Milano, ebreo ferito in strada con nove coltellate

Nove coltellate a volto e torace. Vittima un ebreo ortodosso. Si tratta del genero di un rabbino Hetzkia Levi

Nove coltellate a volto e torace. Vittima un ebreo ortodosso. Si tratta del genero di un rabbino Hetzkia Levi. Il ferimento è avvenuto in via San Gimignano alle 20.15. L'uomo è stato trasportato in codice giallo al Niguarda e sarebbe fuori pericolo. L’aggressore, dalle prime informazioni, era incappucciato ed è fuggito. Da fonti della comunità ebraica, l’uomo ferito è il genero di un rabbino di origine afghana in visita con la figlia a Milano. L’episodio è avvenuto davanti a un ristorante kosher.

Secondo la ricostruzione della polizia, la vittima, 40enne, israeliano, vestito con abiti tradizionali ricondubili alla religione ebraica stava camminando da solo per strada dirigendosi verso casa ed é stato colpito da tre fendenti alla schiena (meno profondi) e uno al volto (più profondo) da uno sconosciuto che lo ha aggredito alle spalle per poi fuggire repentinamente. Al momento, spiega la polizia, si stanno ancora accertando le ragioni del gesto.

"Esprimo tutto lo sgomento della comunità ebraica per il ferimento del cittadino italiano di religione ebraica ferito a Milano. L’uomo fortunatamente non è grave". Lo dichiara all’Ansa la presidente della Comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello. "Dobbiamo constatare che l’appello dell’Isis di colpire gli ebrei ovunque si trovino purtroppo sta facendo proseliti".

Commenti

forbot

Gio, 12/11/2015 - 23:10

Sono allibito ! Prego e auguro ad Hetzkia Levi una rapida e pronta guarigione e spero in un sicuro severo castigo per l'assalitore. Non si deve permettere assolutamente che questi episodi avvengano in Italia. Offrire accoglienza e la sicurezza?-

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 12/11/2015 - 23:21

Questo dovrebbe allarmare gli italiani, questi sono i veri insulti, le offese, il vero razzismo, l'odio verso gli ebrei, non il termine "ebreaccio" usato bonariamente e senza intenti offensivi da Tavecchio. Vediamo cosa diranno adesso i moralisti col timer, quelli che si svegliano solo quando gli fa comodo.

Ritratto di Quasar

Quasar

Ven, 13/11/2015 - 00:59

e pensare che le polizie di mezza Europa hanno arrestato ben 17 jihadisti...un nulla.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 13/11/2015 - 01:00

Lascio indovinare voi, di dove possa essere questa risorsa che ha accoltellato l'ebreo. Non poteva difendersi perchè la legge non ammette che la vittima adoperi armi, tanto ci sono le forze dell'ordine ed ultimo si tratta di qualche mela marcia. Così direbbe qualcuno.

Ritratto di giangol

giangol

Ven, 13/11/2015 - 08:53

non strumentalizziamo quanto accaduto per favore! milano è ed rimane una delle città più sicure della galassia, fonte sboldrina-pidioti

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Ven, 13/11/2015 - 09:30

Dobbiamo vedere il problema sotto l'aspetto della natura. Quando un predatore NON ha nemici naturali tende a espandersi per allargare il suo areale di caccia. Gli islamici, in Italia e in Europa, non hanno NEMICI che li tengono a bada, anzi, sono coccolati e vezzeggiati per la malsana idea che siano delle povere vittime che si difendono. A mio modesto parere è ora che sti fanatici religiosi comincino ad aver PAURA, condizione INDISPENSABILE per indurli a ripulire A DENUNCIARE i fanatici jihadisti delle loro comunità se VERAMENTE hanno intenzione di distinguersi da loro.

Adolph

Ven, 13/11/2015 - 10:02

Eccoci , succede all' ebreo , per motivi ancora da dimostrare , si agitano tutti : notizia di stamani agitazione e mobilitazione delle autorita' . Accade ad un connazionale subito a fare dietrologia .

paolonardi

Ven, 13/11/2015 - 10:07

Tutta la mia solidarieta' ed affetto al ferito e alla comunita' ebraica italiana. Al giornalista un appunto sulla grammatica italiana sulla scia della signora Boldrini che, in una scuola seria sarabbe stata bocciata. Presidente e' un sostantivo singolare maschile e gli aggettivi ed articoli che gli si riferiscono devono concordare in genere e numero; per questa ragione la sig.ra Ruth Dureghello e' "il" presidente della Comunita'.

Clericus

Ven, 13/11/2015 - 10:44

Riflettete. Un ebreo che vive a Milano o comunque in Europa molto probabilmente non è sionista; se lo fosse infatti emigrerebbe in Israele. Certo potrà avere amici e parenti laggiù ma questa è un'altra storia.

honhil

Ven, 13/11/2015 - 11:35

Si spera soltanto che non sia il frutto nero di questa invasione chiamata ipocritamente accoglienza.

marco.olt

Ven, 13/11/2015 - 11:51

100% al fianco di ISRAELE, tutta la solidarietà al ferito. Al solito i vigliacchi e gli idioti colpiscono gli innocenti.

Ritratto di Pilsudski

Pilsudski

Ven, 13/11/2015 - 12:50

Esprimo la mia solidarieta' alla vittima e la mia indignazione per la lurida politica filoislamica del governo buonista/pidiota, che e' la vera responsabile di questi fatti di sangue. L'Italia e', per gli integralisti islamici, il paese del Bengodi: i clandestini vengono accolti con affetto da "preti pistola" e pie donne radicalchic, sussidiati, alloggiati in alberghi di lusso, e lasciati liberi di organizzare azioni criminali a loro piacimento. Gli aggressori del Sig. Goff probabilmente non verranno neppure cercati; se cercati, probabilmente non verranno presi; e se venissero presi sarebbero rilasciati subito su intervento di qualche toga rossa filopalestinese, di associazioni tipo "Nessuno tocchi Caino", o dei giornalisti di regime. Nel frattempo le autorita' tricolori hanno cose ben piu' importanti da fare, come organizzare il boicottaggio degli agrumi israeliani. Con cio' dimostrando che, per funzionalita' cerebrale, sono davvero alla frutta.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 13/11/2015 - 22:56

C'è poco da accertare. È senza dubbio il gesto di un fanatico assassino mussulmano che vive tra noi e cova l'odio che gli viene insegnato dal Corano. Uno dei tanti che dispensano la pace e la misericordia mussulmana. UN MAOMETTANO CHE MISERICORDIOSAMENTE DISPENSA LA PACE ETERNA.