli italiani se lo meritano! Mi spiace solo che siano coinvolti migliaia di innocent turisti stranieri (l'anno prossimo voglio proprio vedere se sceglieranno di nuovo il..."bel paese"...)

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mar, 05/08/2014 - 14:59

L´ITALIA É SULLA VIA DELLA TOTALE DISTRUZIONE PERCHÉ MANCA TOTALMENTE DI INTELLIGENZA E CULTURA... Occorrerá a questo punto mettere in evidenza quello che sta succedendo nel Paese perché certo é che i minorati che usurpano attualmente i luoghi della Informazione e Cultura nella loro raccapricciante bassezza non ne hanno la minima idea ... Intelligenza é la capacitá di creare benessere e valore a se stessi e agli altri. Questo "a se stessi e agli altri" é un unico e indivisibile tuttuno. Affinché esista questa apertura verso gli altri c´é bisogno di generositá. Senza di questa c´é solo la ristrettezza mentale della vigliaccheria e dell´egoismo, c´é solo il pidocchiume dell´interesse di parte e la imposizione della violenza a chi ne é fuori, solo c´é delinquenza e la totale mancanza di comprenzione di ció che serve a tutti e al Paese ... Il Paese muore perché la vigliaccheria e l´egoismo delinquente é la essenza di un apparato "pubblico" di luridi pidocchi sopra le fabbriche che chiudono, i lavoratori senza lavoro e i giovani senza nessun futuro che non sia appunto la impotenza, la disperazione con l´unica uscita possibile che é quella della barbarie e della delinquenza ... Le misure che solo riescono a comprendere e a imporre questo ammasso di pidocchi che hanno in mano la politica, la giustizia, la economia del Paese sono solo quelle dell´autoritarismo della ottusitá e della prepotenza sopra il Paese che muore ... Dare forza alla repressione che é quello che l´apparato "pubblico" italiano solo riesce a fare per salvare se stesso sopra la pelle delle delle forze produttive serve solo ad accartocciare sempre di piú il Paese e a spingerlo a una drammatica e inevitabile rottura ... É tutta gentuccia quella che governa questo Paese ... Senza la piú pallida capacitá di comprendere quello che é fuori della miseria della loro vigliaccheria, del loro egoismo e della loro ignoranza ... Per quanto puó sembrare semplice e inoppugnabilmente logico questi mentecatti non possono comprendere che quello che il Paese ha bisogno per tornare a vivere é, a distanza di 25 anni dalla caduta del Muro di Berlino l´abbattimento del loro sudicio Muro di bassezza e repressione e fare quello che fece GORBACHOV : "FALLIMENTO E LIQUIDAZIONE DELL´APPARATO STATALE PARASSITA" sopra il Paese che muore ... Brutti pidocchi, pensate di essere tanto furbi ma quello a cui conduce la vostra zucca marcia é solo la distruzione del Paese e anche del vostro ripugnante sistema mafioso ... Ma a voi che cosa importa? ... A voi importa solo che con la menzogna e l´inganno sopra la pelle dei lavoratori ci siete diventati ricchi.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mar, 05/08/2014 - 15:04

ETIHAD ma che cosa ci stai a fare? ... Lascia perdere questo Paese che cade nel burrone della vigliaccheria, della ottusitá e della prepotenza.

gioch

Mar, 05/08/2014 - 15:04

Non demordono!Mangiapane a tradimento,distruttori dell'industria italiana.Chi sono?Quelli che il capitalismo è al servizio del proletariato(si fa per dire).Brutta razza! i sindacalisti italiani.

Ritratto di lucianoch

lucianoch

Mar, 05/08/2014 - 15:45

"Qui incomincia l'avventura del signor Bonaventura" solo che in questo caso Bonaventura se ne va e qui non lascia nemmeno un euro

blackbird

Mar, 05/08/2014 - 15:58

Bel colpo! Questi capitalisti-schiavisti venuti dalla penisola araba devono capire subito che qui in Italia non si scherza! I diritti dei lavoratori, e i loro posti di lavoro sono sacrosanti! Se adesso si volessero tirare indietro, gli arabi intendo, dovrebbero sborsare comunque dei bei bigliettoni! Lotta dura senza paura! Bandiera rossa vincerà!

