Matteo e la maledizione del 40% alle Europee

Il rampante quarantenne ha perso il quid. Non parla più alla pancia del Paese. Ora arranca e perde il fascino elettorale

Renzi ha perso il quid. Non parla più alla pancia del Paese, neppure al cuore, tanto meno al cervello. Il rampante quarantenne che sfidava spudorato i vertici del Pd ora arranca, non stupisce, non incanta e perde il fascino elettorale. Quello che è strano è che tutto questo sta avvenendo in poco tempo. Ed è come un fuoco fatuo, di quelli che bruciano in fretta. La controfigura di Fonzie con il giubbotto nero e i pollici alzati ora puzza di perdente. Questo è il vero caso politico delle amministrative. Non è vero che non contano nulla, perché (sono il sintomo concreto di quanto si legge da tempo nei sondaggi sulla fiducia individuale. Il premier viaggia sotto quota 30 per cento, quella che politologi e analisti considerano una sorta di febbre del consenso. Quando si va al di sotto di solito si cade. Se Renzi resiste a Palazzo Chigi è perché in Parlamento è stato bravo e furbo nel raccattare e ricomporre pezzi di maggioranza. Ma fuori dal Palazzo è un'altra storia. Quegli stessi alleati utili nei corridoi di Camera e Senato sono una zavorra elettorale. Verdini è un equilibrista della politica parlamentare, un magnifico acrobata, ma non ha portato voti. Alfano, Casini, gli ex montiani e tutta la galassia centrista sono professionisti della poltrona ma è tutta gente da percentuali irrilevanti. Hanno ambizioni democristiane ma senza averne il peso. Di fatto Renzi ha sbagliato alleati. Si è smarcato dalle paturnie della sinistra masochista, ma il fantomatico «partito della nazione» resta un progetto di carta, senza fiato e sostanza. Senza carne.

Il sospetto è che Renzi paghi, appunto, quel 40 per cento delle elezioni europee. L'illusione di un Pd pigliatutto, un Pd rinnovato, un Pd che in quattro mosse cambia la faccia degli italiani. È da lì che viene la scommessa delle riforme istituzionali. È da lì che arriva la sicumera di dire: se perdo lascio tutto. Come si fa a perdere se da solo sei a un passo dalla maggioranza assoluta? Peccato che quelle elezioni fossero uno specchio bugiardo. Primo, nei numeri. Il 40 per cento nasconde la disillusione di chi non andò a votare o scelse schede bianche e nulle. Furono la maggioranza. Ma Matteo finse di non vedere. E così si gonfiò, si ubriacò, si sentì un predestinato, uno che non doveva chiedere nulla a nessuno. Quel successo fittizio ha cambiato Renzi o, semplicemente, gli ha tolto la maschera. L'audacia si è trasformata in arroganza, la leggerezza in irritazione, la sagacia in furbizia da fiera delle tre carte, le promesse in chiacchiere, i programmi in slogan, la simpatia in antipatia. La presunzione gli ha fatto commettere anche l'infelice scelta di trasformare il voto sulla riforma costituzionale in un referendum su di lui, convinto che l'Italia e gli italiani fossero ancora innamorati di lui, alimentando e compattando il voto contro. E a questo va aggiunto il clamoroso errore di snobbare le amministrative, anticipando di fatto la campagna elettorale per il referendum. Morale: comparando i voti di queste elezioni il «no» avrebbe il 62,5% mentre il «sì» appena il 37,5%.

Il Renzi di oggi è un uomo solo seduto sulla poltrona di Palazzo Chigi. Ha rottamato i vecchi senza creare nel Pd una classe dirigente di alto profilo. Questo perché Matteo non si fida praticamente di nessuno. Non riconosce i propri limiti né tantomeno i propri errori. Si è concentrato sulla conquista di pezzi di potere, snobbando il disagio degli italiani, così perfino Fassino, non certo un gufo della minoranza, sottolinea che il voto riflette una situazione di crisi sociale. Ha creduto di aver sempre ragione, che fossero solo gli altri a sbagliare, e questo ha fatto sì che l'Italia diventasse ai suoi occhi terra di gufi e sfigati. E su tutto questo l'ombra del cinismo, il potere per il potere, le epurazioni e la sensazione che chi tocchi Renzi non la passi liscia.

