Milano, prima vittima per il freddo: clochard trovato morto vicino alla stazione

All'arrivo dei soccorritori, l'uomo, un 47enne italiano, si trovava in arresto cardiaco. Senza successo i tentativi di rianimarlo. Aveva rifiutato il ricovero

Da Nord a Sud è scattato l'allarme gelicidio. L'ondata di freddo siberiano che sta colpendo in questi giorni tutta Italia ha fatto la sua prima vittima. Un senza fissa dimora è stato trovato morto questa mattina a Milano nei pressi della Stazione Centrale. All'arrivo dei soccorritori del 118, l'uomo, un 47enne italiano, si trovava in arresto cardiaco. Senza successo i tentativi di rianimarlo.

Secondo le prime indiscrezioni, l'uomo aveva fatto lo chef nei ristoranti, poi le difficoltà economiche dovute alla separazione lo avevano costretto alla vita in strada. Sarebbe stato il portinaio del civico 22 di via Vittor Pisani a trovarlo per primo e a lanciare l'allarme.

Sono proprio i portici di via Vittor Pisani a essere utilizzati spesso come riparo dai clochard durante la notte. Stando ai primi accertamenti è probabile che l'uomo sia rimasto vittima del freddo. Nella notte a Milano le temperature sono scese fino a -6 gradi. Ieri il Comune aveva diramato un avviso informando della presenza di alcune centinaia i posti liberi nelle strutture di accoglienza per i senza fissa dimora, ma l'uomo aveva rifiutato l'aiuto delle unità mobili di soccorso.

Le reazioni

"Non sappiamo se sia stato il freddo a stroncarlo - ha scritto su Facebook l'assessore alle politiche sociali del Comune di Milano, Pierfrancesco Majorino -. Nell'esprimere la nostra tristezza, non possiamo fare altro che insistere sulla strada di questi giorni. Aumentare al massimo gli sforzi perchè tutti accettino le nostre proposte d'accoglienza (i posti ci sono). Chi rifiuta l'inserimento nelle nostre strutture mette a repentaglio la propria vita. Siamo ovviamente molto preoccupati per i rischi che tanti corrono".

"La tragica notizia della scomparsa di un senzatetto rafforza la nostra convinzione che queste persone vanno aiutate. Per questo non fermeremo la nostra azione: già da stamane Polizia Locale e Protezione Civile sono di nuovo all’opera per aiutare e convincere i senzatetto ad accettare l’aiuto di Milano". Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha commentato su Facebook la morte del clochard.

Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 27/02/2018 - 10:48

vedete, se lo spedivano a Palermo non moriva. Perchè non spedirli tutti in Sicilia d'inverno? Ci sono 14 gradi quando in altre città ce ne sono meno 10 di gradi in questi giorni. Su, fate un'opera pia, portateli tutti al sud.

Ritratto di tangarone

tangarone

Mar, 27/02/2018 - 10:54

Ipocrisia allo stato puro. I senzatetto italiani muoiono al freddo mentre la feccia clandeestina è ospitata al caldo in hotel e pure si lamentano se la wifi non funziona. MA BASTA!

MEFEL68

Mar, 27/02/2018 - 10:55

Non so come stiano adesso le cose, ma so di certo che una volta, c'erano i dormitori pubblici comunali dove i senzatetto potevano trovare un letto e un ambiente riscaldato. Sempre meglio che dormire per terra al gelo o morire in una scatola di cartone. Con quest'atto umanitario, senza cooperative, ONG e parassiti vari, si darebbe un po'di dignità a chi ha bisogno e alla città intera.

piazzapulita52

Mar, 27/02/2018 - 10:57

Questo povero connazionale è l'ennesima vittima che hanno sulla coscienza i traditori della Patria! Se fosse stato una "risorsa" sarebbe ancora vivo in quanto ospitato gratis al caldo con tanto di colazione, pranzo e cena! CHE SCHIFO!!!