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Mar, 05/08/2014 - 16:04

Questi, come sempre, istigati dai sindacati che hanno sempre difeso i vagabondi, che cosa credono di fare?, purtroppo, o meno male, la cuccagna è finita, certamente i tagli colpiranno anche chi non ha colpe e non è giusto, proporrei per primi licenziate i sindacalisti che non fanno nulla

Ritratto di moshe

Anonimo (non verificato)

Ritratto di danutaki

danutaki

Mar, 05/08/2014 - 16:41

@ Blackbird....troppo alccol anche se in vacanza ...non fa bene !!!

Ritratto di lucianoch

lucianoch

Mar, 05/08/2014 - 16:46

per blackbird 15,58 Non capisco se hai fatto una battuta o parli sul serio perchè mettere a confronto "dei bigliettoni" con una compagnia aerea che va in fallimento non mi sembra troppo realistico. Stannno facendo dei giri turistici controllat in Corea del Nord, telo suggerisco

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 05/08/2014 - 17:13

I sindacati, dovrebbero essere messi tutti al muro!!! Cosa centrano i turisti??? Che facciano una marcia verso il parlamento, quando i Kompagni stanno facendo finta di lavorare !!!

michele lascaro

Mar, 05/08/2014 - 17:22

Gli iscritti al sindacato, che hanno scioperato, si trovano, iscritti d'ufficio, anche nella sezione "Trinariciuti del XXI secolo". Di questo passo si troveranno ben presto con il bottom a terra. (non ho scritto la corrispondente parola italiana per non offendere i benpensanti del politically correct).

piertrim

Mar, 05/08/2014 - 17:54

Costoro non difendono i posti di lavoro ma solo il loro stipendio.

Anonimo (non verificato)

chicolatino

Mar, 05/08/2014 - 18:28

giomag42:sottoscrivo ogni sua parola,anch'io vivo negli usa anche se da meno anni...saluti

blackbird

Mar, 05/08/2014 - 18:37

Ci sono voluti oltre 30 anni di dure lotte sindacali per portare Alitalia alla situazione attuale. 30 anni fa nessuno avrebbe voluto comprare la compagnia di bandiera (anzi, era Alitalia che ensava di comprare KLM). Adesso che tutti la corteggiano (Airfrance, L'Allegra Cordata Italiana, Etihad, e tutti gli altri in fila per l'asta Padoa Schiopp-Prodi) volete che i lavoratori lascino che Alitalia ritorni a quello che era 30 anni fa? Avanti popolo finché fallirà!

ESILIATO

Mar, 05/08/2014 - 19:28

ALITALIA DEVE FALLIRE.....cancelliamo questo simbolo negativo dell'Italia e ne avremmi solo da guadagnare di prestigio e rispetto.

Ritratto di bracco

bracco

Mar, 05/08/2014 - 21:08

Italiani...brava gente, schiavi della cgil . C'è da chiedersi il motivo perché uno deve impegnare dei capiteli con questi cialtroni

mich123

Mar, 05/08/2014 - 22:47

Quello che rende perplessi nella saga dell'Alitalia, oltre ai soliti parassiti della repubblica nei C.A., é il numero degli esuberi. Migliaia, un esodo di proporzioni bibliche. Ma chi ha assunto tutta questa gente? Sono questi i posti di lavoro che i politici si vantano di creare?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 06/08/2014 - 00:35

Questo sciopero dimostra che certi lavoratori meritano di venire licenziati. Un bel repulisti in Alitalia sarà molto più efficace dei capitali degli arabi. La compagnia tornerà in attivo appena il personale verrà "depurato" dei trinariciuti.

