"Ecco la legge razzista del Pd che favorisce rom e sinti"

La gestione dei nomadi in Emilia Romagna. Nel 2015 la legge della giunta Bonaccini. Le proteste del centrodestra

In teoria la legge regionale voluta dal Pd in Emilia Romagna dovrebbe garantire ai nomadi "parità di trattamento" e assenza di "discriminazione". Nella pratica, però, il piano messo in campo da Bologna a qualcuno sembra piuttosto una "legge razziale che discrimina gli italiani" perché favorisce i sinti rispetto a tutti gli altri. "Un cittadino che non appartiene alla comunità sinta o rom non può accedere ai progetti riservati a quelle etnie - dice senza metti termini Umberto Bosco, consigliere comunale della Lega - E questo è discriminatorio".

A Bologna per superare una grande (e problematica) area sosta per sinti nel quartiere Navile, zona nord della città, la giunta Pd ha pensato di trasferire 30 sinti in due microaree familiari: stesso principio (piazzole, case mobili, bagni in comune), con la "pia illusione" che possano ridurre il degrado e la ghettizzazione (leggi qui). Il costo per i cittadini è da capogiro: circa 300mila euro solo di opere pubbliche (leggi qui), che si vanno a sommare ai circa 900mila euro spesi in 9 anni per luce e acqua del campo. "A casa mia le bollette le pago io - attacca Galeazzo Bignami, deputato bolognese di FdI - Non le faccio pagare ai cittadini. Non possono sempre vivere a nostre spese". A infastidire alcuni, però, non è solo lo sperpero di denaro, ma soprattutto i "troppi favoritismi" concessi ai nomadi. Il programma comunale lo mette nero su bianco: le nuove microaree saranno utilizzabili "esclusivamente" dai "nuclei appartenenti alla comunità rom e sinta selezionati dai servizi comunali". Tradotto: se un comune residente si trovasse in difficoltà e non fosse ancora in lizza per una casa popolare, non potrebbe ottenere la piazzola dove parcheggiare una casa mobile.

(Infografica di Alberto Bellotto)

Il piano piddino per il superamento dei campi non prevede solo il trasferimento dei nomadi in due microaree pubbliche. C'è anche una seconda opzione, ovvero la costruzione di microaree private in terreni acquistati dagli stessi sinti. A Bologna per ora ne è stata approvata solo una. Una famiglia ha dimostrato di essere proprietaria di un appezzamento di terreno e il Comune darà l'autorizzazione a viverci. Dato non secondario, questo. La legge regionale di Bonaccini&co, infatti, garantisce ai nomadi deroghe urbanistiche non indifferenti. Il caso pratico è eloquente: la microarea privata sarà in via Benazza, in un territorio "rurale" in "ambito agricolo di rilievo paesaggistico". Il sito comunale spiega che in queste zone deve essere "esclusa la possibilità di realizzare nuovi edifici ad uso abitativo su fondi agricoli che ne siano sprovvisti". Ma i sinti ci piazzeranno casa mobile e potranno costruire pure altri due prefabbricati. "Il Pd ha permesso ai nomadi di edificare in zone dove non sarebbe possibile - dice Bosco - se lo facesse un cittadino qualunque, sarebbe condiderato un abuso edilizio".

(Infografica di Alberto Bellotto)

La "disciplina di favore" è stata codificata da una delibera regionale della giunta Bonaccini, oggi candidato nuovamente a governatore. La novità è importante: in passato, quando i sinti hanno creato insediamenti in terreni agricoli dove non vi era permesso, erano stati (ovviamente) invitati a demolire. Si chiamava abuso edilizio. La nuova legge, invece, stabilisce che l'individuazione delle microaree "non comporta la modifica della destinazione urbanistica delle stesse". Cosa significa? Che un territorio rurale non deve essere trasformato ufficialmente in "residenziale" per costruirci il mini-campo. Questo perché "si tratta di un uso speciale" pensato apposta per i nomadi. Una specialità che "comporta maggiore elasticità per l'Amministrazione comunale nello scegliere" dove piazzare i nuovi campi, permettendogli di "prescindere da vincoli e prescrizioni che limitino la possibilità di stabili trasformazioni del suolo a fini residenziali". Non solo: grazie alla legge Pd, le microaree non sono nemmeno soggette "alla disciplina che attiene ai vincoli che gravano sul territorio". Una manna giustificata dal fatto che (in teoria) gli insediamenti dovrebbero essere temporanei, giusto il tempo di instradare i Sinti verso altre sistemazioni. Beata innocenza. "I nomadi si stabilizzeranno - scommette Bignami - e alla fine non se ne andranno più".

Commenti

effecal

Mer, 04/12/2019 - 08:22

il disprezzo, il livore che hanno i bravi comunistelli nei confronti dei cittadini italiani è una patologia da studiare può riservare interessanti sviluppi clinici.

leopard73

Mer, 04/12/2019 - 08:27

Komunisti da schifo che generano solo odio poi danno la colpa ai sovranisti!!!!

VittorioMar

Mer, 04/12/2019 - 08:30

..E' stata interpellata la Commissione SEGRE ???