Commenti
Ritratto di malatesta

malatesta

Mar, 07/06/2016 - 14:56

Io cerco di non ascoltarlo...troppe bugie, troppi annunci senza seguito...un pallone gonfiato...

accanove

Mar, 07/06/2016 - 15:08

perchè qualcuno pensava che la brama di potere di Frottolo fosse ragionata? Vede quello che vuol vedere e cancella quello che non gli aggrada, se non sbatte le corna contro qalcosa di duro si alimenta della propria boria e presunzione speriamo che queste e quelle di ottobre sistimino gli equilibri togliendo ad un governo di minoranza il potere.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Mar, 07/06/2016 - 15:12

L'analisi non fa una grinza ed aggiungiamoci che quel 37,5% di italiani che gli danno ancora fiducia si riduce a circa il 24% degli italiani, se si comprendono i non votanti: in pratica un italiano su quattro!

agosvac

Mar, 07/06/2016 - 15:17

In effetti questo 40% alle europee, che poi erano il 40% del 50% di votanti, lo ha portato fuori di testa. Ha creduto di essere onnipotente, mentre invece non aveva nessun riscontro di voti reali. Altro errore è stato l'accordo con persone come verdini ed alfano che di per sé non avevano voti personali ma voti che erano di Berlusconi. In pratica renzi non è MAI stato sottoposto ad elezioni, non ha mai avuto un riconoscimento politico perché, è bene ricordarlo, le europee in fondo non sono elezioni politiche! Col referendum confermativo sulle riforme costituzionali si vedrà che fine farà renzi. Ora come ora sembra che i no siano superiori ai si. Se realmente i no saranno superiori ai sì tutto sarà demandato al Capo dello Stato, sarà lui a decidere se renzi è finito oppure se deve continuare a prendere in giro gli italiani.

rudyger

Mar, 07/06/2016 - 15:22

uomini,mezzuomini,cazzabubboli. quest'ultimo si addice al nostro fonzy.

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Mar, 07/06/2016 - 15:24

Ma speriamo che ora il popolo italiano abbia capito finalmente che raza di governo abbiamo, a Ottobre MANDIAMOLO A CASA VOTANDO NO se non vogliamo più essere presi in giro non soltanto da lui ma da tutti quelli che lo circondano

Renee59

Mar, 07/06/2016 - 15:28

Ecco cosa può fare la presunzione.

Reference

Mar, 07/06/2016 - 15:43

le precentuali sono una, scusate il pleonasma, una proporzione. Il 40% sbandierato era il 40% di una minoranza che ha votato. Lo so che fa effetto ma non si può non considerare che c'è una larga fetta di elettori che schifa quello che gli viene proposto. Renzi ha preso quei voti della sinistra che va comunque a votare. Non è né cresciuto né è calato. Ha fatto bella figura solo perchè una massa importante è stata a casa e si è tolta dal computo e che in maggioranza non voterebbe mai a sinistra, non vota perchè disillusa. I soloni dei commenti se ne facciano una ragione. La sinistra se vince è per culo.

01Claude45

Mar, 07/06/2016 - 15:47

Ci volevano ALMENO queste votazioni perché qualcuno cominciasse ad accorgersi chi napoletano ha messo a palazzo chigi un povero sbruffone di clawn(doverosamente in inglese per dire PAGLIACCIO ma FIORENTINO). Rensi, le GUASCONATE necessitano SEMPRE DI UNA GRANDE PERSONALITÀ che tu non hai.

settemillo

Mar, 07/06/2016 - 15:52

In parole povere? L'ASSOLUTO VUOTO A PERDERE ! Fra NON molto verrà ARCHIVIATO come qualsiasi foglio di carta da macero; ma preferisco la carta igienica, almeno quella è MOLTO utile.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 07/06/2016 - 15:55

rinnocent637- 15:24 "Ma speriamo che ora il popolo italiano abbia capito finalmente..." Già, speriamo che l'abbiano capito anche i "moderati" dell'opposizione responsabile. Quella che ha avuto qualche decina di occasioni per far cadere il magliaro e non le ha sapute o volute cogliere.

linoalo1

Mar, 07/06/2016 - 15:59

E dagliela!!!Renzi non ha preso il 40 percento dei voti in nessuna Elezione!!Se si facessero bene i conti e,poichè,la matematica non è un'opinione,secondo i Dati Ufficiali del Governo,alle ultime Elezioni Europee,i Votanti,sono stati 28.908.477 ed il PD,ossia Renzi,ha ottenuto 11.2222.755 voti!!Con una semplice divisione,risulterà che Renzi ha ottenuto il 27,7 percento dei voti!!Il 40 percento,si ottiene solo calcolando la percentule su tutti i votanti,ossia 49.256.203,solo se tutti avessero votato PD.!!!!

nordest

Mar, 07/06/2016 - 16:00

Renzi ricorda che i pagliacci non sempre fanno ridere.

