Macerata, inaugurata lapide per Pamela. Traini manda dei fiori

"Aiutateci a trovare verità e giustizia", ha chiesto la mamma della 18enne. L'autore del raid di Macerata, Luca Traini, ha mandato un mazzo di fiori

Un fiore di loto di cristallo posato sulle pietre che simboleggia la fragilità e la bellezza della vita. Questa è la forma della lapide posata per ricordare Pamela Mastroprietro. La 18enne romana era trovata morta lo scorso 31 gennaio dopo essere fuggita due giorni prima da una casa di recupero dalle tossicodipendenze nel Maceratese. Pamela era stata ritrovata fatta a pezzi in due trolley.

La cerimonia

Questa mattina, sul terrapieno vicino al luogo in cui furono abbandonati i due trolley, è stata inaugurata la lapide in memoria della giovane. Numerose le persone presenti alla cerimonia insieme ai genitori e altri congiunti della ragazza. "Aiutateci a trovare verità e giustizia", ha chiesto la mamma della 18enne.

Per il delitto è accusato il nigeriano Innocent Oseghale, detenuto ad Ancona. Ma le indagini dei carabinieri del Comando provinciale di Macerata e coordinate dalla locale procura non sono concluse.

Presente alla cerimonia anche Mirko Traini, che ha portato alcuni fiori da parte del fratello Luca Traini, l’uomo di Tolentino che pochi giorni dopo l'omicidio di Pamela, nel corso di un raid a sfondo razzista, ha sparato sei colpi di pistola contro gli immigrati nelle strade del Macerata.

Commenti

VittorioMar

Dom, 09/09/2018 - 17:48

...e la sezione locale del PD ,non ha fatto un marcetta con bandiere e foto di MARTINA E ORLANDO ??..c'era il Sindaco ?...e l'ANPI ?..e i centri sociali ?..quanta gente c'era...idealmente presente !!..Povera Pamela ancora senza giustizia !!..ma è colpa di SALVINI !!

REX5000

Dom, 09/09/2018 - 18:16

Le magliette rosse dove sono, a Catania in attesa di una nave

mariod6

Dom, 09/09/2018 - 18:49

Traini è in galera, gli stupratori clandestini, pluri-pregiudicati, richiedenti asilo e spacciatori, invece, sono fuori. Bravi magistrati che ad ogni occasione invocate la vostra indipendenza. E da chi ??? Certamente indipendenti dal popolo italiano che dovreste difendere e che invece massacrate in nome dell'accoglienza pelosa che ingrassa solo le vostre coop rosse. BRAVI -BRAVI - BRAVI !!!!!

snow.white

Dom, 09/09/2018 - 18:54

Chi agisce per difendere una donna da un atto di violenza merita sempre rispetto ed onore. Chi usa violenza contro una donna è una bestia, a prescindere dal colore della pelle che, in questo caso, era nera. Non c'è odio razziale.

Gianni11

Dom, 09/09/2018 - 19:00

Luca Traini ha fatto bene. Se lo Stato non butta fuori dall'Italia la feccia clandestina che infogna la strade del NOSTRO Paese e fa' addirittura a pezzi la nostra gente allora lo deve fare il popolo italiano. Chi favorisce l'invasione, come le toghe rosse, puo' andare all'inferno con la feccia clandestina. L'Italia agli italiani!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 09/09/2018 - 19:49

E sotto non hanno scritto "squarciata da bestie nigeriane, portate qui e difesi dai comunisti, dediti alla frode, spaccio, stupro e omocidio". In memoria della vittima e della responasbilità della sua morte.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 09/09/2018 - 20:51

I fiori ai morti non servono piuttosto propendo a fare una corona di fiori per certuni che si arrogano l'aurea di salvatori della Patria ... con il qlo degli altri.

ziobeppe1951

Dom, 09/09/2018 - 21:29

Come par condicio ..almeno una lapide in ricordo al Senato..non solo per squadristi rossi

Darbula

Lun, 10/09/2018 - 09:34

Traini, nel bene o nel male, giusto o sbagliato, è stato l'unico a dimostrare un sentimento di rispetto e di umana pietà per questa bella e sfortunata ragazza.