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mer, 04/12/2019 - 10:02

Ma le delibere comunali o regionali non devono essere costituzionalmente fattibili e per tutti i cittadini,pena la loro nullità? Due sono le cose o gli emiliani si fanno infinocchiare a tal punto da non rendersi conto di quello che gli gira intorno o sono tutti complici assieme alla magistratura che avvalla tutto ciò contro le leggi vigenti a danno dei cittadini italiani che le rispettano .

lavitaebreve

Mer, 04/12/2019 - 10:05

UN CONSIGLIO PER TUTTI QUELLI CHE ANCORA VOTANO I COMUNISTI : FATEVI VISITARE, FATEVI CURARE, CI SONO TANTI BRAVI PSICOLOGI E PSICHIATRI.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 04/12/2019 - 10:05

ma ancora date i voti al PD, e insultate Berlusconi? poveri babbei.... :-)

lavitaebreve

Mer, 04/12/2019 - 10:11

UNA COSA DEL GENERE FATTA AL CONTRARIO SAREBBE INTERVENUTA LA MAGISTRATURA.

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Mer, 04/12/2019 - 10:14

Resta un mistero del perché da quelle parti si continui a votare PD, deve essere qualcosa di cronico, speriamo che quel virus venga debellato alle prossime elezioni.

Alain#

Mer, 04/12/2019 - 10:17

Certo che sentire i leghisti dare del razzista a chi non la pensa come loro è uno spasso che non ha prezzo... ahaha...

dredd

Mer, 04/12/2019 - 10:17

Mi raccomando, votateli

ziobeppe1951

Mer, 04/12/2019 - 10:50

Alan cancelletto...non vi è peggior razzista di chi si reputa “antifascista “

Arslan

Mer, 04/12/2019 - 11:37

Paolo_Trevi (10:14)....bella domanda....ma valuti anche altre cause possibili....

Alain#

Mer, 04/12/2019 - 11:44

ziobeppe1951: lei ha le idee un po' confuse... i fascisti sono razzisti per ideologia, non a caso in una repubblica democratica essere fascisti è un reato. Ma queste cose stanno sui libri, basta leggerli...

ziobeppe1951

Mer, 04/12/2019 - 11:59

Alan cancelletto...esatto ..in una repubblica democratica essere fascisti è un reato...ma LORO credono sempre che riguarda quelli che non la pensano col pensiero unico...oltre a marx e saviano..cos’hanno letto?

cuoco

Mer, 04/12/2019 - 13:00

Ci andrei cauto a parlare di leggi razziali visto il nostro poco onorevole passato in materia

killkoms

Mer, 04/12/2019 - 13:30

I bravi companeros!

agosvac

Mer, 04/12/2019 - 13:33

Ottimo! I cittadini sanno, i cittadini votano, i cittadini difficilmente voteranno per il PD che favorisce i "rom e sinti" invece di loro.

maurizio-macold

Mer, 04/12/2019 - 13:45

Un progetto fatto per favorire l'integrazione di sinti e rom che prevede il loro trasferimento in micro aree pubbliche OVVIAMENTE non puo' riguardare i cittadini italiani, lo capirebbe anche un bambino dell'asilo. Invece i giornalisti autori dell'articolo ed i soliti forumisti legaioli contestano il progetto, e siccome non credo siano completamente dementi ne deduco che sono intellettualmente disonesti. E ricordo a tutti che la giunta di centro destra di Ferrara sta regalando case popolari a sinti e rom: di questo nessuno si indigna, ne' i giornalisti di cui sopra ne' i legaioli del forum?

Malacappa

Mer, 04/12/2019 - 14:03

Emiliano romagnoli se volete cambiare il 26 gennaio votate bene

Giorgio Colomba

Mer, 04/12/2019 - 14:17

Bologna "sazia e disperata" (card. Biffi), ma soprattutto affetta da una pervicace Sindrome di Stoccolma che la porta ad invaghirsi di ogni giunta rossa da cui farsi invariabilmente brutalizzare.

Ritratto di Loudness

Loudness

Mer, 04/12/2019 - 15:12

Alain# in una democrazia non dovrebbe esserci posto nemmeno per i comunistacci schifosi. tant'è che l'Europa che vi ci piace tanto (quando vi permette di farvi i comodacci vostri) con risoluzione del Parlamento Europeo del 20 settembre 2019 (535 voti a favore, 66 contro e 52 astenuti) condanna l'uso dei simboli comunisti equiparandoli a quelli del nazismo. Quindi i vari partiti, partitini, partitelli, centri spociali che si rifanno al Comunismo, sono illegali anche in Italia. Glielo dici tu a quelli di PMLI? A quelli di Rifondazione Comunista? A quelli de' il Partito Comunista? Ai centrosocialini un po' comunistelli?

killkoms

Mer, 04/12/2019 - 18:29

@ maurizio macold,ma se escludiamo i rom (che sono tutti stranieri) dalla graduatoria per le case popolari (solo perché non hanno mai cacciato una lira per costruirle) veniamo tacciati di razzismo.e i tribunali le cassano!