Omicidio di Teramo, l'assassino si è suicidato

Si è impiccato nel suo appartamento Enrico De Luca, l'uomo che ieri pomeriggio ha sgozzato la dottoressa Ester Pasqualoni davanti all'ospedale di Sant'Omero

Lo hanno trovato morto suicida nel suo appartamento di Martinsicuro. Questa la fine di Enrico De Luca, l'assassino della dottoressa di 53 anni sgozzata ieri pomeriggio di fronte all'ospedale dove lavorava, a Sant'Omero (Te). Secondo le indagini degli inquirenti l'uomo, un investigatore privato di 65 anni, era una persona che da tempo "infastidiva la vittima", quindi uno stalker.

Brutale la dinamica dell'omicidio, compiuto di fronte al day hospital oncologico di cui la dottoressa era responsabile. Ester Pasqualoni aveva appena terminato il suo turno di lavoro e stava andando a prendere l'auto, quando è stata aggredita e uccisa.

La dottoressa, che viveva in una casa di Roseto degli Abruzzi, nel Teramano, negli ultimi anni aveva denunciato più volte un uomo che la perseguitava. Nelle ultime ore la polizia era sulle sue tracce e lo ha raggiunto nella sua abitazione di Martinsicuro, a circa 25 chilometri dal luogo dell'omicidio: ma per il killer, ormai, non c'era più niente da fare.

Inquietante il racconto da parte di un'amica della vittima sulla storia di stalking di cui era stata protagonista negli ultimi anni. Le denunce della donna "erano state archiviate per un vizio di forma" dal commissariato di Atri. L'omicidio della dottoressa 53enne sarebbe maturato, dunque, nell'ambito di una vicenda di molestie.

Sotto l'appartamento di De Luca è stata ritrovata un'auto con tracce di sangue: è la stessa vettura che alcuni testimoni avrebbero visto allontanarsi in fretta dal luogo del delitto.

Le indagini sono state affidate ai carabinieri del comando provinciale di Teramo. Ulteriori elementi saranno raccolti nelle prossime ore.

Commenti

i-taglianibravagente

Gio, 22/06/2017 - 12:57

Coloro che non hanno agito, hanno sulla coscienza 2 morti. Le denunce per stalking sono trascurate nella maggior parte dei casi. E ancora maggiori sono i casi in cui nessuno di coloro che avrebbe dovuto agire contro lo stalker viene perseguito....polizia, carabinieri, pubblici ministeri, giudici... i soliti insomma.

cecco61

Gio, 22/06/2017 - 13:04

Posso solo augurarmi che le notizie disponibili ad oggi siano solo un coacervo di voci incontrollate e non rispondenti alla realtà. Altrimenti, ennesima morte inutile dovuta esclusivamente alla burocrazia italiana o comunque all'inefficienza di chi è preposto alla salvaguardia e difesa dei cittadini. Ben presto non basterà più detenere un arma in casa, ma dovremo veramente girare, come nel Far West, con la pistola alla cintura con buona pace dei buonisti sinistrati che continuano a ripetere che sono sufficienti antifurti e denuncia alle Forze dell'Ordine.

evuggio

Gio, 22/06/2017 - 13:24

invece l'imbecillità di chi è responsabile di irragionevole lassismo e omissione, continua a farla franca!

lento

Gio, 22/06/2017 - 14:56

Questo e' omicidio della polizia e giudici. Non hanno capita lei non hanno capito la pericolosita' di lui.

i-taglianibravagente

Gio, 22/06/2017 - 15:40

Se almeno potessimo pagare meno tasse, per il fatto che nella maggior parte dei casi di furto, omicidio e torti subiti non siamo minimamente tutelati e il servizio pubblico che PAGHIAMO NON ESISTE... e invece no. Perche' chi CAMPA facendo finta di fare il poliziotto, il giudice, il politico deve comunque CAMPARE...

Ritratto di lurabo

lurabo

Gio, 22/06/2017 - 15:48

eppure dicono di denunciare quando si è soggetti a stalking, ci sono un sacco di organi preposti per la tutela delle persone soggette a stalking.. mha, mi viene il vomito........

venco

Gio, 22/06/2017 - 15:51

Il killer doveva farsi quest'opera buona prima di uccidere.

Ritratto di Trasibulo

Trasibulo

Gio, 22/06/2017 - 15:56

Ecco un altro capolavoro - uno dei tanti - della c.d. legge Basaglia, vera apoteosi del buonismo sinistroide, che ha abolito i manicomi, ma evidentemente non i matti. Chi compie atti di questo genere è chiaro che ha al posto del cervello un ammasso di vermi ed è altrettanto chiaro che anziché circolare libero come l'aria, libero di importunare e minacciare una donna indifesa, questo tizio doveva stare rinchiuso in un ospedale psichiatrico, in modo da non nuocere a sé stesso e soprattutto agli altri.

gianrico45

Ven, 23/06/2017 - 02:48

Dovrebbero cambiare la legge.Per questi tipi di reato, la pazzia dovrebbe essere considerata una aggravante non una attenuante.Altrimenti è troppo comodo per loro, essere liberi perché considerati persone normali e poi non condannabili perché riconosciuti insani di mente quando commettono i delitti.

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Ven, 23/06/2017 - 08:58

I carabinieri hanno di meglio da fare, tipo fare le multe a me se viaggio senza cintura o se faccio i 51 km/h

luca123

Ven, 23/06/2017 - 10:16

Bisogna pensare che molte volte molte persone pensano di essere perseguitate e telefono continuamente alla polizia.La maggior parte delle volte è frutto della loro immaginazione e la polizia non può stare dietro a tute le denunce.Molte volte è meglio lasciare perdere.Diciamo tralasciare

luca123

Ven, 23/06/2017 - 10:17

E molte volte è frutto solo della loro fantasia.Non esiste nessun persecutore:)

Ritratto di Flex

Flex

Ven, 23/06/2017 - 11:03

Ora non dimentichiamoci di chi avrebbe dovuto fare e non ha fatto.

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Ven, 23/06/2017 - 12:22

bene! ma doveva farlo prima.

Mobius

Ven, 23/06/2017 - 13:18

Alla fine il killer ha mostrato più buonsenso dei giudici che l'avevano lasciato libero.