Ritratto di llull

llull

Mar, 27/02/2018 - 11:06

In compenso ospitiamo i clandestini (ovvero gente che non ha titolo a stare in questo paese) in hotel a 4 stelle. Pover'uomo. Che Dio lo abbia in gloria.

Ritratto di adl

adl

Mar, 27/02/2018 - 11:54

Mi perdoni, Marianna, "gelicidio", non si può leggere !!!!!

Ritratto di risorgimento2015

risorgimento2015

Mar, 27/02/2018 - 11:56

E` che te pareva ...sono sempre gli Italiani a rimeterci !

pasquinomaicontento

Mar, 27/02/2018 - 12:00

Sotto quer mucchio de stracci, chi ce pò esse'se non un "ITALIANO" magara buttato fora de casa perchè è stato licenziato per chiusura attività dove lavorava e nun potenno pagà la pigione... mentre i colored sono ospitati in hotel sulla riviera romagnola...robba da pijà a cazzotti er primo che passa, pe' fatte portà in galera:armeno dormi su 'na brandina.De questi, a Roma, ne trovi e pure tanti, tempo fa, mo nun je la faccio manco a camminà, me facevo un giro pe' le stazioni de Termini,Tiburtina, Ostiense,:ma'ndo vai co' 'sto freddo, ma stattene a casa,era il ritornello...quarche sigaretta,'na litrata de caffè dentro un termose un po' de bicchierini de plastica e vai...e me sentivo sollevato,mo nun c'ho più manco le lacrime pe piagne...li mortacci loro...

Ritratto di TreeOfLife

TreeOfLife

Mar, 27/02/2018 - 12:08

2018, XXI secolo: dobbiamo ancora leggere queste cronache assurde, mi sento imbarazzato come essere umano, mi vergogno come Italiano. Si parla e si spende denaro per diritti vacui, superficiali o contro natura, con il dovere coatto di porgere le mani ricolme di ogni opulenza per aumentare l'epa dei figli senza identità degli altri, e lasciamo i nostri a giacere affamati sui marciapiedi in balia del proprio vuoto siderale, a volte riempito dalle gibbose allucinazioni dell'alcool, forse l'ultima discreta soddisfazione prima dell'atteso repente trapasso. Le leonesse del Parlamento non parleranno di lui, nemmeno i loro fratelli avvoltoi che si condividono il pasto fraterno delle nostre fatiche: è solo morto un italiano, un vero italiano.

il sorpasso

Mar, 27/02/2018 - 12:25

Il governo si deve vergognare: ospita in Hotel i migranti e lasciano morire di freddo i clochard!

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 27/02/2018 - 12:51

do-ut-des, ti auguro la stessa sorte; bestia!

Ritratto di TreeOfLife

TreeOfLife

Mar, 27/02/2018 - 13:28

Do-ut-des 10:48-la sua potrebbe essere una soluzione, sebbene non risolutiva al problema. Le propongo il nostro modello norvegese per i Norvegesi, sicuramente più civile e umano della sua proposta: nessuno resta senza casa, lavoro, istruzione, formazione e supporto psicologico, lo Stato ti supporta in tutto, ma se non vuoi aiuto perché motivato da idee personali o inettitudine, responsabilemente ti arrangi. La povertà infatti è quasi inesistente, la disoccupazione quasi a 0, homeless si diventa solo per scelta volontaria. Latitudine diversa ma sempre Europa è. Cordiali saluti.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 27/02/2018 - 14:34

tutti i clochard a Napoli "o paese do sole". Caspita ora nevica pure. Mannaggia 'o pataturco. @giovinap.proprio a me auguri la morte, sono del tuo stesso sangue. Pozzitau.... a giovinap, guardame 'n faccia. Ora che sono "patano" e pure juventino. Sapessi quanti napoletani sono juventini. Magari "puricchiu".

ziobeppe1951

Mar, 27/02/2018 - 18:55

Ammarò, mi sa che ci toccherà metter mano al portafogli