brusa2511

Mer, 06/08/2014 - 04:18

Tutti a casa senza indennita' e cassa integrazione, non meritano piu' niente !!!!!

michaelsanthers

Mer, 06/08/2014 - 06:05

questi signori andrebbero licenziati immediatamente,ancora non hanno capito che l'accordo è l'ultima spiaggia,bisogna pregare che non ci ripensino a comprare un carrozzone sfasciato,chiaramente gli esuberi sono a causa delle raccomandazioni politiche

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 06/08/2014 - 07:45

lavoro nel settore privato. ho 5 settimane di ferie all'anno ma ne riesco a fare si e no una. l'orario di lavoro e' di otto ore ma per via della mia attivita' e' necessario dedicarne almeno 12 o 13 al giorno. quando viaggio, spesso parto il sabato o la domenica (ovviamente niente straordinario, pre-festivo/festive). Se dovessi applicare il regolamento aziendale alla lettera, tempo 12 mesi e mi dovrei cercare un altro impiego. Niente sindacati. Non sono l'unico che fa questa vita. L'azienda per la quale lavoro e' sana, prospera e con un future brillante. Io sono orgoglioso di esserne parte. Poi leggo certe notizie. Subumani lobotomizzati dai sindacati comunisti che si avviano alla disoccupazione. Privi di interessi se non quello di rovistare nei bagagli altrui e faticare il meno possibile per poi andare al baretto della Magliana a bere una Peroni. ci vorrebbero le fruste per certa gentaglia.

swiller

Mer, 06/08/2014 - 07:47

Chiudete questa merda di compagnia, e licenziateli senza paracaduti vari, come succede agli altri operai A CASA.

Ritratto di filatelico

filatelico

Mer, 06/08/2014 - 08:18

Bisogna avere il coraggio di licenziarli TUTTI!!!! Se io fossi Etihad lascerei perdere l'ITALIA E QUESTI FANNULLONI!!!

albertzanna

Mer, 06/08/2014 - 09:32

GRAZIE Camusso, grazie Landini, Grazie Fiom, grazie sindacati italiani tutti. Voi si che fate il bene.......... del sindacato, bilanci miliardari, soldi a palate nascosti non si sa dove e niente tasse da pagare. Ma i cosi detti "lavoratori" iscritti al sindacato, con trattenuta obbligatoria in busta paga ogni mese che va a finire in tasca ai delegati sindacali, sempre sotto il vostro tallone. Voi si che sapete come risolvere i problemi del paese. Tanti anni fa, un tale chiamato il Migliore, alias Palmiro Togliatti, perse le elezioni del 1948, quando il suo programma per il paese era di farlo fagocitare dall'URSS staliniana e farlo diventare parte del "paradiso in terra", dove la miseria, dei gerarchi del Cremlino, sarebbe finita, e la felicità eterna (RIP - Requiestat in pace) garantita al popolo, che così non avrebbe sofferto per la miseria più nera. Quel giorno Togliatti decise un programma alternativo, fare dell'Italia il paese più ingovernabile del pianeta. Così inventò i sindacati di sinistra e la magistratura politicizzata dal PCI. I risultati si vedono tutti i giorni, tessuto industriale ed artigiano del paese in via di distruzione definitiva e sindacati, di tutti i colori, sono tutti responsabili, che non accettano alcun programma di lavoro, perché il loro scopo unico è creare il caos più completo, secondo il principio sacro al comunismo: TANTO PEGGIO, TANTO MEGLIO!! Questa è l'Italia che sognano i sindacalisti, dalla Camusso in giù. Accidenti a Garibaldi e Cavour. Albertzanna

gneo58

Mer, 06/08/2014 - 10:31

per ALBERTZANNA - esatto ed il lavaggio del cervello per creare sempre più sinistrati sembra funzioni a meraviglia - bisognerà attendere che la popolazione sia alla fame totale (nel vero senso della parola) forse allora qualcosa cambierà.