Milano, prima vittima per il freddo: clochard trovato morto vicino alla stazione

All'arrivo dei soccorritori, l'uomo, un 47enne italiano, si trovava in arresto cardiaco. Senza successo i tentativi di rianimarlo. Aveva rifiutato il ricovero

Milano, prima vittima per il freddo: clochard trovato morto vicino alla stazione

Da Nord a Sud è scattato l'allarme gelicidio. L'ondata di freddo siberiano che sta colpendo in questi giorni tutta Italia ha fatto la sua prima vittima. Un senza fissa dimora è stato trovato morto questa mattina a Milano nei pressi della Stazione Centrale. All'arrivo dei soccorritori del 118, l'uomo, un 47enne italiano, si trovava in arresto cardiaco. Senza successo i tentativi di rianimarlo.

Secondo le prime indiscrezioni, l'uomo aveva fatto lo chef nei ristoranti, poi le difficoltà economiche dovute alla separazione lo avevano costretto alla vita in strada. Sarebbe stato il portinaio del civico 22 di via Vittor Pisani a trovarlo per primo e a lanciare l'allarme.

Sono proprio i portici di via Vittor Pisani a essere utilizzati spesso come riparo dai clochard durante la notte. Stando ai primi accertamenti è probabile che l'uomo sia rimasto vittima del freddo. Nella notte a Milano le temperature sono scese fino a -6 gradi. Ieri il Comune aveva diramato un avviso informando della presenza di alcune centinaia i posti liberi nelle strutture di accoglienza per i senza fissa dimora, ma l'uomo aveva rifiutato l'aiuto delle unità mobili di soccorso.

Le reazioni

"Non sappiamo se sia stato il freddo a stroncarlo - ha scritto su Facebook l'assessore alle politiche sociali del Comune di Milano, Pierfrancesco Majorino -. Nell'esprimere la nostra tristezza, non possiamo fare altro che insistere sulla strada di questi giorni. Aumentare al massimo gli sforzi perchè tutti accettino le nostre proposte d'accoglienza (i posti ci sono). Chi rifiuta l'inserimento nelle nostre strutture mette a repentaglio la propria vita. Siamo ovviamente molto preoccupati per i rischi che tanti corrono".

"La tragica notizia della scomparsa di un senzatetto rafforza la nostra convinzione che queste persone vanno aiutate. Per questo non fermeremo la nostra azione: già da stamane Polizia Locale e Protezione Civile sono di nuovo all’opera per aiutare e convincere i senzatetto ad accettare l’aiuto di Milano". Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha commentato su Facebook la morte del clochard.