Libertà75

Mar, 07/06/2016 - 16:03

finora non ha mantenuto nessuna delle promesse fatte... ma forse ci riuscirà prima di finire la legislatura

Libero1

Mar, 07/06/2016 - 16:03

Il voto degli italiani alle amministrative di domenica scorsa ha dimostrato che finalmente gli italiani si sono resi conti che hanno a che fare con uno bugiardo spavaldo buffone che tutti i giorni fa il giro nelle TV per raccontargli solo menzogne.L'ultima che si dimettera' da capo del governo se il NO vincera' al referendum.

Lucky52

Mar, 07/06/2016 - 16:09

Ormai in molti si sono accorti che è solo un pallone gonfiato, arrogante e pieno di bugie. Basta vedere in TV il modo straffotente con cui cammina, spesso mani in tasca con quei pantaloni spesso troppo corti.Brutta copia di Berlusconi.

conviene

Mar, 07/06/2016 - 16:15

Se un partito che chechè ne dica Grillo ha preso già 1000 sindaci su 1600 ed è al ballottaggio in vantaggio in quasi tutte le città non credo che arranchi. Certo poteva andare meglio. Ma se si dipinge come vittoria strepitosa quella di un partito come i cinque stelle che sono al ballottaggio in una manciata di città allora tutto è lecito. Come è lecito tacere sulla quasi scomparsa di F.I. a parte Milano e delle scoppole della lega che resiste solo in qualche feudo. Due anni di governo, anche se positivi, nel mezzo di una grave crisi certamente non possono portare consensi. Certamente è più facile parlare alla pacia della gente che alla testa. Anche se chi ha cavalcato la paura non mi sembra che abbia ottenuto grandi risultati. Poi vedremo come vanno i ballottaggi. Potrebbero esserci sorprese positive e negative per tutti.

gf43

Mar, 07/06/2016 - 16:16

per 01Claude45 'clown', non 'clawn'

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Mar, 07/06/2016 - 16:50

Articolo perfetto , grazie ! Io l'unico del Pd che mi era un pò simpatico era Letta , che mi pare una persona per bene ed un buon politico e poco arrogante a differenza dei suoi compagni di partito convinti di essere antropologicamente superiori.

cesarebergonzi

Mar, 07/06/2016 - 17:09

Succede solo in Italia: più bugiardi e avidi si è e più difficile è rimuovere gli individui in questione.ll popolo sovrano sarà in grado con il referendum di ottobre di spazzare via chi ci governa con sprezzo, arroganza e inaudita incompetenza. Se non ci sarà questo passaggio ci terremo l'individuo e i suoi tira piedi per altri 2 lustri almeno. Mai sudditi!!.

Giorgio1952

Mar, 07/06/2016 - 17:11

Storicamente chi è al governo perde le amministrative, Verdini quando era con il Cav veniva descritto come un abile tessitore dietro le quinte, adesso perché sostiene il governo “è un equilibrista della politica parlamentare, un magnifico acrobata”! La galassia centrista è costituita da “professionisti della poltrona ma è tutta gente da percentuali irrilevanti”, come la Meloni e Salvini a livello nazionale. “Di fatto Renzi ha sbagliato alleati”, si perché Berlusconi li ha sempre scelti bene! Parole sue “Casini/Fini orridissimi”, “Alfano traditore”, Fitto, Bondi, etc.etc. Lei scrive che le amministrative“Non è vero che non contano nulla”, certo però la maggioranza delle liste erano civiche e pochi i simboli di partito, sono comunque elezioni locali con 13 milioni di votanti, mentre lei denigra il 40% del PD alle europee, “specchio bugiardo” in una consultazione nazionale!!! (Parte 1)

Giorgio1952

Mar, 07/06/2016 - 17:17

Tramontano forse sta parlando di Belrusconi a proposito di arroganza, sagacia che si trasforma in furbizia da fiera delle tre carte, le promesse in chiacchiere, la simpatia in battute come “Sa qual è la differenza tra una supposta e un carciofo?”, Lei ha scritto che “il PD arranca, non stupisce, non incanta e perde il fascino elettorale” e che a questo, “va aggiunto il clamoroso errore di snobbare le amministrative, anticipando di fatto la campagna elettorale per il referendum. Morale: comparando i voti di queste elezioni il «no» avrebbe il 62,5% mentre il «sì» appena il 37,5%”, le domando allora dov’è il problema? State sereni (Parte 2)

jackmarmitta

Mar, 07/06/2016 - 17:39

UN CIALTRONE, UN PALLONE GONFIATO , UN CHIACCHIERONE BUONO A NULLA , APPENA LA BREZZA è CAMBIATA COMINCIA A SCIVOLARE NEL BURRONE LA FESTA è FINITA, VAI DAI TUOI AMICI VERDINI E NAPOLITANO A LECCARTI LE FERITE

unosolo

Mar, 07/06/2016 - 17:59

ma quale quid porta proprio sfiga . ha distrutto quello che funzionava bene e lo ha ridotto in deficit , basta seguire andamento INPS , nonostante abbia messo un suo uomo che spende milioni per un mega ufficio a spese dei pensionati e del mancato adeguamento delle pensioni oltre a non aver rispettato la sentenza , porta sfiga e ruba soldi direttamente dalle buste paga , manina cortissima e manco i soldi al partito versa , si sente esentato o solo abitudine prese in quel di Firenze mai pagato nulla ?

Ritratto di combirio

combirio

Mar, 07/06/2016 - 22:49

Mi stupisco come Frottolo abbia ancora il 30% di consenso. Una spiegazione c'è, e sono tutte quelle Capre in cui si annidano raccomandati di ogni genere, Fancazzisti in cassa integrazione perenne che nel tempo libero fanno il secondo lavoro, industriali baciati dalle grazie di aver scelto la Sinistra per i guadagni, e parassiti di ogni genere. Se il M5S e le forze sane come LEGA, FDI; e FI con la fuori uscita delle facce marce e traditori vari, si alleassero si avrebbe veramente la forza di cambiare l' Italia in meglio.

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Mer, 08/06/2016 - 12:09

Governare non è mai facile: in tempi di crisi è difficilissimo. Per risanare i conti e far ripartire l’economia occorrerebbero politiche di destra lacrime e sangue che nessuno, neppure la destra, riesce ad imporre. Se poi queste politiche devono venire da sinistra è ancora più difficile: inevitabilmente si perde consenso ed appoggio parlamentare. Renzi, e lo dico da non renziano, si barcamena ed arrabatta come può: allarga la sua maggioranza a gente che aspira solo la poltrona, mossa che lo allontana dal suo elettorato tradizionale. Nonostante ciò penso che la modifica costituzionale proposta da Renzi sia meglio di nulla e mi auguro una vittoria del SI.

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Mer, 08/06/2016 - 12:37

Editoriale impeccabile, analisi perfetta: complimenti a chi lo ha scritto.

Ritratto di manasse

manasse

Mer, 08/06/2016 - 13:23

in effetti a forza di epurazioni in rai di giornalisti che pur essendo dalla sua parte politica dicono se non tutta almeno una parziale verità da fastidio al ducetto figurarsi di giornalisti come Porro o blog come il legno storto che stamane è stato chiuso dal web,però per diventare ancora più DUCE dovrebbe bruciare anche i libri che non li vanno a genio allora sì sarebbe MISSIONE COMPIUTA

Ritratto di Aulin

Aulin

Gio, 09/06/2016 - 01:53

Reference, sottoscrivo. Unica cosa: la sinistra non vince per culo, ma perchè ha ammaestrato bene il suo popolo che va SEMPRE a votare. Molti elettori di destra non votano più, e ci vuole qualcuno che li convinca a tornare a votare. Come fai notare tu, la sinistra non ha mai cambiato di una virgola la sua percentuale di elettori, che è da anni sempre attorno al 25%.

Beaufou

Gio, 09/06/2016 - 09:58

@ linoalo1: per tutti, la matematica non è un'opinione, tranne che per linoalo1, parrebbe...Ahahah. Sicuro di saper calcolare le percentuali? O aveva la calcolatrice con la batteria scarica? Ri-ahahah. L'italiano, invece, può anche essere un'opinione (discutibile), quindi su quello non commento. Ri-ri-ahahah.